Connect with us

Cronaca

“La Trinità a Tricase”

I consiglieri di opposizione dopo i sigilli al nuovo parcheggio dell’ospedale: “Inammissibile che il sindaco sia contemporaneamente anche il Capo Settore dell’Ufficio Tecnico e ingegnere che esercita la libera professione”

Pubblicato

il

Dopo aver appreso la notizia del sopralluogo della Guardia di Finanza nel nuovo parcheggio dell’ospedale di Tricase dove hanno riscontrato una irregolarità nell’area di 3mila metri quadrati circa che sarà destinata alla sosta delle auto dei dipendenti del “Cardinale Panico” (si tratta di in particolaredi una struttura, una sorta di gabbiotto con annesso bagno, che dovrebbe ospitare il custode del parcheggio e che sarebbe stata realizzata in difformità con il progetto originario) ci vanno giù pesante i consiglieri di opposizione Nunzio Dell’Abate, Gianluigi Forte, Vito Zocco, Pasquale Scarascia e Guerino Alfarano.

Antonio Giuseppe Coppola, dipendente del Comune di Tricase con la qualifica di Capo Settore dell’Ufficio Tecnico, da tempo in aspettativa per mandato elettorale”, attaccano, “esercita attività libero professionale di ingegnere, nell’ambito dello stesso Comune di Tricase, vietata dalla legge e dal regolamento comunale, versando da anni in una situazione di gravissima incompatibilità e conflitto di interessi. Non lo diciamo noi, ma l’Ispettorato per la Funzione Pubblica che gli ha contestato la violazione, irrogato una pesante sanzione amministrativa ed invitato il Segretario del Comune di Tricase ad avviare, in danno del dipendente Coppola, il procedimento disciplinare che in tali casi prevede il licenziamento in tronco”.

Si dà il caso”, continuano, “che il dipendente comunale ed ingegnere libero professionista Antonio Giuseppe Coppola sia anche il Sindaco di Tricase. E si dà il caso che i suoi lavori a Tricase da ingegnere (progetti, varianti, dichiarazioni di conformità, ecc) siano esaminati e approvati da chi è suo collega, per essere incardinato nel medesimo ufficio tecnico comunale, e contestualmente nominato a responsabile del settore tecnico, con i relativi maggiori emolumenti, a mezzo di decreto a firma del sindaco Antonio Giuseppe Coppola; decreto che in qualunque momento può essere revocato o non rinnovato dallo stesso sindaco”.

Apprendiamo”, aggiungono allacciandosi all’attaulità, “che a Tricase la Guardia di Finanza ha sequestrato, in quanto privo del permesso di costruire, un edificio, il cui progettista e direttore dei lavori risponde al nome dell’Ing. Antonio G. Coppola. Eloquente la sua dichiarazione riportata dai giornali: “Già domani l’autorizzazione verrà concessa dagli uffici comunali preposti”. Insieme a lui, anche noi non abbiamo dubbi che il permesso in sanatoria sarà rilasciato in tempi record! Chissà se tutti gli ingegneri di Tricase, in casi simili, abbiano il privilegio di poter rispondere con questa certezza. A Cantone, Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione”, concludono, “si rizzerebbero i capelli se venisse a Tricase. È ora che qualcuno la smetta di ritenersi assistito dal privilegio dell’impunità e decida se perseguire l’interesse pubblico oppure gli interessi personali”.

Cronaca

Scorrano, incidente sulla statale

Pubblicato

il

Violento tamponamento sulla strada statale 275 nel territorio di Scorrano.

Due le auto coinvolte, una delle quali è finita ribaltata su una fiancata.

Lo schianto è avvenuto poco dopo le 13 all’altezza della stazione di servizio Samer.

Soccorsi sul posto con ben 3 ambulanze. Accorse anche le forze dell’ordine per ricostruire la dinamica e gestire il traffico. Immediati gli incolonnamenti, soprattutto da sud.

Continua a Leggere

Casarano

Taglia rotatoria e sfonda guardrail: paura nella notte

Sfiora albero sulla Casarano-Taviano: fortuna nella sfortuna per uomo a bordo di Audi A3

Pubblicato

il

Volo su rotatoria nella notte sulla strada tra Casarano e Taviano.
Attorno alle 3 un uomo, a bordo di una Audi A3, ha travolto un guardrail finendo fuori strada su una rotatoria.
Violento lo schianto dopo il volo nei campi, ma fortunatamente non tragico: la vettura si è fermata qualche metro prima di impattare un albero.
Sul posto il 118 e le forze dell’ordine. A loro anche il compito di stabilire le cause dell’accaduto: se solo distrazione o sonno o anche altro.

Immagine di repertorio

Continua a Leggere

Cronaca

Fugge da comunità, poi telefona: “Non torno più”

Pubblicato

il

Ha 43 anni, si chiama Mario Urban e si è allontanato dalla comunità che lo ospita.

Mario era ricoverato per disturbo bipolare presso la comunità Protetta “Il Fiordaliso” di Taviano. Avrebbe lasciato la struttura verso le 15 del 12 dicembre.

Nella mattinata di oggi ha chiamato i responsabili della struttura stessa riferendo di trovarsi al nord e di aver trovato lavoro e che non sarebbe più rientrato in struttura.

Le forze dell’ordine sospettano possa trovarsi nella zona di Milano.

Chiunque avesse notizie è invitato a contattare i carabinieri.

Mario è alto 175cm, è un uomo robusto e pesa oltre 90kg. Ha capelli brizzolati.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus