Connect with us

Cronaca

Befana in fuga inseguita dai carabinieri

Perde i regali e i militari dell’Arma li consegnano ai bambini ricoverati nei reparti di pediatria ordinaria ed oncologica del “Fazzi”

Pubblicato

il

In occasione della festività dell’epifania, i carabinieri della sezione radiomobile della Compagnia di Lecce, al termine  di un rocambolesco inseguimento alla befana nel corso del quale la vecchina perdeva parte dei regali contenuti nel suo sacco, prima di sfuggire alle gazzelle facendo perdere le sue tracce, si sono recati presso l’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce per portare quei doni ai bambini ricoverati nei reparti di pediatria ordinaria ed oncologica.

Intorno alle ore 10, in particolare, una rappresentanza di militari del reparto, alla presenza di medici, infermieri e personale dell’ospedale, ha fatto ingresso nelle sale dove erano ricoverati 25 bambini, ai quali, a ciascuno di loro, è stato regalato un piccolo gioco che ha consentito ai piccoli ospiti della struttura di trascorrere in allegria la festa della befana.

Alcuni dei bambini, infatti, alla vista del regalo tanto desiderato, si sono gettati tra le braccia dei carabinieri ringraziandoli per quanto fatto.

I militari del Comando provinciale di Lecce hanno portato così un sorriso a coloro che più ne avevano bisogno, dimostrando ancora una volta la speciale attenzione che la Benemerita ha nei confronti della comunità leccese e dei suoi più piccoli rappresentanti.

Al loro rientro in sede, ad attenderli, i militari hanno trovato la befana che, scusandosi per non essersi fermata all’alt, causa ritardo sulla tabella di marcia, per evitare di beccare la multa, ha consegnato loro il documento di identità e la carta di circolazione della scopa, regolarmente revisionata un paio di lustri fa….

Prima di andar via, la vecchina  ha ringraziato i carabinieri per averle dato una mano nella consegna di quei regali “speciali” per bambini altrettanto straordinari e coraggiosi.

 

Cronaca

Indagato Totò Ruggeri

Presunti illeciti sulla nomina del Commissario di un’Azienda per i Servizi alla Persona. L’assessore regionale: «Ho piena fiducia nella magistratura a cui sono certo di potere chiarire ogni passaggio»

Pubblicato

il

«Ho piena fiducia nella magistratura a cui sono certo di potere illustrare ogni passaggio di un procedimento rientrante completamente nelle prerogative della politica. Procedimento che, tra l’altro, non si è mai concluso perché la nomina non è mai stata fatta».

Così l’assessore regionale al welfare, il salentino Salvatore Ruggeri, ha inteso rendere pubblicala notizia di un’informazione di garanzia ricevuta come persona sottoposta a indagini dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia.

Le indagini sono riferite  ai presunti illeciti sulla nomina del Commissario dell’Azienda per i Servizi alla Persona “Castriota e Corroppoli” di Chieuti, in provincia di Foggia.

L’ex senatore di Muro Leccese ha anche dato la sua piena disponibilità ad incontrare quanto prima i magistrati inquirenti «per fornire loro ogni chiarimento utile».

 

Continua a Leggere

Cronaca

Autore di due furti a Ruffano: arrestato 25enne taurisanese

Il 19 gennaio ed il 23 marzo scorsi aveva rubato presso uno studio radiologico e diagnostico e presso un bar

Pubblicato

il

A Taurisano i carabinieri della Stazione Ruffano, coadiuvati da quelli della locale Stazione, hanno arrestato in esecuzione ad ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa da tribunale lecce – ufficio gip, Isacco Manco, 25 anni.

Le indagini dei carabinieri lo hanno inchiodato come responsabile di due furti avvenuti a Ruffano il 19 gennaio ed il 23 marzo scorsi, rispettivamente presso uno studio radiologico e diagnostico e presso un bar.

L’arrestato, espletate le formalità di rito è stato accompagnato presso la casa circondariale “Borgo San Nicola” di Lecce.

Continua a Leggere

Cronaca

Abusivismo edilizio: 5 denunciati a Montesano Salentino

Committente, direttore ed esecutore dei lavori di un muro di cinta e due comproprietari dell’immobile per la realizzazione opere edilizie abusive

Pubblicato

il

I carabinieri della Forestale di Tricase hanno denunciato a piede libero tre persone: rispettivamente il committente, il direttore e l’esecutore dei lavori, per aver realizzato un muro di recinzione in violazione al regolamento edilizio comunale.

Sempre a Montesano i carabinieri della Forestale hanno denunciato in stato di libertà altre 2 persone in qualità di comproprietari dell’immobile, per opere edilizie abusive consistenti nella realizzazione di due vani, un porticato e altre opere minori in assenza e difformità di permesso di costruire.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus