Connect with us

Cronaca

Castello D’Amore ad Ugento: parla l’architetto

Il proprietario: “Il sequestro probatorio riguarda una civile abitazione e nulla a che fare con il castello”

Pubblicato

il

L’architetto Rosa Carafa, coordinatore dell’Ufficio della direzione dei Lavori del “Restauro, recupero e rifunzionalizzazione del Castello di Ugento” interviene sul sequestro probatorio  notificato ieri dai Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Bari (RGNR 8772/2015) e “preciso che riguarda un immobile di civile abitazione di proprietà privata, sita in angolo tra via d’Amore e via Porta Paradiso ad Ugento nelle vicinanze del Castello; l’area del Castello di Ugento e le zone ad essa limitrofe sono vincolate ai sensi del decreto ministeriale del 22 agosto 1994. L’immobile sottoposto a sequestro”, dichiara, “pur ricadendo nel perimetro del vincolo non ha nulla a che fare con il Castello d’Amore;  i lavori sequestrati non hanno nulla a che fare con il cantiere del “Restauro, Recupero e rifunzionalizzazione del Castello di Ugento”che per giunta è in via di completamento”.

E ancora: “Nessuna comunicazione o fermo è stato notificato alla Ditta che sta eseguendo i lavori di restauro dell’immobile, ne alla Direzione dei Lavori, né tantomeno ai comproprietari eredi dei Principi d’Amore. I lavori in corso al castello”, conclude, “sono tutti approvati ed autorizzati dalle Soprintendenze competenti, ASL e Vigili del Fuoco, oltre ad essere costantemente monitorati da detti Enti per l’importanza dell’immobile ed il suo valore sia storico che artistico”.

All’architetto fa eco anche il proprietario del Castello Massimo Fasanella d’Amore: “Si tratta di un fermo dei lavori che nulla ha a che fare con i progetti di restauro che nello specifico interessano il castello di Ugento; di conseguenza nessuna responsabilità è stata imputata alla società che sta eseguendo i lavori di restauro dell’immobile, né ai privati comproprietari del Castello di Ugento né tantomeno al Comune di Ugento che, se i fatti verranno confermati, si configurano invece come parti lese della vicenda“.

Continua a Leggere

Cronaca

Trovata discarica lungo gasdotto Poseidon

Individuati rifiuti tombati negli anno 70 e 80, tra cui anche amianto

Pubblicato

il

Una discarica lungo il percorso del gasdotto. E’ quanto emerso a Otranto prima dei lavori di realizzazione dell’impianto di Poisedon.

Come riporta Quotidianodipuglia.it., in contrata Bandino la Poseidon ha di recente acquistato un terreno per la realizzazione di una stazione di misura del gasdotto. Sotto terra però vi giacciono rifiuti tombati negli anni 70 e 80, in quella che era la discarica Bandino.

Tra questi, vecchi elettrodomestici, scarti edili, rifiuti derivanti da vecchie auto e anche amianto.

Tutti materiali  individuati duranti i controlli di sicurezza avviati prima di procedere con i lavori, controlli volti a tutelare il lavoro degli operari sgomberando il campo dalla possibile presenza di residui bellici.

I lavori al momento sono stati sospesi, l’area è stata recintata in attesa della bonifica che sarà a carico di Poseidon (100mila euro sarebbe l’importo da spendere). Nel frattempo la Regione ha convocato i dirigenti della società per chiederne i dettagli.

Continua a Leggere

Cronaca

Così ha profanato la chiesa di Scorrano

Emergono nuovi particolari sul fermo dell’uomo di Gagliano del Capo, responsabile del furto e degli atti sacrileghi dello scorso 11 novembre

Pubblicato

il

Nel corso del fine settimana scorso i carabinieri della Compagnia di Maglie, in collaborazione con quelli della Stazione di Gagliano del Capo, hanno individuato l’uomo che aveva profanato la chiesa scorranese.

L’uomo era stato immortalato dalle telecamere della chiesa mentre, dopo aver forzato la porta di ingresso, sottraeva circa 150 euro in contanti dalla cassetta delle offerte, oltre a rubare una catenina in oro con l’effige della Madonna normalmente utilizzata per adornare la statua di Santa Domenica, patrona di Scorrano, durante i festeggiamenti di luglio.

Non contento, dopo aver arraffato il “tesoro” si è fermato vicino all’altare principale del luogo di culto per fare la pipì!

Le ricerche avviate dai carabinieri di Maglie sono state coronate dal successo quando i colleghi della Compagnia di Tricase hanno individuato l’uomo ripreso dalle telecamere.

Si tratta di R.D., 30 anni, di Gagliano del Capo, già pregiudicato per reati contro il patrimonio e ben noto alla locale stazione dei carabinieri.

Così i militari dell’Arma hanno dato vita a delle perquisizioni ed hanno rinvenuto la maggior parte della refurtiva, che il trentenne gaglianese aveva già impegnato presso un “Compro Oro” della zona.

Ritrovati anche agli indumenti utilizzati per compiere il furto.

I monili, del valore di circa 500 €, sono stati restituiti al parroco della chiesa madre di Scorrano.

Continua a Leggere

Cronaca

Scorrano: preso ladro di offerte

Ha rubato le offerte in chiesa e poi urinato sull’altare: fermato R.D., 30enne pregiudicato di Gagliano del Capo

Pubblicato

il

È stato identificato l’uomo che sabato scorso si era introdotto nella chiesa madre di Scorrano, trafugando i soldi delle offerte dei fedeli ed una collana votiva dalla statua della Madonna (clicca qui).

L’energumeno, dopo aver sgraffignato i soldi e la collana, ha anche urinato sull’altare, davanti al Crocifisso.

A tradirlo le telecamere della chiesa che lo hanno immortalato mentre, dopo aver forzato la porta di ingresso, sottraeva circa 150 euro in contanti dalla cassetta delle offerte, oltre a rubare una catenina in oro con l’effige della madonna normalmente utilizzata per adornare la statua di Santa Domenica, patrona di Scorrano.

Le ricerche avviate dai carabinieri della Compagnia di Maglie hanno dato i loro frutti grazie anche alla collaborazione degli uomini della Compagnia di Tricase.

L’uomo ad aver profanato la chiesa di Scorrano è R.D., 30enne pregiudicato di Gagliano del Capo.

Le perquisizioni messe in atto dai carabinieri hanno consentito di rinvenire la maggior parte della refurtiva, che il pregiudicato  aveva già impegnato presso un compro oro della zona, oltre agli indumenti utilizzati per compiere il furto.

I monili, del valore di circa 500 euro, sono stati restituiti al parroco della chiesa di Scorrano.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus