Connect with us

Cronaca

Auto in fiamme a Specchia

Il marito della donna, che utilizzava la vettura, si trova attualmente agli arresti domiciliari

Pubblicato

il

Panico ieri notte a Specchia. L’auto di una donna, una Renault Kadjar bianca, parcata in via Guglielmo Marconi è stata data alle fiamme.

Sul luogo sono giunti immediatamente i caschi gialli che hanno sedato l’incendio e messo l’area in sicurezza.

Il veicolo, era intestato ad una s.r.l. che la donna gestiva congiuntamente al marito attualmente agli arresti domiciliari.

A carico dell’uomo, originario di Tricase, è infatti pendente un processo per maltrattamenti in famiglia.

La malcapitata ha avvertito anche i militari della stazione locale che si sono portati sul luogo dell’incendio insieme ai carabinieri della stazione di Tricase.

Non è ancora chiara la natura del rogo, da un primo sopralluogo si ipotizza che la causa possa essere di origine dolosa.

Cronaca

Tragico schianto sulla A14, muore commerciante gallipolino

Forse un colpo di sonno alla base dell’incidente: l’Audi Q5 del commerciante ha sfondato il guardrail ed è finita in una scarpata

Pubblicato

il

Lo schianto lungo la A14 fra i caselli di Civitanova Marche e Loreto-Porto Recanati è stato fatale per Antonio Rizzo, commerciante di 69 anni di Gallipoli.

L’uomo era alla guida della sua Audi Q5 bianca insieme al figlio e ad un altro parente, quando, questa mattina all’alba, la sua auto è andata a sbattere contro il guardrail sfondandolo e finendo in una scarpata.

Per l’uomo alla guida, un commerciante, non c’è stato nulla da fare; feriti i due passeggeri: il figlio è ricoverato all’ospedale Torrette di Ancona con entrambe le gambe fratturate.

Tra le ipotesi al vaglio degli agenti della Polizia Stradale giunti sul posto, quella del colpo di sonno per il commerciante gallipolino titolare di uno storico esercizio commerciale di giocattoli a Gallipoli.

Foto da cronachemaceratesi.it

Continua a Leggere

Cronaca

In affari con la droga: 55mila euro in una busta

Carabinieri della Compagnia di Maglie e Nucleo Cinofili in azione ad Otranto ed Uggiano La Chiesa

Pubblicato

il

Gli indizi non lasciavano dubbi, così i carabinieri della Compagnia di Maglie con l’ausilio del Nucleo Cinofili di Modugno (Ba), hanno dato vita a due distinte perquisizioni domiciliari nei confronti di altrettante persone ritenute dedite alla commercializzazione di sostanze stupefacenti.

Ad Otranto, nella Zona 167, durante la perquisizione a casa del 51enne U.L.  sono saltati fuori, dall’interno della mobilia, e non sfuggiti all’olfatto del cane, 58 grammi di marijuana suddivisa tra un barattolo di vetro ed una busta di cellophane trasparente ed ancora in altro barattolo hashish per un peso di grammi 2.

Ciò che maggiormente ha destato stupore ai militari è stato il rinvenimento di due buste da spesa con all’interno ben 55 mila e 50 euro, tutti suddivisi in banconote da 100, 50, 20 e 10 euro, ritenuti probabile provento dell’illecita attività di spaccio.

La perquisizione estesa anche al garage dell’uomo ha permesso di rinvenire sulle tubature di scarico correnti nel corridoio adibito a spazio manovra dei garage del condominio, altri 41 grammi di hashish.

Ad Uggiano la Chiesa, invece, la perquisizione è avvenuta a casa del 36enne P.S., originario di Otranto.

L’unità cinofila ha rinvenuto un involucro di cellophane contenente 44 grammi di marijuana oltre ad una bustina di carta (grammi 0,2) e una bustina di plastica (grammi 2,3), tutti della medesima sostanza.

In entrambi i casi i destinatari della perquisizione sono stati oggetto di denuncia a piede libero.

Continua a Leggere

Cronaca

Incastrato dalle telecamere

Denunciato 30enne che si era introdotto in un’abitazione di campagna nel tentativo di rubare

Pubblicato

il

Un uomo di 30 anni di Melendugno è stato denunciato per tentato furto.

L’uomo si era introdotto nella casa di campagna di una donna di 60 anni anch’ella di Melendugno salvo poi darsi alla fuga all’arrivo della proprietaria.

Non ha tenuto conto però delle telecamere di sorveglianza le cui immagini (vedi foto in alto) lo hanno incastrato.

Così i carabinieri hanno riconosciuto M.G.E. e lo hanno denunciato.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus