“I fitofarmaci proprio no!

L’Associazione di promozione politica Idea per Lecce desidera porre all’attenzione dell’opinione pubblica cittadina e salentina “gravi e allarmati timori per la prescrizione di uso continuativo di fitofarmaci di sintesi di sospetta tossicità per l’uomo e l’ambiente, per dar seguito alle disposizioni ministeriali del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali (Decreto Ministeriale 4999 del 13/02/2018) per il contenimento del fenomeno del Co.DiRO (complesso del disseccamento rapido dell’Olivo) e la diffusione dell’insetto vettore di Xylella fastidiosa nel territorio della Repubblica italiana, il Philaenus spumarius (Sputacchina).

Il suddetto decreto stabilisce come misure obbligatorie di “eseguire sulle piante ospiti coltivate tutti gli interventi insetticidi” menzionando in tabella un elenco di sostanze attive, di cui alcuni neonicotinoidi di sospetta neurotossicità per l’uomo e dannose per l’ecosistema, già espressa da gran parte della comunità scientifica (tra essi Acetamiprid e Imidacloprid, quest’ultimo in particolare bandito dalla proposta di legge UE del 27/04/2018, in vigore da fine 2018)”.

L’Associazione Idea per Lecce prende atto della presa di coscienza da parte delle autorità locali regionali (espressa nel Bollettino Ufficiale della Regione Puglia – n. 73 del 31-5-2018) della “necessità di apportare modifiche sostanziali alle prescrizioni ministeriali in materia di irrorazioni obbligatorie con fitofarmaci di sintesi e chiede alle suddette autorità garanzie di attuazione in tempi brevi delle correzioni proposte al Decreto”.

Aggiungendo, infine, il “timore per la salute fisiologica ed economica del settore agricolo locale basato su tecniche di coltivazione biologica, che vedrebbe minati i suoi presupposti da un uso continuativo e/o massivo di sostanze chimiche nell’ambiente immediatamente circostante”, l’Associazione Idea per Lecce coglie l’occasione per sollecitare le Istituzioni preposte ad “approntare un sistema efficace e continuativo di monitoraggio locale dell’inquinamento ambientale (falde e terreni) più volte posto all’attenzione pubblica come gravissima lacuna dalla comunità scientifica locale e nazionale”.

Idea per Lecce intende farsi promotore nei prossimi mesi di “un momento pubblico di approfondimento e dibattito pubblico sulla necessità di politiche agricole locali vocate alla diffusione delle buone pratiche e che affrontino il problema dell’abbandono delle campagne e della terra che, insieme all’abuso decennale di prodotti a base di glifosati (sostanze attive dei diserbanti chimici) e alla mancata manutenzione dei campi, sono state indicate come probabile causa dell’impoverimento del suolo e premessa ideale per la diffusione di devastanti fitopatie nel nostro territorio”.

Tags:


Commenti

commenti