Connect with us

Cronaca

Arrestati due avvocati salentini

Accusati di truffa aggravata, auto riciclaggio, falso in atto pubblico e patrocinio infedele.

Pubblicato

il

Due avvocati salentini finiscono in manette.

Si tratta di Francesco D’agata (dello “Sportello dei Diritti”) e Graziano Garrisi, accusati di truffa aggravata, auto riciclaggio, falso in atto pubblico e patrocinio infedele.

I due si trovano rispettivamente in carcere e ai domiciliari, con i conti correnti bancari sequestrati.

I provvedimenti restrittivi sono a firma del gip Cinzia Vergine su richiesta del sostituto procuratore Massimiliano Carducci, e sono stati operati dalla guardia di finanza.

In corso anche perquisizioni domiciliari e presso i rispettivi uffici legali.

Le indagini che han portato ai due fermi son partite dalla storia di una donna senegalese, vittima di un grave incidente stradale. Era D’Agata a curare gli interessi della donna che, secondo una sentenza del Tribunale di Trieste, avrebbe dovuto percepire un risarcimento danni per il sinistro di ben 636mila euro. Soldi che la vittima ha visto solo in piccola parte: D’Agata, mentendo sulla sentenza, avrebbe trattenuto per sè 283mila euro, di cui 160mila già incassati e gli altri bloccati in extremis col bloccaggio del conto.

Con quei soldi D’Agata, dopo averli trasferiti su un conto bancario aperto a nome dell stessa donna senegalese ma a tutti gli effetti gestiti da lui, avrebbe effettuato una serie di spese, sia professionali che personali, tra cui anche l’acquisto di mobilio per la sua abitazione e di un ombrellone in un lido a San Cataldo.

Il marcio è venuto a galla grazie ad una terza persona, una donna vittima di mobbing nel torinese e assistita sempre da D’Agata. La donna ha iniziato a sentir puzza di bruciato quando l’avvocato, cui si era rivolta per un ricorso in Cassazione, le ha raccontato che il ricorso era stato respinto (quando in realtà non è mai stato presentato) e le ha chiesto di versare 4mila euro proprio sul conto intestato alla signora senegalese, la quale ovviamente era all’oscuro di tutto, sin dai fatti che la interessavano in prima persona, riguardo il suo contenzioso.

A quel punto le autorità hanno bloccato il famigerato conto bancario e, come previsto, allo sportello si è presentato a reclamare proprio Francesco D’Agata, assieme al collega Graziano Garrisi, il quale si è difeso affermando di aver un ruolo marginale nella vicenda, di “semplice” cassiere.

Casarano

Casarano: iniziano i controlli elettronici della velocità

Pubblicato

il

Il Comune di Casarano annuncia che a breve prenderanno il via sul territorio comunale delle attività di controllo elettronico della velocità.

Dal prossimo mese di marzo avranno inizio, secondo il calendario stabilito dalla polizia locale, i rilevamenti elettronici con il sistema Velomatic.
L’invito è quello alla prudenza ed al rispetto dei limiti imposti.

Saranno interessate le vie: Papa Paolo IV, De André, Ombrone, De Matteis, On. Memmi, California, Alto Adige, Supersano e Ruffano.

Nel documento che segue orari e date.

Continua a Leggere

Cronaca

“Governo chiude tutte le scuole per coronavirus”: falso

Pubblicato

il

La notizia fake del giorno, sospinta dalla giornata festiva in corrispondenza del carnevale, riguarda la chiusura delle scuole. Nelle scorse ore si è diffusa la bufala secondo cui il Governo avrebbe imposto la chiusura di tutti gli istituti scolastici come misura anti coronavirus. In realtà gli istituti scolastici oggi chiusi lo sono, come tutti gli anni, in corrispondenza del martedì grasso.

Dal sito ufficiale del Governo la smentita:

“La Presidenza del Consiglio smentisce le notizie che stanno circolando in queste ore su una presunta chiusura, per decisione del Presidente Conte, di tutte le scuole di ogni ordine e grado. Le decisioni e le misure adottate dal governo vengono comunicate esclusivamente attraverso i canali e le fonti ufficiali, alle quali si prega di far riferimento”.

Continua a Leggere

Cronaca

Così truffavano le banche nel Salento

Guardia di Finanza: sgominata associazione per delinquere che truffava banche società finanziarie e assicurazioni. Quattro persone arrestate

Pubblicato

il

Al termine di complesse indagini coordinate dallaProcura della Repubblica ed eseguite dalla Guardia di Finanza di Lecce, è stata data esecuzione ad unordinanza applicativa della misura degli arresti in carcere ed ai domiciliari nei confronti di quattro persone, tre uomini ed una donna, componenti di un sodalizio criminale specializzato in truffe ai danni di società finanziarie, banche e compagnie assicurative nel territorio salentino.

L’operazione, denominata “Camaleonte”, condottdai finanzieri del Nucleo di Polizia economico finanziaria di Lecce, ha permesso di portare alla luce un elaborato sistema criminale votato alla commissione di reati contro il patrimonio, attraverso la falsificazione di documenti ed atti pubblici, attivo nella Provincia di Lecce ma con interessi anche nel brindisino.

In particolare, le Fiamme Gialle salentine hanno sviluppato le indagini partendo dalla ricostruzione delle vicende legate ad un mutuo ipotecarioerogato dalla filiale del Monte dei Paschi di Siena di Galatina in favore di una persona presentatasi quale agente della Polizia di Stato ma le cui generalità, in realtà, appartenevano ad uno sportivo, un ex fantino di origine toscana, defunto nel 2014.

Il mutuo erogato dalla banca, per un importo di 100 mila euro a fronte di una fittizia operazione di compravendita immobiliare, abilmente orchestrata, è stato spartito tra i componenti dell’organizzazione ed è rimasto naturalmente insoluto, non essendo più l’istituto di credito truffato in grado di rintracciare il fantomatico agente di polizia.

Proprio tale vicenda, dunque, ha consentito agli investigatori di risalire alle modalità operative dell’organizzazione, arrivando a delineare l’esistenza di un gruppo ben organizzato, stabilmente dedito alla contraffazione di documenti di identità, buste paga e certificazioni amministrative mediante l’uso di dati anagrafici falsi o appartenuti a soggetti già defunti (molti dei quali ex sportivi), al fine di trarre in inganno istituti di credito, assicurazioni e società finanziarie.

Le truffe sono state orchestrate anche grazie alla compiacenza di dipendenti delle società truffate, che volontariamente omettevano l’esecuzione dei necessari controlli sui documenti esibiti presso la banca, consentendo così al principale esponente dell’associazione per delinquere di portare a compimento il proposito criminoso.

L’organizzazione si è poi resa attiva realizzando anche una truffa nei confronti di una nota società di assicurazioni mediante attivazione dinumerosissime false polizze vita a carico di soggetti inesistenti, con il proposito di incassare la provvigione prevista per l’agente sottoscrittore, che, in qualità di componente effettivo della banda, ha contribuito a presentare presso un’agenzia brindisina i documenti falsi che gli altri complici avevano predisposto, anche mediante tecniche di “digital editing,preoccupandosi poi, una volta incassata la provvigione, di spartire i guadagni così ottenuti.

I complessivi accertamenti condotti dai militari mediante attenta analisi dei documenti, tramite l’incrocio dei dati emersi, spesso seguendo e filmando gli spostamenti dei componenti della banda, hanno permesso di verificare come gli arrestati abbiano alterato non meno di 160 contratti di assicurazione vita nonché truffato il Monte dei Paschi di Siena ottenendo un mutuo di 100 mila euro e compensi di provvigioni assicurative per circa 130 mila euro.

Le indagini, infine, hanno consentito non solo di rivelare le condotte illecite tenute, ma anche di contestualizzare le stesse nell’ambito del tessuto imprenditoriale salentino, collegando le attività degli arrestati con le dinamiche criminose ai danni di società finanziarie della zona, connotate dal medesimo modus operandi tutte riconducibili ai componenti del sodalizio criminale ora assicurati alla giustizia.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus