Connect with us

Attualità

San Valentino: 2 pugliesi su 5 regalano fiori

Una minoranza dell’11% ha donato cioccolatini, il 13% capi di abbigliamento e accessori, il 7% profumi e appena l’1% gioielli. Il 33% preferisce risparmiare e non ha regalato nulla

Pubblicato

il

Quasi due pugliesi su 5 (39%) regalano fiori per San Valentino, messaggeri d’amore scelti quasi esclusivamente dagli uomini. È  quanto emerge dai risultati dell’indagine di Coldiretti Puglia presso i punti vendita di Campagna Amica dei capoluoghi di provincia, dal quale si evidenzia che una minoranza dell’11% ha donato cioccolatini, il 13 per cento capi di abbigliamento e accessori, il 7 per cento profumi e appena l’1 per cento gioielli. Il 33% preferisce risparmiare e non ha regalato nulla.

L’edizione targata 2017 delle celebrazioni per la festa di cupido ha visto una protagonista d’eccezione che usualmente contraddistingue la festa delle donna a marzo, la mimosa. “Gli alberi sono tutti in fiore”, dice Gianni Cantele, presidente di Coldiretti Puglia, “e abbiamo a disposizione da settimane notevoli quantità di prodotto. Probabilmente anche quest’anno avremo poche mimose per la festa della donna. Colpevole di questa anticipazione i continui sbalzi del clima che ormai alterna nevicate e grandinate a temperature miti, quasi primaverili e la conseguente precoce maturazione delle produzioni floricole”.

img_9008Donare un fiore made in Puglia”, commenta il direttore di Coldiretti Puglia, Angelo Corsetti, “significa anche fare una scelta responsabile che salva il clima dall’inquinamento determinato dalle emissioni di gas serra dovute ai lunghi trasporti che devono subire prodotti importati spesso da Paesi lontani, in cui tra l’altro non sono rispettati i principi base della protezione sociale del lavoro”.

Il comparto dei fiori e delle piante ornamentali ha raggiunto in Puglia i 185 milioni di euro di valore, con un incidenza dell’11,4% del valore della produzione regionale su quella nazionale e un numero di fiori recisi ragguardevole, pari a 755.915 pezzi. Per il vivaismo la Puglia è una regione emergente, tanto da contribuire in misura rilevante, negli ultimi dieci anni, alla crescita del comparto nel Mezzogiorno.

Ogni anno i fiori divengono complici di atmosfere e promesse che si rinnovano in occasione della festa degli innamorati: il tulipano per l’amore perfetto; il non ti scordar di me per l’amore sincero; l’orchidea per passione, sensualità e bellezza; la primula per il primo amore. Messaggera indiscussa di San Valentino resta la rosa: rossa simboleggia l’amore e la passione; gialla la gelosia e l’infedeltà al contempo; bianca castità e purezza; rosa fascino e dolcezza; rosa pesca per un amore segreto.

Attualità

Tricase: Chiuri torna a Palazzo Gallone

La lettera con cui il sindaco dimissionario ufficializza il suo rientro

Pubblicato

il

Manca ancora l’ufficialità ma non ci sono più dubbi: il sindaco Carlo Chiuri ritirerà le sue dimissioni.

Il primo cittadino che, in seguito ad una serie di contrasti con il presidente del consiglio comunale Dario Martina e con alcuni consiglieri di maggioranza, il 3 ottobre scorso aveva presentato le dimissioni, alla luce dei nuovi fatti, in questi minuti ha protocollato una sua lettera con la quale ufficializza il suo rientro a Palazzo Gallone.

«Dopo una lunga pausa di riflessione e, soprattutto, alla luce degli accadimenti e dei comunicati succedutisi negli ultimi giorni, nonché degli inviti rivoltimi da più parte da molti tricasini», comunica il primo cittadino, «ritengo di ritirare le dimissioni. Non potevo e non volevo disattendere, fra le diverse sollecitazioni pervenutemi», spiega, «l’invito alla responsabilità e alla concretizzazione di un grande obiettivo per la nostra città, qual è l’adozione del PUG. A ciò aggiungasi l’accoglimento dello stesso senza condizioni da parte dei gruppi consiliari di maggioranza, che ringrazio pubblicamente, per avermi chiesto di ritirare le dimissioni al fine di intraprendere l’ulteriore sfida per l’adozione del PUG, nonché per dare seguito a quanto in corso d’opera e a quanto previsto nel programma politico amministrativo».

Facendo esplicitamente riferimento all’intervento sulle nostre colonne di Vito Zocco il sindaco prende anche atto della sollecitazione di «guardare oltre ogni forma di personalismo che non permette una continua essere in azione amministrativa. Non ci siamo mai sottratti ad azioni forti e importanti nell’interesse della comunità e non intendiamo farlo neppure adesso in vista dell’invito-sfida del PUG».

«È innegabile che alcune criticità di natura elettoralistica extratricasina permangano», ammette, «ma sicuramente maggiore e più determinata è oggi la consapevolezza per contrastare e marginalizzare ogni tentativo di concretizzazione. Pertanto fino a quando la massima sovrana assise cittadina, il consiglio comunale, lo vorrà e lo riterrà necessario, resterò al mio posto, dando come sempre il meglio di me stesso e lavorando senza risparmiarmi. Mi auguro che lo stile nuovo e costruttivo, condiviso e supportato da tutti coloro che hanno a cuore le sorti della nostra città, possa farsi strada per impedire le interferenze esterne che non vogliono sviluppo di Tricase».

«Da parte mia, libero da condizionamenti e senza piegarmi a qualsivoglia forma di ricatto, con quella irrinunciabile coerenza che sempre ispirato e contraddistinto le mie scelte umane, professionali e politiche», conclude nella sua lettera Chiuri, «mi rivolgo ai tricasini, ringraziandoli ancora una volta per la loro fiducia e loro sostegno che, in questi giorni, sono stati per me importanti e decisivi».

Il sindaco e la maggioranza godranno dell’appoggio di Francesca Sodero (M5S) ma non più di quello di Dario Martina, fuori dalla coalizione di governo.

Sempre all’interno della maggioranza resta da capire cosa faranno Giuseppe Peluso, che ha annunciato a mezzo stampa le sue dimissioni, senza però ancora ratificarle, e soprattutto Federica Esposito, che fino ad oggi non ha mai inteso far conoscere la sua posizione su tutta l’intricata vicenda.

Continua a Leggere

Attualità

Ettore Caroppo nel Consiglio nazionale Anci

Il sindaco di Minervino di Lecce uno dei tre sindaci eletti in seno all’assemblea precongressuale pugliese

Pubblicato

il

A poco più di quattro mesi dall’inizio del suo terzo mandato come sindaco di Minervino di Lecce, Ettore Caroppo torna in Anci, eletto al consiglio nazionale dell’ente.

Il primo cittadino minervinese già in passato aveva ricoperto infatti il ruolo dì componente del Direttivo di Anci Puglia: da aprile 2011 a giugno 2014, con delega alle Fonti rinnovabili e al Risparmio energetico.

Un’elezione importante, che ha la sua rilevanza politica e di sostanza, se si considera che i sindaci eletti in seno all’assemblea precongressuale pugliese sono appena tre. Oltre al sindaco Caroppo, sono entrati infatti in Consiglio Nazionale il sindaco di Martina Franca, Francesco Ancona e il consigliere comunale di Foggia, Rosario Cusmai.

Eletto in quota centrodestra, Caroppo siederà dunque al fianco dei sindaci  di Comuni importanti come Martina Franca, Polignano – che con il sindaco Vitto detiene la presidenza di ANCI Puglia – e Casarano (Gianni Stefàno è il vice presidente).

«Non è un mio personale risultato, ma il frutto di una regia e del lavoro di una squadra di sindaci che appartengono a una terra vincente e che quando si coordinano sanno fare buona politica e centrare gli obiettivi, consentendo al loro territorio, nonostante le difficoltà, di essere rappresentato e rappresentativo non solo di una parte politica», il commento di Ettore Caroppo.

«Ringrazio l’amico Silvano Macculi (sindaco di Botrugno) e quanti erano presenti con me a Bari», prosegue, «oltre che tutti coloro che hanno dato la propria delega a sostegno del territorio leccese. Rivolgo un augurio anche al vice sindaco di Castro, Alberto Capraro, che è stato delegato al Congresso ANCI di Arezzo del 19-21 novembre, che eleggerà il nuovo presidente. Un ringraziamento anche ai partiti che hanno condiviso la mia candidatura: il mio impegno andrà a sostegno dei Comuni, che vivono una stagione di abbandono e scarsa considerazione da parte di quelle istituzioni che, al contrario, dovrebbero legiferare ascoltando i sindaci, i veri eroi di quest’epoca», conclude Caroppo, «chiamati tutti i giorni a trovare soluzioni ai problemi che altri creano grazie alla scarsa conoscenza dei bisogni reali della gente».

MINERVINO, LE REAZIONI NELLA MAGGIORANZA

«La nomina del sindaco Ettore Caroppo quale membro del Consiglio Nazionale dell’ANCI, mi riempie di orgoglio  per due ragioni»,  dichiara Tonino Ruggeri responsabile comunale di FdI, «la prima è di carattere affettivo, perché da 25 anni seguiamo lo stesso percorso politico sposando cause sempre pienamente condivise.  Nel tempo posso dire di aver visto crescere sempre di più le competenze di Ettore e la sua determinazione, unita ad una grande consapevolezza che ne fanno una figura fondamentale  per lo sviluppo della realtà  del nostro Comune e del nostro territorio. La seconda è di carattere prettamente politico: la vicinanza di Caroppo al partito che coordino in ambito territoriale, Fratelli d’Italia, non potrà far altro che sostenere ed incentivare  il suo stesso operato. Ricordo a che Ettore Caroppo è una figura centrale per tutto il centro destra. Mi auguro che almeno questo gli venga riconosciuto da chi oggi siede all’opposizione ed in particolare agli amici della Lega».

In qualità di consigliere anziano, Elio Leomanni, del gruppo politico “L’Alveare“, dichiara che «non può che farmi immenso piacere la nomina di Caroppo. Con lui ho condiviso diverse campagne elettorali, anche quella del 26 maggio scorso, che ci ha visto vincitori. Amicizia, stima e condivisione di progetti importanti , mi legano a questo Sindaco ambizioso e competente  al quale auguro un futuro colmo di successi e obiettivi realizzati».

Mimmo Ferraro si dichiara orgoglioso «perché se pensiamo che in 4 mesi, a colpi di fatti e non parole, è stato rieletto, ha dato come suo solito un’impronta chiara sulla direzione del Comune di Minervino di Lecce, ha dimostrato di aver da sempre curato i rapporti istituzionali con i colleghi amministratori,  eletto nell’assemblea precongressuale di un ente importante come il consiglio nazionale dell’Anci. La competenza, la sostanza politica e le qualità umane di Ettore Caroppo mancato da questo ambiente per 5 anni, appena tornato ha dimostrato che queste qualità non si sono mai affievolite, anzi!».

Continua a Leggere

Attualità

Tricase, Vito Zocco: «Guardare oltre i personalismi»

Il consigliere di opposizione: «Non sono firmatario del documento prodotto dalle minoranze, però…»

Pubblicato

il

Il consigliere d’opposizione Vito Zocco ha diffuso una nota con la quale specifica di non aver partecipato alla riunione per la realizzazione del comunicato diffuso nella serata di ieri dall’opposizione e di cui risulta firmatario e propone la sua analisi riguardo agli ultimi avvenimenti della politica tricasina.

«Intervengo sulla nota che come consiglieri d’opposizione “abbiamo” inviato in risposta all’offerta di stampella fatta dalla consigliera del Movimento 5 Stelle per aggiungere una breve analisi politica ad un contenuto in gran parte condivisibile all’amministrazione Chiuri», spiega Zocco che poi svela: «le virgolette sono d’obbligo non avendo partecipato per concomitanti impegni lavorativi alla riunione in cui si è costruito il documento e perché non ritengo necessario rincorrere a spron battuto le altrui decisioni politiche o amministrative se non dopo un’approfondita riflessione e condivisione».

Secondo il consigliere d’opposizione «l’amministrazione Chiuri ha evidenziato tutti i propri limiti, prova ne sono le dimissioni del sindaco dopo un riassetto della giunta che faceva presagire, almeno nelle intenzioni degli attori protagonisti e nell’immaginario collettivo, a nuove e rinnovate energie ( le vecchie non erano sufficienti o all’altezza del compito?) da spendere in favore della comunità. A poche ore dallo scadere del termine per il ritiro o la conferma delle dimissioni si valuta se avvalersi della stampella pentastellata “a condizione unilaterale”. La Politica tanto denigrata da tutti, quella della condivisione e della partecipazione responsabile, oggi vorrebbe che un’amministrazione in bilico dopo solo due anni provasse a guardare oltre i personalismi e le beghe di piccolo taglio in nome di un bene collettivo superiore, creando le condizioni per un fine mandato di prospettiva per l’intero territorio che Tricase si fregia di rappresentare».

«Il sindaco si è dimesso anche per “ingerenze esterne” che condizionano la vita amministrativa? Fatto grave ma », secondo Zocco, «forse ingigantito dall’erosione di rapporti personali che non dovrebbero condizionare a tal punto una compagine amministrativa che faceva della “non appartenenza” ad alcun partito il suo cavallo di battaglia. Come volevasi dimostrare non si può fare a meno della buona Politica, di quella capacità irrinunciabile a tessere rapporti costruttivi anche nelle più grandi difficoltà. Ritengo che far commissariare Tricase debba essere un’eventualità da scongiurare ma non a qualsiasi costo, e che un’amministrazione che ha la responsabilità del paese più grande del basso Salento e con una storia politica importantissima, debba provare a realizzare le condizioni affinché tutte le risorse istituzionali e non, presenti ed attive sul territorio, si mettano a disposizione di un progetto di ampia portata per Tricase, paese senza dubbio in crisi amministrativa ma che certo non ha bisogno di defibrillatori a 5 stelle a tempo determinato per rianimarsi».

«Tricase merita una assunzione di responsabilità piena da parte di tutti, questo è il mio pensiero frutto non della necessità di apparire o salire su qualsiasi carro (anche perché instabile…) ma della consapevolezza che prevenire è meglio che curare e questo», conclude Vito Zocco, «lo si può fare solo con una progettualità politico amministrativa di ampio respiro».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus