Connect with us

Appuntamenti

Il ritmo della memoria: la musica a Terezín

Venerdì 27 a Tricase concerto e testimonianze dei sopravvisuti per “la giornata della memoria”

Pubblicato

il

 

In occasione della ricorrenza de “La Giornata della Memoria” 2017, Il Liceo Scientifico – Classico “G. Stampacchia” e il Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce, venerdì 27 gennaio alle ore 11, presso la Chiesa di Sant’Antonio a Tricase hanno organizzato: “Il Ritmo della Memoria: la Musica a Terezín – La musica per credere, lottare e commemorare”.

Il programma dell’iniziativa prevede un concerto dell’orchestra composta da 28 studenti dello stesso Liceo, tre dell’ Istituto Comprensivo “G. Pascoli” e sei dell’Istituto Comprensivo di via Apulia, diretti dal maestro Paolo Ferulli, docente di violoncello e direttore dell’Orchestra giovanile del Conservatorio. Eseguirà tre brani tratti dall’Opera: “Il coraggio di Mischke” di Giuseppe Gigante, uno dei quali interpretato dalla voce del soprano Giuliana Musarò ed il brano di J. Williams,  Schindler’s List. Il concerto sarà eccezionalmente aperto dal maestro Francesco Scarcella che eseguirà due brani con organo: O. Messiaen – Quatuor pour la fin du temps e V. Louange à l’ Éternité de Jésus e L. Boellmann – Toccata dalla Suite Gothique Op. 25.                        

affissioneLa musica e alcuni brevi istanti di poesia e prosa saranno lo sfondo dell’evento, reso ancor più realistico e suggestivo dalle testimonianza di alcuni degli ultimi sopravvissuti salentini ancora in vita, permettendo agli studenti di ripercorrere un viaggio nella memoria della Shoah, un viaggio non retorico non sospettoso e reticente ma grazie al potere evocativo della parola e della musica dinamico, autentico nella convinzione che la cultura della memoria è un sapere collettivo condiviso che si fonda sul patrimonio di testi, suoni e riti destinati soprattutto alle nuove generazioni perché possano offrire nuove forme e mezzi di custodia e diffusione.

Il campo di concentramento di Terezín, nella Repubblica Ceca, a 60 km da Praga è stata una struttura di internamento e deportazione utilizzata dalle SS durante la II Guerra mondiale, è nota per aver concentrato nel campo il maggiori numero di intellettuali ebrei mitteleuropei, pittori, scrittori, musicisti e con una numerosa presenza di bambini. Presentato dai nazisti come esempio di insediamento ebraico, in realtà era un luogo di raccolta di prigionieri da smistare ai campi di sterminio di Treblinka ed Auschwitz. Su un totale di “155.000 ebrei passati da Terezín fino alla sua liberazione l’8 maggio 1945; 35.440 perirono nel ghetto e 88.000 furono deportati” per essere uccisi.

Una esclusività di Terezín, fu il gran numero di musicisti, compositori e maestri d’orchestra imprigionati. Compositori come Viktor Ullmann, Sigmund Schul, Pavel Haas, Gideon Klein, Hans Krása; maestri di orchestra come Rafael Schächter, e musicisti come Alice Herz-Sommer, Eric Vogel, Pavel Lipensky, Martin Roman e Julius Stwertka per citare i più noti. I nazisti ritennero Terezín molto importante per la loro propaganda, con il passare del tempo non solo tollerarono le manifestazioni culturali, ma erano disponibili ad agevolarle.

Il ritmo della memoria, la musica a Terezín”, è il titolo scelto per ripercorre prioritariamente l’intensità di brevi attimi vissuti dai musicisti all’interno del Campo che hanno visto nascere alcune delle più significative composizioni della letteratura musicale concentrazionaria.

La musica fu vista all’interno dei Campi come un modo per stemperare l’odio, per infondere sia la speranza in una possibile liberazione dal tiranno, sia la forza morale di poter agire in una condizione di dolore e disperazione, ma, soprattutto, uno strumento per trasmettere il valore più importante, che la musica può e deve sempre preservare, un valore forse ancora più importante della vita: la dignità dell’essere umano”.

A Terezín, inteso dal suo architetto come “campo ideale”, si finì per fondere realtà e idealità, dove tutto doveva diventare spettacolo, abbagliare e confondere, prevalse tragicamente nella musica proprio il senso etimologico del termine spettacolo: desta attenzione ciò che colpisce lo sguardo. E spesso ciò che appare è l’illusorio conforto che cerchiamo in ciò che brilla per pochi attimi. Così una parte della società fu messa a tacere, ma paradossalmente quel silenzio che per molti anni ha azzittito le coscienze oggi è diventato musicale, suona e richiede ascolto. In occasione dell’evento, il  Dirigente Scolastico, Mauro Vitale Polimeno e il corpo docente del Liceo intendono invitare gli studenti ad ascoltare anche da questo sacro silenzio, a vedere anche con gli occhi della mente e del cuore, guidati dalla voce della cultura perché non si dimentichi mai ciò che è stato.

Appuntamenti

Una Rock Room per i ragazzi in ospedale

Una serata in memoria di Fabrizio Aspromonte, il dj tricasino prematuramente scomparso nel gennaio 2018. L’incasso sarà totalmente utilizzato per la realizzazione di una Rock Room, una stanza musicale in ospedale per adolescenti e giovanissimi che affrontano cure oncologiche

Pubblicato

il

Al Mamma Li Turchi di Tricase Porto, una serata in memoria di Fabrizio Aspromonte, il dj tricasino prematuramente scomparso nel gennaio 2018. Suoneranno tutti i Dj (non solo) del Salento.

Un motivo in più per partecipare alla serata di domani mercoledì 21 agosto: l’incasso sarà totalmente utilizzato per la realizzazione di una Rock Room, una stanza musicale in ospedale per adolescenti e giovanissimi che affrontano cure oncologiche.

L’iniziativa è in collaborazione con l’Associazione Lorenzo Risolo con in testa la presidente Sonia Chetta che ha accettato con entusiasmo la proposta dell’Associazione Fabrizio Aspromonte.

Domani sera, al Mamma Li Turchi, si alterneranno alla consolle: Frank Di Rienzo, Marcello Melica, Steven The Prince, Giuseppe Scarlino, Elvix Dj, Julian Mc Cain e Diego Riveira.

Presteranno la loro voce Marco Abati, Sandro Cosi, Gianty, Andrew The Voice e Gianfranco Frakatame.

«Per ricordare un grande amico e un grande Dj»

Continua a Leggere

Appuntamenti

Vent’anni senza Roberta

Corteo a Torre San Giovanni in occasione dell’anniversario della misteriosa scomparsa della ragazza di Ugento

Pubblicato

il

Non è mai tornata, ma non è mai stata dimenticata.

Compie 20 anni l’incredibile storia della scomparsa di Roberta Martucci, uscita di casa la sera del 19 agosto 1999, a bordo di una Fiat Uno bianca per raggiungere una comitiva di amiche a Gallipoli.

La ragazza, di Ugento, all’epoca 28enne, non fece più ritorno. Le sue amiche quella sera non la videro arrivare. E, allo stesso modo, i familiari non la videro rientrare.

Qualche giorno dopo l’auto riapparve a Gallipoli. Abbandonata senza chiavi, senza libretto di circolazione e, soprattutto, senza più Roberta.

Il corteo

Due decenni di mistero e ricordi che oggi confluiranno in una fiaccolata in sua memoria. Un corteo, alle 19, si snoderà per le strade di Torre San Giovanni e, passando per le vie Monte Everest, Colleoni, Doria, Giusti e corso Annibale, raggiungerà Piazza del Porto. Hanno già annunciato la loro presenza la criminologa Isabel Martina, che sta seguendo il caso; l’avvocato Fabrizio Ferilli e le sorelle di Roberta, Sabrina e Lorella.

Domani alle 9, invece, Roberta verrà nuovamente omaggiata con la deposizione di una corona floreale presso la sua gigantografia ad Ugento, in piazza Colosso.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Parte il Kascignana Music Fest

L’evento organizzato da Arci Lecce e comune di Castrignano de’ Greci raddoppia: due serate a partire da oggi

Pubblicato

il

Arci Lecce, in collaborazione con il comune di Castrignano De’ Greci, presenta la terza edizione del “”, che quest’anno raddoppia e porta in rassegna due serate.

Il festival castrignanese l’11 Agosto ospiterà nell’area dei Giardini Unicef “Aylan Kurdi”, il concerto gratuito degli “” e lunedì 12 Agosto andranno in scena Cesare Dell’Anna & GirodiBanda per la prima volta insieme ‘O ZULU, ex front man dei .

Domenica 11 alle ore 19.30 il festival prenderà il via con la sfilata eco-friendly che attraverserà le strade del paese a ritmo di strumenti musicali costruiti con materiali di riciclo.
Il progetto nasce nell’ ambito del “Kascignana Kids”, laboratorio ludico-ricreativo in programma dall’ 5 al 9 agosto, organizzato in collaborazione con il progetto Siproimi di Castrignano De’ Greci, l’Associazione Sportiva “Body Run” e l’associazione “L’isola del Sapere”.

A seguire un incontro dedicato al ruolo della cultura come strumento per costruire un’identità collettiva, essenziale alternativa alla bruttezza del mondo contemporaneo.
Il dibattito vedrà la partecipazione di Loredana Capone (assessore regionale allo Sviluppo economico e all’Industria Turistica e culturale) Davide Giove (presidente Arci Puglia) Roberto Casaluci (Sindaco di Castrignano de’ Greci), Fabio Pollice (neo Rettore dell’Università del Salento), Franco Ungaro (Direttore artistico di AMA) e Pietro Valenti (direttore di ERT) e con la straordinaria partecipazione di Luca Casarini (capomissione della Mar Jonio – ONG Mediterranea).

A partire dalle 23 l’atteso concerto dei The Zen Circus che porteranno sul palco 20 anni di successi.
Andrea Appino e compagni faranno ballare e cantare ripercorrendo i brani che hanno fatto da colonna sonora a generazioni di ragazzi eroi e ragazze eroine. Dopo Sanremo ed il primo disco d’oro, unica data pugliese del tour per poi prendere pausa dai palchi a tempo indeterminato.

Ad aprire il concerto dei The Zen Circus, il gruppo romano dei Beer Brodaz, famosi per i loro live sempre unici e imprevedibili e per la comicità dissacrante con cui raccontano e cantano gli aspetti quotidiani della loro generazione.

Tra le iniziative in programma la donazione di Arci Lecce, alla comunità di Castrignano de’ Greci, del mosaico “Venti di libertà” realizzato dalla maestra di arti musive Donatella Nicolardi e dai beneficiari dei progetti Siproimi e dedicato a Carola Rackete, capitano della Sea Watch 3.

Una terza edizione ancora più ricca. Il festival prosegue il 12 Agosto con il live di Cesare Dell’Anna & GirodiBanda accompagnati da un’ospite d’eccezione. O’Zulu, ex frontman dei 99 Posse ritornato sulla scena musicale con la pubblicazione del secondo album da solista “Bassi per le masse”, salirà per la prima volta sulla tradizionale cassarmonica con il trombettista salentino.
Un progetto inedito in cui i testi della trentennale carriera di ‘O ZULU si mescoleranno con gli arrangiamenti Cesare Dell’Anna e i brani dell’ultimo disco “Guerra” targato GirodiBanda.

Per l’intera durata della manifestazione saranno esposti i lavori artigianali realizzati dai ragazzi richiedenti asilo nell’ambito dei laboratori artistici all’interno dei progetti di accoglienza di Arci Lecce e ampio spazio sarà dedicato alle produzioni di artigiani locali.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus