Furia omicida dopo lite con la ex: arrestato

Powered by WP Bannerize

Nella mattinata di ieri i carabinieri di Taurisano, unitamente ai colleghi di Ugento e della Radiomobile di Casarano, hanno arrestato Danilo Cantoro per tentato omicidio, lesioni personali, minaccia e danneggiamento.

L’uomo, 29enne originario di Tricase ma residente in Acquarica del Capo, era già noto alle forze dell’ordine.

Nello specifico, a seguito di una serata trascorsa tra amici in un pub, Cantoro e la sua ex compagna, U.F., assieme ad un’altra amica, hanno deciso di recarsi a Gallipoli, a bordo della Fiat Uno di U.F., per una passeggiata.

Danilo Cantoro

Danilo Cantoro

Improvvisamente durante il tragitto è scoppiata una animata discussione tra il 29enne e la ex compagna. Cantoro ha stretto le mani attorno al collo della donna, costringendola ad accostare, e una volta sceso dall’auto ha sfondato il finestrino del lato conducente con un pugno. Dal porta bagagli ha preso poi una chiave svita-bulloni con la quale ha iniziato a minacciare le ragazze di non disturbarlo ulteriormente per evitare altre conseguenze. Giunti presso l’abitazione dell’amica della ex compagna, a Melissano, la discussione è continuata alla presenza anche di altri amici, nel frattempo allertati della situazione.

La chiave svita-bulloni

La chiave svita-bulloni

Proprio quando tutto sembrava acquietarsi e tutti stavano per tornare a casa, il 29enne, a sorpresa, si è scagliato contro P.I., 26enne di Acquarica, colpendolo alle spalle con la chiave svita-bulloni dapprima alla nuca e poi sulla fronte. Gli altri presenti, fermata la furia di Cantoro, hanno immediatamente allertato sia il 118 che i militari dell’Arma.

Il ragazzo aggredito è stato trasportato all’ospedale di Casarano, dove gli è stato riscontrato un “trauma cranico alla nuca ed alla fronte con rottura della falange della mano sx utilizzata per parare il secondo colpo”. La ex ragazza del 29enne invece, U.F., visitata presso lo stesso ospedale, è stata giudicata guaribile in due giorni.

La svita bulloni è stata posta sotto sequestro e dell’episodio, nonché dell’arresto, è stato informato il Sostituto Procuratore di turno presso la Procura della Repubblica, che ha disposto la traduzione del 29enne presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari, con l’accusa, come detto, di tentato omicidio, lesioni personali, minaccia e danneggiamento.

Tags:

Powered by WP Bannerize


Commenti

commenti