Premio Barocco alla carriera a Boldi

Salirà sul palco del Teatro Italia di Gallipolisabato 25 maggio, e ritirerà il Premio Barocco alla carrieraMassimo Boldi, attore, comico, produttore cinematografico e conduttore televisivo, ha fatto scuola con i suoi personaggi entrati nell’immaginario collettivo quali personificazioni esistenti di modi di fare, situazioni ed esilaranti paradossi.

Un nuovo, importante nome, che va ad aggiungersi a quelli già annunciati dal patron Fernando Cartenì.

Un parterre di ospiti e premiati ricco e all’altezza di un’edizione che si è snodata nel corso dell’anno, a partire da gennaio, per una lunga corsa verso l’attesa Gran Galà del 25 maggio.

Massimo Boldi, come tutti gli ospiti e i premiati del 50° Premio Barocco, saranno accolti da un’atmosfera magica ricreata grazie alla scenografia luminosa di Mariano Light. La storica azienda salentina, iscritta al Registro nazionale delle Imprese Storiche, stupirà i presenti grazie a delle straordinarie architetture di luce: nel dettaglio, un maestoso portale in stile barocco, accoglierà tutti i presenti, in un gioco di volute luminose.

E sarà sempre la luce la protagonista della scenografia presente sul palcoscenico del Teatro Italia: un bagno di luminosi colori, ricreato grazie all’impiego di proiettori e schermi a led, interamente gestiti tramite software di ultima generazione dall’azienda tarantina Provinciali srl.

A padroneggiare il palcoscenico, una scultura alta 3 metri raffigurante la Galatea Salentina. L’opera, realizzata dall’artista Romeo Sicuro, è stata realizzata grazie ad una lavorazione artigianale a filo caldo. Il polistirolo il materiale utilizzato, per una fedele riproduzione dell’opera di Egidio Ambrosetti, da cinquant’anni protagonista dell’evento di Fernando Cartenì.

Il Patron lo aveva annunciato in Conferenza stampa e non ha esitato, a pochi giorni dall’incontro con i giornalisti, a mantenere la parola: Fernando Cartenìsi sbottona sui nomi dei premiati che vanno ad aggiungersi a quelli già annunciati.

Vittoria Belvedere

Il primo è quello di Vittoria Belvedere, attrice, al momento nei teatri italiani con lo spettacolo Figlie di Eva accanto a Maria Grazia Cucinotta e Michela Andreozzi.

L’artista, che vanta numerose partecipazioni televisive, teatrali e cinematografiche, nel 2002 fu anche al timone del Festival di Sanremo con Manuela Arcuri al fianco di Pippo Baudo.

Un’altra donna che salirà sul palco del Teatro Italia a ritirare la Galatea Salentina è Cristina Chirichella, capitano della nazionale italiana di pallavolo femminile.

Un metro e novantacinque di altezza per un fare regale che la vede soprannominata “principessa della pallavolo”: è stata battezzata così per la sua bellezza e per i suoi modi di fare eleganti.

Cristina Chirichella

Due donne, due storie e due personalità differenti sul palco del Premio Barocco, che si “riempie” di nomi sempre autorevoli e di caratura nazionale.

È mia abitudine svelare dei nomi nei giorni a ridosso dell’evento” il commento del patron Cartenì. “Il Premio Barocco ha, da sempre, un’aurea magica, fatta di attesa: è per questo che vi annuncio che ho ancora dei grandi nomi da svelare!”.

Intanto tra gli ospiti già noti da tempo ricordiamo che salirà sul palco del Teatro Italia, per ricevere il Premio Barocco Oro, Gigi D’Alessio.

Oltre al cantante napoletano salirà sul palco Simone Cristicchi che con la sua esibizione all’Ariston di “Abbi cura di me” ha commosso, grazie ad un turbinio di emozioni che lo hanno portato ad aggiudicarsi il premio Sergio Endrigo per la migliore interpretazione e il Premio “Giancarlo Bigazzi” per la miglior composizione musicale.
E ancora: I Boomdabash che con la loro “Per un milione” hanno fatto ballare la platea dell’Ariston,  un successo che continua a crescere, tagliando ogni giorno importanti traguardi con le visualizzazioni su Youtube.

Condurrà Francesco Giorgino.

Tags:


Commenti

commenti