Maglie: non vuole un figlio, calci al pancione della fidanzata

E’ finito agli arresti domiciliari N.G. 32enne di Maglie. L’uomo da tempo vessava la propria convivente, con minacce e pesanti insulti.

Martedì la violenza: N.G. dopo l’ennesima lite, prima scaglia contro la propria compagna vari oggetti poi le sferra un forte calcio al “pancione”, con l’intento di causare l’aborto di quel figlio che proprio non voleva. Il feto per ora è fuori pericolo.

L’uomo è stato fermato dai carabinieri di Maglie e ora sarà chiamato a rispondere del reato di maltrattamenti in famiglia

Tags:


Commenti

commenti