Mari del sud ad Otranto

Ancora per questa settimana il Castello Aragonese di Otranto ospita la mostra Mari del Sud, del maestro veneziano Lele Vianello, storico collaboratore di Hugo Pratt, ma soprattutto erede del suo universo narrativo.

Il mare nei fumetti di Lele Vianello è un protagonista discreto, non rivendica parti né ruoli, conosce la sorte degli uomini e osserva sornione il susseguirsi degli eventi, un re in panciolle con una spumosa barba bianca ed una magnifica corona di gabbiani.

Dal Pacifico all’Atlantico e poi ancora oltre, fino all’Oceano Indiano, dall’Argentina all’Indonesia, da Cuba alle Filippine, le storie del maestro veneziano sono un invito al viaggio e all’avventura, un invito a prendere il mare.

L’acqua è l’elemento di Vianello, quella che dà la vita ai suoi acquarelli, che al pari delle sue chine lo hanno consacrato come uno dei grandi artisti del fumetto italiano.

26 gli acquerelli originali in mostra presso il Castello di Otranto per un percorso ideale attraverso illustrazioni e fumetti, dentro la carriera di questo straordinario artista, le cui opere sono pubblicate in Francia, Germania e Spagna, oltre che in Italia.

La mostra abbraccia i grandi mari della letteratura avventurosa, quelli che hanno visto l’ammutinamento del Bounty, il più famoso nella storia della marina britannica, la fuga di Lord Jim e la salvezza del Patna, le scorribande dei pirati che catturarono Robinson Crusoe o, ancora, le gesta del pirata gentiluomo Sandokan.

Fino al 13 maggio l’appuntamento con l’avventura è al Castello Aragonese di Otranto, tutti i giorni dalle 10 alle 19. Da questo mese è disponibile anche il catalogo della mostra, acquistabile all’interno del Castello oppure online dal sito www.edizionivoilier.com. All’interno del catalogo un fumetto inedito di Lele Vianello.

Buone avventure, con Edizioni Voilier

Tags:


Commenti

commenti