“Coppola riprendi la bussola!”

Gestione sinistri a Tricase, polemica senza fine. Dopo la condanna degli amministratori comunali e il botta e risposta opposizione-sindaco, nuovo attacco di Nunzio Dell’Abate

Ci sta che lo stato d’animo di un condannato sia incline a vedere l’ingiustizia nel comportamento altrui, piuttosto che soffermarsi sulle colpe proprie. Ma il nostro Sindaco”, attacca il capogruppo dell’opposizione, “nel commentare su il Gallo online la sua condanna e quella della sua Giunta, ha superato ogni limite di decenza. Se la prende con il mondo intero: con il suo Avvocato, reo di non essere stato “bravo” a dimostrare la bontà del suo operato innanzi alla Corte dei Conti; con il Comandante della Polizia Locale che lo ha denunciato, colpevole di “non organizzare servizi e fare proposte”; degli avvocati, pronti a speculare sugli incidenti stradali per trarne profitto in danno del Comune di Tricase e di cui, solo il nostro Primo difensore, tutelerebbe le sorti”.

Bene farebbe”, ironizza Dell’Abate, “a farsi leggere la sentenza dal suo avvocato, il sindaco Coppola, così come l’ordinamento dell’ente locale che annovera la responsabilità in capo all’Ufficio Contenzioso, di concerto con il sindaco e/o assessore al ramo, di “fare proposte e servizi”… di contrasto al fenomeno delle richieste risarcitorie derivanti dallo stato pietoso delle strade comunali! Saremmo curiosi di conoscere quante proposte e quante denunce siano state presentate dal sindaco per arginare il fenomeno che così efficacemente dice di aver combattuto. Nessuna denuncia.  Un incarico bollato come illegittimo, inutile, dannoso dalla Corte dei Conti e dato dalla Giunta a una società interamente posseduta da un Consigliere Comunale in carica. Un solo colpevole”, conclude Dell’Abate, “questa l’amara sintesi di quattro anni di sconcezze!”.

 

Tags:


Commenti

commenti