De Gregori a Presicce

I Colori dell’Olio, un viaggio tra tradizione popolare e musica contemporanea che dura da ormai 10 anni e che ha come scopo la valorizzazione di Presicce e dell’olio extravergine d’oliva.
“La manifestazione”, spiegano gli organizzatori, “segue un percorso culturale incentrato sull’olio come elemento di continuità tra passato e futuro”.
La location della manifestazione è Piazza delle Regioni, qui verranno allestiti i giochi, il palco e gli stand con i produttori di olio del territorio; dalla piazza si dirameranno tutte le attività. Immancabili gli stand culinari dove i turisti potranno deliziarsi con i prodotti della cucina tipica salentina (anche senza glutine).
Ancora una volta sarà la musica al centro di tutto con grandi concerti (tutti ad ingresso libero) che avranno il loro clou nella serata finale e lo sbarco a Presicce di De Gregori.
Questo il programma del festival: venerdì 17 agosto, Lu Rusciu Nosciu, Matteo Cazzato (da Amici) e Indiano Salentino; sabato 18, Sperla Rootzie & T.B.H. – The Bright Helmets, Uchieman e Nesli; infine domenica 19 potremo contare da vivo, insieme al grande Francesco De Gregori, canzoni che hanno fatto la storia della musica italiana come Rimmel, La Donna Cannone, Generale, Alice, Titanic, La storia siamo noi, La leva calcistica del ’68 e tante altre che hanno fatto la storia della musica italiana.
Una delle caratteristiche principali e punto di forza della manifestazione è l’allestimento dei giochi di un tempo, ideati per i bambini e capaci di far divertire anche gli adulti.
In una scenografia realizzata completamente con paglia e attrezzature rudimentali, i visitatori potranno riscoprire i divertimenti semplici di un tempo e cimentarsi nei seguenti giochi: gioco delle freccette, gioco del pescatore, tiro del dischetto, gioco della ruota, gioco degli asinelli e gioco delle anfore.
A Presicce, dal 17 al 19 agosto, brillerà la stessa de I Colori dell’Olio: tradizione popolare, la migliore musica contemporanea, ottimo cibo e divertimento

Tags:


Commenti

commenti