Connect with us

Cronaca

Altra tragedia in mare: morto 76enne

Forse in seguito ad un malore, nel pomeriggio di ieri ha perso la vita nella acque di Porto Badisco un uomo di Minervino

Pubblicato

il

Dopo i decessi dei due bagnanti di domenica scorsa, a San Foca ed a Tricase, ancora una morte in mare sconvolge l’estate salentina.

Nel pomeriggio di ieri, attorno alle 16, ha perso la vita un 76enne di Minervino, probabilmente dopo aver accusato un malore, nelle acque di Porto Badisco.

L’uomo, Rocco Micello, è stato notato fermo e immobile dagli altri bagnanti che immediatamente hanno provato a soccorrerlo ed hanno chiamato i numeri d’emergenza. Sul posto sono giunti i medici del 118 ma non c’è stato null’altro da fare che constatare il decesso e, oggi, consegnare la salma ai familiari sconvolti.

 

Cronaca

Lei nei locali, i figli in auto a dormire: condannata mamma

Confermata condanna in appello ai danni di 40enne del basso Salento

Pubblicato

il

Lasciava in auto i figli mentre trascorreva le serate in locali e discoteche.
Dopo la condanna in primo grado, viene confermata dalla Corte d’appello di Lecce la sentenza contro una donna del basso Salento, già condannata ad un anno di reclusione per abbandono di minori. Con unica eccezione il fatto che non dovrà risarcire il padre dei bambini (costituitosi parte civile) come invece era stato stabilito in primo grado quando era stata condannata a corrispondergli 1000 euro.
La difesa della signora, oggi 40enne, ha vanamente provato a far valere il fatto che l’interessata avesse comunque sotto controllo la situazione, monitorando i bambini dalle vetrate dei locali che frequentava o recandosi di tanto in tanto in auto a verificare che fosse tutto a posto.
Gli episodi riscontrati dalla polizia nel 2012 però, tra locali di Ruffano e Gallipoli, hanno restituito ai giudici sufficienti elementi per stabilire che le modalità adottate dalla donna non fossero sufficienti a garantire l’incolumità dei figli.
I bambini infatti, pur potendo beneficiare delle ravvicinate (nel tempo) rassicurazioni della madre, per la Corte d’Appello sarebbero stati comunque messi in pericolo, stante il rischio di una possibile aggressione da parte di terzi o di un sinistro stradale che avrebbe potuto veder coinvolta la vettura nella quale dormivano.

La decisione definitiva dunque arriva a distanza di 7 anni dalle prime indagini avviate a carico della donna, quando i minori in questione avevano 6 e 10 anni.

A darne il là, i sospetti dell’ex marito che ingaggiò un investigatore privato. Inizialmente infatti l’uomo accusava la ex moglie di lasciare i figli a casa da soli nottetempo per uscire in compagnia di amici. Furono proprio questi sospetti quindi a spingere la donna a portare con sé i bambini durante le sue uscite, lasciandoli però in macchina a dormire.

Continua a Leggere

Cronaca

Terremoto in Albania, vigili del fuoco di ritorno

Finita fase di emergenza. Gli uomini dei distaccamenti di Tricase, Maglie e Lecce tornano nel Salento

Pubblicato

il

Ufficialmente chiusa la prima fase dell’emergenza in Albania i nostri Vigli del fuoco dopo una cinque giorni (e notti) di duro lavoro passata a scavare tra le macerie e ad aiutare dove possibile si apprestano a tornare a casa.

Questa sera, alle 23, anche gli uomini dei distaccamenti di Tricase, Maglie e Lecce (foto in alto) si imbarcheranno coi loro mezzi per fare ritorno in Italia.

Nel frattempo dal Belpaese è arrivato il cambio: forze fresche che parteciperanno alle operazioni di sopralluogo e verifica statica degli edifici danneggiati ma rimasti in piedi.

Confermato che sono terminate le ricerche di eventuali superstiti o corpi senza vita tra le macerie, il bilancio al momento è di 50 morti, circa 2mila feriti e, secondo i dati preliminari, circa 900 edifici a Durazzo e oltre 1.465 nella capitale Tirana con gravi danni strutturali.

 

Continua a Leggere

Cronaca

Morte Tatiana: “Non era ubriaco, assume farmaci”

I legali del 44enne fermato per omicidio stradale lavorano per dimostrare che l’alcol test è stato alterato da terapia farmacologica

Pubblicato

il

È finito in arresto ai domiciliari (foto di repertorio) l’uomo che ieri ha investito ed ucciso l’infermiera di Poggiardo. Ma per i suoi legali non era ubriaco quando si è messo alla guida.

Fabian Palma, 44 anni, stando a quanto sostenuto dall’avvocato Luigi Corvaglia, “è affetto da una grave patologia per la quale prende dei farmaci che avrebbero potuto alterare l’alcol test”.

L’udienza di convalida è attesa per lunedì. Intanto, gli avvocati del 44enne, accusato di omicidio stradale, lavorano per ottenere una perizia tecnica che possa confermare la loro tesi.

L’incidente

Il fatale incidente è avvenuto a Poggiardo, sulla via per Maglie, attorno alle 19.

La vittima, Tatiana Renna, era in sella alla sua bicicletta quando l’Opel Corsa condotta da Fabian Palma, 44enne del posto, l’ha travolta inesorabilmente.

Vani i soccorsi: la 32enne, sbalzata dalla sella della sua bicicletta 10 metri più in là sull’asfalto, non è sopravvissuta all’impatto.

Quello che resta…

Tatiana era una grande amante di gatti. Ne aveva tanti, tutti oggi rimasti senza qualcuno che se ne prenda cura.

Si vede chiaramente anche dal suo profilo Facebook: in quasi ogni foto, tra un sorriso e l’altro, quei batuffoli di pelo che le riempivano la vita.

La comunità di Poggiardo si è subito attivata per prendersene cura e gli amici della ragazza cercano adozioni.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus