Connect with us

Attualità

Se quello che mangiamo fa male al cervello…

Mens sana in corpore sano: anche il cervello beneficia o risente di ciò che mangiamo. Ecco quali cibi tendono a uccidere il nostro encefalo

Pubblicato

il

Mens sana in corpore sano. Un detto millenario che è sempre comunque attuale anche secondo la scienza. Secondo alcuni studi, infatti, esistono cibi che a lungo andare arrivano letteralmente a uccidere il nostro organo pensatore. Alimenti che sarebbero causa o concausa di malattie degenerative. A ricordarlo Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, che riporta un elenco di quello che sono sotto la lente d’ingrandimento di questi studi e che quindi andrebbero evitati, o se proprio non possiamo farne a meno, almeno ne dovremmo diminuire il consumo.

Patatine fritte. Gustose, piacciono a tutti bambini e grandi. Peccato che fanno molto male. Tanto all’organismo, quanto al cervello. Se poi sono state fritte in olio già utilizzato precedentemente, diventano anche tossiche. Il motivo è che l’olio cotto a temperature elevate genera alcune sostanze “pericolose” tra cui l’acrilamide, che è appunto tossica.

A saleswoman rearranges a display of GerInsaccati. Stando ad alcune ricerche potrebbero causare carcinomi al cervello a causa del loro contenuto di nitrito di sodio.

Zucchero. Se è vero che da una parte è il principale nutrimento del cervello, è anche vero che abusiamo di quello raffinato. Il tutto a discapito di zuccheri meglio assimilabili dall’organismo. Uno dei problemi principali nel limitarne l’assunzione, è l’industria alimentare. Le grandi aziende utilizzano infatti lo zucchero raffinato in molti prodotti, soprattutto in scatola e in quelli già pronti (compresi i cibi salati). L’unico modo per limitarne davvero il consumo è cucinare i nostri piatti evitando quelli già pronti e controllare le etichette quando facciamo la spesa.

Dolcificanti. Non sono affatto l’alternativa allo zucchero. I dolcificanti sono trattati chimicamente e l’abuso potrebbe addirittura provocare tumori al cervello.

Cibo spazzatura. Ci piace il fast food? Bene. Ma ha un prezzo. Se il cibo spazzatura costa meno di quello sano, a lungo andare ci costerà in salute. Valutiamo attentamente dove è meglio risparmiare.

Continua a Leggere

Attualità

È ancora Briatore Vs Puglia

Da Instagram tuona contro il porto di Gallipoli che nega l’accesso al tender Force Blue

Pubblicato

il

Flavio Briatore ancora una volta insoddisfatto dalla Puglia.

Stavolta, tuona contro Gallipoli. Lo fa dal suo account Instagram dove racconta (taggando anche il profilo della Regione Puglia) di un accesso negato al panfilo di 60 metri denominato Force Blue. In tutto il suo disappunto, spiega come lo yacht con a bordo “importanti turisti”, come li definisce lui stesso, ha poi deciso di virare verso Otranto.

L’imprenditore ha quindi deciso di esternare il suo stupore sui social etichettando Gallipoli come esempio del “movimento del non fare”.

Già in passato Briatore aveva scatenato il dibattito sul turismo in Puglia e sulla sua gestione. Non sottraendosi a commenti sugli operatori turistici stessi, definiti impreparati e adatti al “deleterio turismo da ciabatte”.

A questo punto vien da chiedersi, se non è meta all’altezza o gradita, anziché elargire etichette del non fare, in Puglia o in Salento cosa ci viene a fare…?

Continua a Leggere

Attualità

Delfini nel mare di Leuca

La meraviglia al tramonto: il video che sta facendo il giro di chat e social

Pubblicato

il

La meraviglia nello spettacolo.

Nel mare di Leuca spuntano i delfini. Li ritrae un video amatoriale, sul già scenografico sfondo del tramonto. Mentre il sole scende verso il mare, loro spuntano sinuosi nelle acque blu a poche centinaia di metri dalla costa.

Ecco il video.

Continua a Leggere

Attualità

Addio al Guendalina: “Esperienza al capolinea”

Discoteca pronta a chiudere. Il direttore artistico: “Ci hanno lasciati soli, meglio Riccione o una capitale europea”

Pubblicato

il

guendalina

Dopo una estate travagliata, la dichiarazione che lascia di sasso tanti appassionati frequentatori: il Guendalina fa le valigie.

La discoteca di Santa Cesarea potrebbe chiudere definitivamente. Lo si apprende dalle dichiarazioni di Vincenzo De Robertis, riportare da Il Messaggero. De Robertis, direttore artistico del locale da 15 anni, avrebbe affermato: “Abbiamo sognato di trasformare il Salento in Ibiza o Mykonos ma il nostro sogno si è infranto: ci hanno lasciati soli. Meglio Riccione o una capitale europea. Abbiamo fatto il possibile per mantenere il Guendalina qui dove è nato ma penso che l’esperienza sia giunta al capolinea”.

Chiaro tra le righe il riferimento a quanto accaduto dopo le varie vicende di cronaca registrate nel locale negli ultimi anni. L’ultima, quella che avrebbe fatto traboccare il vaso, quella del 28 luglio scorso. Dopo una rissa all’interno della discoteca, il questore aveva deciso di imporne la chiusura per due settimane.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus