La dimettono, ma ha un tumore: sei indagati all’ospedale di Tricase

Un calvario iniziato nella primavera 2014 ed allargatosi dall’ambito sanitario a quello giudiziario.

E’ la storia di una donna di Galatone, 41enne, finita in ospedale a Tricase con sanguinamento vaginale dopo che la sua ginecologa non le ha riscontrato alcuna anomalia in una visita medica del maggio dell’anno scorso. Come ha riportato Corrieresalentino.it, la paziente viene ricoverata al “Cardinale Panico” per poi essere dimessa, dopo i dovuti esami, nonostante una gamba di fatto bloccata.

A casa la situazione precipita e la donna viene ricoverata all’ospedale di Gallipoli dove viene salavata da una imminente trombosi e le viene diagnosticato un tumore maligno. Da qui, la 41enne si trasferisce a Bari e mentre combatte la malattia, decide di dar vita ad un’altra battaglia, di tipo legale. Tramite il suo avvocato, presenta un esposto alla Procura della Repubblica quale persona offesa da quelle che sarebbero lesioni personali gravi. Finiscono così sotto inchiesta sei medici dell’ospedale di Tricase e la ginecologa curante. Saranno due specialisti a valutare se vi sono responsabilità dei medici in quanto patito dalla donna.

Tags:


Commenti

commenti