Connect with us

Attualità

Nuovi Bandi d’accoglienza: “Non siamo albergatori, non siamo guardiani”

Comunicato congiunto di Arci Lecce, Coop. Rinascita e Vento Nuovo Aps: “Si pensi anche alla perdita di ulteriori posti di lavoro e al danno economico visto che tutte le risorse economiche impegnate nell’accoglienza rimangono nel nostro territorio”

Pubblicato

il

Non siamo albergatori, non siamo guardiani e non saremo mai parte di un sistema di accoglienza che sta perdendo i requisiti minimi di umanità”.

Lo scrivono in una nota congiunta Arci Lecce, Cooperativa Rinascita e Vento Nuovo APS. Con l’entrata in vigore delle nuove regole sull’accoglienza dei migranti, fissate dal Decreto Sicurezza, molti enti gestori in tutta Italia annunciano che non parteciperanno ai bandi delle Prefetture.

Anche a Lecce è stato pubblicato il bando per affidare il servizio di accoglienza  a strutture con capacità ricettiva fino a un massimo di 50 posti per un fabbisogno presunto di 600 posti.

In tutta Italia i bandi si sono dovuti adeguare alle direttive ministeriali presenti del Decreto ed escludono di fatto la possibilità di qualsiasi azione di inclusione e integrazione, non prevedendo risorse per l’inserimento culturale e sociale dei migranti accolti.

Il progetto del governo è ben preciso”, denunciano le associazioni leccesi, “non dando strumenti si cerca di isolare sempre più i migranti per farli divenire un problema sociale, abbandonandoli di fatto a loro stessi senza alcuno strumento di comunicazione con i territori, e non potranno più essere considerati una risorsa a livello economico perché si sono sempre fatti conoscere per il loro lavoro in settori nei quali non si trovano più figure professionali adeguate”.

Arci Lecce, Cooperativa Rinascita e Vento Nuovo APS “non intendono legittimare un modello per nulla al servizio delle persone accolte e soprattutto delle comunità che hanno deciso di accogliere”.

I tre summenzionati enti gestori operano nel campo dell’accoglienza integrata “con passione e professionalità, alcuni da quasi 20 anni, mettendo al centro la persona e tutti i servizi di cui ha bisogno, per sentirsi parte integrante della comunità ospitante (assistenza sanitaria, legale e psicologica; attività multiculturali; inserimento scolastico dei minori; mediazione linguistica e interculturale; servizi per la formazione e per l’inserimento lavorativo)”.

Secondo loro “il nuovo modello di accoglienza voluto dall’attuale Governo intende trasformare i centri di accoglienza in meri dormitori, dove sarà negata la piena realizzazione di un percorso di inserimento e quindi una vita serena e autonoma. Questo significherà anche la perdita di ulteriori posti di lavoro in un territorio che invece aveva trovato uno sbocco lavorativo per tanti giovani laureati, quindi il blocco forzato degli arrivi, la repressione libica nei lager e quest’ultimo atto, un bando inaccettabile, riduce sul lastrico anche centinaia di famiglie salentine che attraverso queste economie locali si erano risollevate.  Non dimentichiamo”, continuano, “che tutte le risorse economiche impegnate nell’accoglienza rimangono nel nostro territorio: affitti, spesa alimentare e di vestiario, manutenzioni, stipendi, utenze, tutti i consumi possibili vengono spesi solo in loco producendo reddito e un giro economico importante. La nostra idea di accoglienza quindi è un’altra”, spiegano, “e passa per il riconoscimento dei diritti, l’inserimento, l’integrazione, l’inclusione sociale, la dignità delle persone attraverso la professionalità degli operatori sociali; tutti obiettivi che questo bando esclude. Da sempre e per sempre coerenti nel nostro lavoro, non possiamo rinunciare alla dignità nostra, dei rifugiati e degli operati sociali. Continueremo a difendere i più deboli in tutti i modi possibili, siano essi italiani o stranieri”, concludono, “senza mai cedere ai diritti o alimentare soprusi”.

Attualità

Contrasto al disagio abitativo: stanziati fondi della Regione

Abaterusso: “In provincia di Lecce 5 progetti per 15 milioni di euro”

Pubblicato

il

Nuovi fondi stanziati dalla Regione alle 5 Arca pugliesi per interventi di riduzione del disagio abitativo e per l’efficientamento energetico.

Ernesto Abaterusso li commenta così: “È senza ombra di dubbio un risultato importantissimo, raggiunto grazie al lavoro e all’impegno di un governo che continua a confermare l’attenzione e la sensibilità per le istanze e i bisogni dei territori e per l’emergenza casa che in tutta la Puglia rappresenta un problema, soprattutto per chi si trova in una condizione di temporanea difficoltà economica.

Ben 38 sono i progetti sull’intero territorio regionale approvati e ammessi al finanziamento, cinque dei quali in provincia di Lecce. All’Arca Sud Salento saranno destinati 15 milioni di euro.

Si tratta di un aiuto concreto messo in campo dalla Regione per superare o alleviare situazioni critiche nei comuni che soffrono di una forte emergenza abitativa. Occorre dare atto al prezioso lavoro e alla determinazione dell’Assessore alle politiche abitative Alfonso Pisicchio nonché degli uffici regionali ai quali va tutto il mio ringraziamento per essersi prodigati affinché questo risultato potesse essere conseguito”.

Continua a Leggere

Attualità

Casa distrutta dalle fiamme, Tricase si mobilita

Solidarietà. I Commercianti e le altre associazioni del territorio promuovono raccolta fondi. Presso Stock B2C il raccolta per le offerte in denaro (a disposizione anche un IBAN) o per altre donazioni utili

Pubblicato

il

Quando qualcuno inciampa o scivola, qualunque sia l’ostacolo o la buccia di banana, occorre fermarsi un attimo e tendergli una mano per aiutarlo a rialzarsi.

È il primo insegnamento cristiano o, più laicamente, è uno dei principi fondamentali dell’essere comunità.

E non solo durante le festività natalizie.

Chi scrive conosce bene le qualità umane delle persone che si stanno spendendo per dare un contributo concreto e ben sa che, anche non fossimo vicini al Natale, si sarebbero mobilitati allo stesso modo.

In un venerdì di fine novembre, che sembrava un uggioso giorno d’autunno come tanti altri destinato a consumarsi senza grandi scossoni, intorno all’ora di pranzo, le fiamme sprigionate da un corto circuito, in pochi minuti, hanno divorato l’abitazione di Gesuè e Rosaria Stefania (o, come tutti la chiamano, Stella), entrambi 65enni, nel rione di Tutino, a Tricase.

Sotto quel tetto vi abitava anche Eleny, 24 anni, mentre le sue tre sorelle, coniugate, vivono per conto loro; il fratello, come tanti suoi conterranei, per motivi di lavoro, è all’estero.

Per fortuna nessuno si è fatto male e la signora Stella, che era in compagnia di una nipotina, era da poco uscita di casa.

Le fiamme, però, hanno divorato tutto e, purtroppo, le esalazioni hanno ucciso Mia, la cagnolina Pincer Toy di 6 anni, a tutti gli effetti una di famiglia, aumentando il dolore di chi in quell’incendio ha perso praticamente ogni cosa!

Come per moltissime, se non tutte, le famiglie salentine, la casa è anche il frutto di una vita di sacrifici.

Ritrovarsi da un momento all’altro senza, è un pugno diretto al mento che ti manda Ko e dal quale difficilmente riesci a rialzarti.

L’abitazione non era coperta da assicurazione ed ora è completamente inagibile: solo l’intervento per la demolizione di quel che rimane e l’asporto e relativo smaltimento del materiale (anche per la particolare ubicazione della casa in una via piuttosto angusta e in cui è difficile intervenire), costerebbe alla malcapitata famiglia tricasina circa 40mila euro.

Poi, eventualmente, per ricostruire, non basteranno certo pochi spiccioli…

La storia ha toccato il cuore di tutti, in particolare di Stefania Palmieri, presidente dell’Associazione Commercianti, e di Salvatore Nuzzo, uno degli associati, che, insieme a Dina Scolozzi, vicina di casa della famiglia Rosafio, hanno messo in moto il meccanismo della solidarietà che ha coinvolto tutta l’associazione degli esercenti tricasini, altre onlus presenti sul territorio, dalla Pro Loco, a Tricasèmia, a CleanUp Tricase, a La Culonna di Tutino. Coinvolte alcune scuole ed anche Telenorba si è offerta di dare il suo contributo, promuovendo la raccolta fondi.

Salvatore Nuzzo ha messo a disposizione la sua attività (Stock B2C, in via Gioacchino Toma, 18, a Tricase) come centro di raccolta per le offerte in denaro o per altre donazioni utili: dal mobile, all’utensile, o quant’altro si possa e si voglia donare, ricordando che in quel venerdì nefasto, in quel maledetto incendio, la famiglia Rosafio ha perso tutto. Proprio tutto!

I soldi raccolti serviranno alla famiglia tricasina per rimettere su casa ma per l’impresa ci vorrà del tempo e, laddove fosse possibile, anche l’aiuto di muratori, elettricisti, idraulici e altri professionisti che abbiamo voglia di offrire il loro contributo.

Nel frattempo, però, la famiglia rimasta senza un tetto dovrà provvedere a cercarne uno.

Per questo la macchina organizzatrice cerca anche un affitto “dignitoso e a costi ragionevoli” per i tre malcapitati.

Citando Anna Frank, “Nessuno è mai diventato povero dando”. E questo è il momento giusto per dare!

Di seguito gli estremi bancari per chiunque volesse contribuire concretamente alla causa: “Rosafio Gesuè e Dolce Rosaria Stefania, Banca Intesa San Paolo, Iban IT3120306980114615253801866”.

Giuseppe Cerfeda

Continua a Leggere

Attualità

Pass disabili: è bufera a tricase

La posizione della… opposizione. Nunzio Dell’Abate: «Pass consegnati brevi manu come ai tempi della Prima Repubblica!»

Pubblicato

il

«Non credevamo alle nostre orecchie quando ci hanno raccontato, nella nostra funzione di consiglieri comunali, che le persone diversamente abili, per avere i pass di accesso dei veicoli nelle aree portuali, devono rivolgersi ad un rappresentante politico comunale che li rilascia brevi manu, senza alcuna formalità e procedura».

Nunzio Dell’Abate

Questa la denuncia del consigliere d’opposizione Nunzio Dell’Abate: «Ci siamo subito attivati per accertare la veridicità di quanto appreso, recandoci presso l’Ufficio Locale Marittimo di Tricase Porto e gli Uffici Comunali competenti (Settori Demanio e Servizi Sociali). Nulla di nulla, nessun provvedimento o procedimento di rilascio di pass. A quel punto non ci rimaneva altro che ricorrere allo strumento dell’interrogazione consiliare per fare chiarezza sulla incresciosa vicenda. Al sindaco abbiamo chiesto espressamente quale sia il procedimento adottato dal Comune per il rilascio dei pass auto di accesso alle aree portuali in favore dei soggetti diversamente abili, chi sia il responsabile del procedimento e chi materialmente vi provvede. La risposta dataci nell’ultima seduta consiliare e visionabile in streaming sul sito del Comune ci ha lasciati esterrefatti e nel contempo indignati: nessuna procedura, nessun regolamento, nessun atto, nessuna tracciabilità, nessun responsabile comunale preposto, “li abbiamo consegnati brevi manu”. Sembra di essere ritornati ai tempi della Prima Repubblica e neppure!», attacca Dell’Abate, «quando il rapporto diretto politico/utente instaurato da prassi del genere nascondeva favoritismi, privilegi, malaffare e posizioni dominanti. Ad aggravare la scelleratezza di comportamenti di tal fatta, la tipologia dell’utenza, i soggetti più deboli e meno fortunati, nei cui confronti dovrebbe essere usata la massima accortezza, riservatezza e chiarezza di regole e diritti, senza alcuna sottomissione specie di natura politica».

Il consigliere d’opposizione poi ironizza: «Con questo andazzo, non dovremo meravigliarci se domani a Tricase vedessimo smantellati gli uffici preposti, licenziati dirigenti ed impiegati comunali, abrogati regolamenti e distribuiti brevi manu dai rappresentanti politici contributi agli indigenti, esoneri ai meno abbienti dal pagamento della retta della mensa o del servizio di trasporto scolastici! Di fronte a tanta protervia il munus sotteso al ruolo istituzionale che ricopriamo, ma prima ancora il senso di equità e di giustizia racchiuso nell’essere umani», conclude Dell’Abate, «ci impone di segnalare al Garante Regionale dei diritti delle persone con disabilità, al Garante per la Privacy ed a tutti gli enti competenti quanto raccontatoci ed accertato affinchè vengano presto ripristinate legalità, trasparenza e piena dignità agli ultimi, nonché eventualmente puniti gli autori di tali sciagurati comportamenti».

Sulla vicenda, dalle nostre colonne, era già intervenuta Stefania Sciurti, presidente dell’Associazione D.A.I. Reagiamo che aveva tuonato: «Perché per una volta che non ci si perde nei meandri della burocrazia e si usa il buon senso si scatena il finimondo?». (clicca qui)

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus