Connect with us

Alessano

Giullari Senza Frontiere nel Salento

Per portare un sorriso tra i ragazzi rifugiati a Tricase, Alessano, Gagliano del Capo e Salve

Pubblicato

il

Far ridere i bambini è l’impresa più bella che un adulto possa compiere. Se poi si tratta di ragazzi che hanno attraversato momenti di dolore, viaggi difficili e sofferenze, l’impresa diventa doppiamente importante.

Per questo Arci Lecce ha deciso di ospitare dal 30 marzo al 1 aprile i Giullari Senza frontiere, per dare un sorriso ad oltre 210 ragazzi ospiti delle sedi dei centri di accoglienza straordinaria che cura nel Salento.

Ideato e sostenuto dall’associazione Annulliamo la Distanza di Firenze, il progetto dei Giullari Senza Frontiere è già stato implementato con successo nel 2016 in Albania, presso gli orfanotrofi della città di Scutari.

Utilizzando la risata come mezzo terapeutico, il progetto mira ad alleviare la pressione psicologica sui bambini attraverso il linguaggio universale del clown, regalando istanti di felicità e immaginazione positiva ai ragazzi che provengono da un’esperienza difficile come quella della migrazione.

Quest’oggi i giullari sono nei centri di Tricase (fino a  mezzogiorno) e Andrano (dalle 12); domani, venerdì 31 marzo ad Alessano (alle 10) e Gagliano del Capo (alle 12); sabato 1° aprile alle 11 al Cas di Salve.

I Giullari Senza Frontiere utilizzano la tecnica del clown e altre tecniche circensi in chiave ironica e sorprendente: giocoleria, con palline, clave, diablo, danza delle sfere (contact juggling), equilibrismo (monocicli e corda molle) e musica, sia dal vivo che registrata.

Il loro intervento ha una durata variabile tra i 30 e i 70 minuti. Parte fondamentale del progetto è il tempo di permanenza dopo lo spettacolo, nel quale si interrompono le “barriere” tra artista e pubblico e si amplifica un momento di contatto e scambio diretto.

I Giullari Senza Frontiere usano una ricerca che va dal teatro di figura a quello di strada, dando luogo alla magia dello spettacolo, dello stare con la gente tra la gente. È in questa magia che pubblico ed artista si fondono e si confondono immedesimandosi in un’esperienza unica grazie al tramite dell’unico linguaggio veramente universale, quello del clown, del bambino, delle emozioni.

Durante lo spettacolo, un fotografo professionista di Annulliamo la Distanza scatterà fotografie con lo scopo di realizzare un reportage fotografico che documenti anche le reazioni dei ragazzi. A seguire, le fotografie saranno pubblicate in una mostra fotografica a Firenze, che si inaugurerà ufficialmente il prossimo 20 novembre in occasione della Giornata Mondiale dei diritti del Fanciullo.

Si potrà assistere ad un’anteprima della mostra il 7 ottobre a Firenze, in occasione della festa per i vent’anni di attività di Annulliamo la Distanza a favore dei bambini e adolescenti di tutto il mondo.

Alessano

Pompieri salvano rondine

Era ferita ed aveva perso una zampetta nel tentativo di svincolarsi dalla fessura del muro dove era rimasta imprigionata a 10 metri di altezza

Pubblicato

il

I vigili del fuoco sono intervenuti questa mattina ad Alessano per salvare una piccola rondine rimasta incastrata.

Il piccolo volatile era ferito ed aveva perso una zampetta nel tentativo di svincolarsi dalla fessura del muro dove era rimasta imprigionata.

Intorno alle 8,30, i pompieri del distaccamento di Tricase allertati da abitanti del posto sono intervenuti in via Oronzo Costa e si sono arrampicati fino a 10 metri di altezza per liberare il volatile.

Dopo averla salvata i vigili del fuoco hanno consegnato la rondine alla polizia locale di Alessano che, a sua volta, ha  provveduto a trasportarla al Museo di Storia Naturale del Salento,  centro recupero fauna selvatica in difficoltà dove l’animaletto sarà curato.

Continua a Leggere

Alessano

Alessano aspetta Max Gazzè

Il nuovo tour farà tappa al Festival dei Paesaggi culturali del Capo di Leuca

Pubblicato

il

Max Gazzè torna in Salento sabato 10 agosto con un concerto ad Alessano (Campo Sportivo “A.Mele” – start ore 22) in occasione del “Festival dei Paesaggi culturali del Capo di Leuca” organizzato dall’associazione culturale L.I.B.E.R. Azione con la compartecipazione della Regione Puglia Dipartimento Industria turistica e culturale, del Comune di Alessano e del GUS Gruppo Umana Solidarietà.

Il 2019 sarà un anno on the road per Max Gazzè. L’artista ha anticipato ai fan il suo programma per i prossimi mesi: tornare al suo primo amore, la musica live, e girare l’Italia in concerto. Così dopo il tour per i 20 anni de La Favola di Adamo ed Eva e il successo di Alchemaya, Gazzè ritorna sui palchi d’Italia con un grande concerto con il suo intero repertorio, dagli inizi alle ultime hit. Insieme a lui, in questo nuovo viaggio, i suoi musicisti di sempre: Giorgio Baldi (chitarre), Cristiano Micalizzi (batteria), Clemente Ferrari (tastiere) e Max Dedo e una particolarissima sezione fiati.

Ogni concerto avrà una sua particolarità, come il concerto del 12 luglio a Perugia per UmbriaJazz, dove Max sarà accompagnato da Alex Britti e dal batterista francese Manu Katchè. Un evento speciale, un remake di In Missione per conto di dio, andato in scena nell’estate del 2017 nella Cavea dell’Auditorium Parco della Musica di Roma con, per la prima volta, Manu Katchè alla batteria. Altro evento speciale del tour sarà quello del 5 luglio al Collisioni Festival, Max dividerà il palco, per la prima volta, con Carl Brave. con cui ha collaborato per il singolo Posso, già Disco di Platino.

Bassista d’eccezione, straordinario musicista, compositore di opere ‘sintoniche’ e colonne sonore, attore sporadico: Max Gazzè è un artista capace di spostarsi in ambiti diversissimi sempre con successo. Appuntamento imperdibile sabato 10 agosto 2019 al Campo sportivo di Alessano per il “Festival dei Paesaggi culturali del Capo di Leuca”. I biglietti sono acquistabili online sul sito internet di Ticket One (ingresso con prevendita: 25€ – Info +393288149 559) oppure recandosi presso Radio Venere, radio partner ufficiale dell’evento.

Il concerto di Max Gazzè rientra in un fitto calendario di eventi che si terranno ad Alessano nel corso dell’estate 2019 e che vanta tra i protagonisti anche il Canzoniere Grecanico Salentino  (lo scorso 6 luglio a Novaglie), i Radiodervish  il 21 agosto (Piazza Mercato), “Una notte nel Borgo” (VI edizione nel centro storico) il 22 agosto.

Sebbene gli spettacoli si concentrino tutti su Alessano, dal mese di maggio sono partite una serie di attività culturali che hanno coinvolto le scuole e le comunità attraverso visite guidate sui territori di Salve, Patù, Alessano, Tricase, Muro Leccese, Tiggiano; laboratori politematici tra cui preparazione del pane e della pasta fatta a casa, laboratorio di apicoltura con degustazione del Miele; trekking sul vicino sentiero delle Cipolliane, mostre, ecc.. Altre attività culturali verranno realizzate in concomitanza con gli spettacoli: le proiezioni del Cinema del Reale, varie mostre dedicate al paesaggio, presentazioni di libri con la Libreria Idrusa(come il libro sulla ciclovia dell’Acquedotto Pugliese), laboratori per bambini e tanto altro ancora. Tutto questo è possibile grazie ad una fitta rete di contatti e relazioni intessuta in questi anni: ad esempio i partner della rete Sac (Cooperativa Terrarossa di Tiggiano, l’Associazione Archès di Salve, Meditinere di Tricase, “Espero” Spin-off dell’Università del Salento, la Cooperativa Terradimezzo di Giurdignano, Salento Verticale), e ancora, altri partner istituzionali o semi istituzionali tra cui il Gal Capo di Leuca, e il già citato Parco Otranto Leuca.

Continua a Leggere

Alessano

Stalking e tentata estorsione: arresto ad Alessano

Perseguitava donna del posto dopo storia finita male: “Se mi paghi ti lascio in pace”

Pubblicato

il

Lei di Alessano e lui di Palm Beach (Florida), ma originario della Repubblica Ceca, si erano conosciuti in Svizzera.

Una storia con un intreccio internazionale, finisce male in Salento dove l’uomo, 60enne, è finito in arresto per atti persecutori e tentata estorsione ai danni di una 66enne del posto.

La passione infatti (durata poco) avrebbe lasciato spazio alla persecuzione: lui, Daniel Zdenek Cis il suo nome, avrebbe iniziato a importunare la donna per spingerla a tornare insieme. Non pago, non si sarebbe arreso davanti al diniego della oggi 66enne, pretendendo da lei 100mila euro in cambio dei quali l’avrebbe lasciata in pace e sarebbe tornato negli Usa. E perseverando, avrebbe provato ad estorcerle anche l’eredità.

La storia vive l’ultima tappa nella giornata di ieri quando il 60enne, a margine del processo che lo ha visto condannato a 5 anni, è stato tratto in arresto dai carabinieri.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus