Connect with us

Cronaca

Castello D’Amore ad Ugento: parla l’architetto

Il proprietario: “Il sequestro probatorio riguarda una civile abitazione e nulla a che fare con il castello”

Pubblicato

il

L’architetto Rosa Carafa, coordinatore dell’Ufficio della direzione dei Lavori del “Restauro, recupero e rifunzionalizzazione del Castello di Ugento” interviene sul sequestro probatorio  notificato ieri dai Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Bari (RGNR 8772/2015) e “preciso che riguarda un immobile di civile abitazione di proprietà privata, sita in angolo tra via d’Amore e via Porta Paradiso ad Ugento nelle vicinanze del Castello; l’area del Castello di Ugento e le zone ad essa limitrofe sono vincolate ai sensi del decreto ministeriale del 22 agosto 1994. L’immobile sottoposto a sequestro”, dichiara, “pur ricadendo nel perimetro del vincolo non ha nulla a che fare con il Castello d’Amore;  i lavori sequestrati non hanno nulla a che fare con il cantiere del “Restauro, Recupero e rifunzionalizzazione del Castello di Ugento”che per giunta è in via di completamento”.

E ancora: “Nessuna comunicazione o fermo è stato notificato alla Ditta che sta eseguendo i lavori di restauro dell’immobile, ne alla Direzione dei Lavori, né tantomeno ai comproprietari eredi dei Principi d’Amore. I lavori in corso al castello”, conclude, “sono tutti approvati ed autorizzati dalle Soprintendenze competenti, ASL e Vigili del Fuoco, oltre ad essere costantemente monitorati da detti Enti per l’importanza dell’immobile ed il suo valore sia storico che artistico”.

All’architetto fa eco anche il proprietario del Castello Massimo Fasanella d’Amore: “Si tratta di un fermo dei lavori che nulla ha a che fare con i progetti di restauro che nello specifico interessano il castello di Ugento; di conseguenza nessuna responsabilità è stata imputata alla società che sta eseguendo i lavori di restauro dell’immobile, né ai privati comproprietari del Castello di Ugento né tantomeno al Comune di Ugento che, se i fatti verranno confermati, si configurano invece come parti lese della vicenda“.

Continua a Leggere

Aradeo

Cede cric, ferito meccanico

Stava cambiando pneumatico a tir: trasportato d’urgenza in ospedale

Pubblicato

il

Incidente sul lavoro in mattinata ad Aradeo dove un meccanico è rimasto ferito mentre cambiava uno pneumatico.

L’uomo era sotto ad un tir quando improvvisamente il cric ha ceduto ed il mezzo lo ha colpito.

L’episodio è accaduto nel parcheggio del supermercato che si colloca dinanzi al municipio di Aradeo.

Soccorso dal 118, il malcapitato, un ragazzo di 24 anni, è stato trasportato d’urgenza al “Fazzi” di Lecce. Intanto il posto è stato raggiunto anche dagli ispettori Spesal che hanno appurato che sul siano rispettate tutte le norme di sicurezza presso il luogo di lavoro del meccanico stesso.

Continua a Leggere

Cronaca

SS 274: brutto incidente tra auto e motoape

Soccorsi sul posto e rallentamenti: traffico deviato temporaneamente su uno svincolo

Pubblicato

il

Incidente dopo il tramonto sulla Strada Statale 274 che collega Leuca a Gallipoli.

Il sinistro, registrato poco prima delle 21, è avvenuto nei pressi di Taviano.

I mezzi coinvolti sono andati quasi distrutti. Si tratta di una Toyota e di un Motoape. I resti hanno ostacolato e rallentato il traffico, che è poi stato deviato dalle forze dell’ordine in direzione dello svincolo per Melissano.

Sono due i feriti. La peggio l’ha avuta l’uomo a bordo del Motoape: lo schianto lo ha sbalzato fuori dal mezzo, sull’asfalto. Per lui corsa in ospedale in codice rosso.

Non sarebbero gravi invece le condizioni dell’altro uomo coinvolto.

Continua a Leggere

Cronaca

Ruffano, incendio in centro nella notte

Fiamme accanto a portone su Corso Margherita di Savoia

Pubblicato

il

Mistero a Ruffano dove, nella notte, un piccolo incendio è divampato nel cuore della notte.

Le fiamme hanno preso vita in pieno centro, su Corso Margherita di Savoia, nei pressi del portone di una abitazione.

I vigili del fuoco del Distaccamento di Tricase sono accorsi sul posto ed hanno domato il rogo. I carabinieri indagano sull’accaduto per risalire ad eventuali responsabili.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus