La Nuova Carta dei diritti della bambina

“La Nuova Carta dei diritti della bambina: presentazione e adozione”: l’evento si terrà domani, venerdì 13 aprile, alle ore 9, nella sala consiliare del Comune di Casarano (piazza San Domenico), su iniziativa della sezione di Casarano della Fidapa BPW Italy (Federazione Italiana Donne Arti Professioni e Affari), con il patrocinio del Comune di Casarano e dell’Ufficio della consigliera di Parità della Provincia di Lecce.

In apertura sono previsti i saluti di Anna Maria Tunno, presidente Fidapa BPW – Italy – sezione di Casarano, Iolanda Palazzo, componente distrettuale del Gruppo di lavoro Carta dei diritti della bambina, Gianni Stefano, sindaco di Casarano, Antonio Gabellone, presidente della Provincia di Lecce, Filomena D’Antini, consigliera di Parità della Provincia di Lecce, Fabiola Casarano, consigliera con delega alle Pari opportunità del Comune di Casarano, Rita Augusta Primiceri, dirigente dell’Istituto comprensivo statale Polo unico tre “Galileo Galilei” di Casarano, Monia Casarano, dirigente dell’Iis “Rita Levi Montalcini” di Casarano.

Seguiranno gli interventi di Eufemia Ippolito, past presidente nazionale e BPW internationa legal advice leader e di Fiorella Annibali, responsabile nazionale del Gruppo di lavoro Carta dei diritti della bambina. I lavori saranno moderati da Anna Adamo, referente di sezione del progetto “Carta dei diritti della bambina”. Concluderà Fiammetta Perrone, segretaria nazionale Fidapa BPW – Italy.

Alla cerimonia saranno presenti i sindaci dei Comuni di Acquarica del Capo, Alliste, Castrignano dei Greci, Collepasso, Matino, Melissano, Parabita, Patù, Racale, Salve, Supersano, Taviano, Taurisano, Ugento, che adotteranno la Carta.

“La carta dei diritti della bambina” è un documento unico nel panorama della cultura di genere, redatto dalla BPW Europa a seguito della drammatica condizione femminile denunciata a Pechino nella Conferenza mondiale sulle donne del 1995.

Ispirata alla Convenzione ONU sui Diritti del fanciullo del 1989, a differenza e ad integrazione di questa, che pone sullo stesso piano i due generi, la Carta dei diritti della Bambina li distingue in termini di caratteristiche e bisogni, avuto riguardo alle diverse connotazioni fisiche ed emozionali.

Dopo circa 20 anni, l’originaria Carta dei diritti della bambina deve essere aggiornata, in considerazione delle leggi sopravvenute in tutto il mondo e del fatto che ciò che prima era solo una speranza, ora è un diritto!

La Carta deve essere letta come una premessa fondamentale per l’affermazione e la tutela dei diritti delle donne fin dalla nascita. La bambina deve essere aiutata, protetta fin dalla nascita e formata in modo che possa crescere nella piena consapevolezza dei suoi diritti e dei suoi doveri contro ogni forma di discriminazione.

Tags:


Commenti

commenti