Connect with us

Cronaca

Parcheggi “Card. Panico”: opposizione al contrattacco

“Coppola eviti di metterla sulla mischia. L’indice noi lo puntiamo, come sempre, sulla sua incompatibilità accompagnata da quella arroganza e dispregio nei confronti del prossimo considerato essere inferiore e patologico”

Pubblicato

il

Continua a far discutere la vicenda dei sigilli apposti dalla Guardia di Finanza al nuovo parcheggio dell’Ospedale di Tricase. Mentre le indagini proseguono sul tavolo del pm è giunta un’informativa inviata dalla Guardia di Finanza nella quale compaiono i nomi di Antonio Coppola in qualità direttore dei lavori, responsabile della sicurezza e progettista per conto dell’ospedale di Tricase, della direttrice e rappresentante legale della Pia Fondazione di Culto e Religione “Card. Panico” Suor Margherita Bramato e quello del titolare dell’impresa Ideal Scavi, Francesco Saverio Cazzato. In mattinata Coppola aveva spiegato le sue ragioni accusando l’opposizione di aver messo su un polverone ad arte. Ora la controreplica dei consiglieri di opposizione che ieri avevano attaccato dal nostro sito il primo cittadino ritenendo “inammissibile il triplice ruolo di Coppola contemporaneamente sindaco, capo settore dell’ufficio tecnico in aspettativa e ingegnere che esercita la libera professione”.

CancelloI Consiglieri di minoranza Vito Zocco, Nunzio Dell’Abate, Gianluigi Forte, Pasquale Scarascia, Guerino Alfarano ora prendono “atto delle dichiarazioni del sindaco-ingegnere-dipendente comunale in merito al sequestro del parcheggio dell’Ospedale Panico e ci sentiamo offesi prima come cittadini e poi come consiglieri comunali. Non solo non abbiamo nulla contro questa opera”, dicono, “ma addirittura ricordiamo che la problematica delle aree a parcheggio intorno all’ospedale è stato uno degli argomenti più presenti nella nostra campagna elettorale del 2012. Ben venga , dunque, ogni forma di intervento che vada in quella direzione, considerato il grande ritorno che il polo ospedaliero d’eccellenza ha per Tricase. Per cui Coppola eviti di metterla sulla mischia. Non siamo stati certo noi a generare questa situazione. L’indice lo puntiamo, come sempre, sulla sua incompatibilità accompagnata da quella arroganza e dispregio nei confronti del prossimo considerato essere inferiore e patologico quando non si piega al volere della “trinità”. Il nostro auspicio”, concludono, “è che tutta la città si ribelli e urli per davvero: “Coppola dimettiti e libera il paese dalla tua sudditanza”.

Castrignano del Capo

Leuca, yacht travolge barca a vela

Distrutta piccola imbarcazione nel porto

Pubblicato

il

Dritto per dritto, come si suol dire.

Incidente a Leuca nella giornata di oggi, per fortuna senza feriti. Uno yacht di lusso, all’interno del porto, ha travolto durante una manovra una barca a vela ormeggiata al molo. Troppo grande la differenza di peso e dimensioni: la piccola imbarcazione è andata distrutta, trafitta dallo yacht, come si vede nel video che segue.

Continua a Leggere

Cronaca

Ugento smaltirà ancora i rifiuti di Brindisi

Pubblicato

il

Succedeva già, ma avrebbe dovuto interrompersi nelle scorse ore: i rifiuti della città di Brindisi continueranno ad essere trattati dall’impianto di Ugento, gestito dalla ditta “Progetto Ambiente”.

L’emergenza occorsa nel brindisino nelle ultime settimane, infatti, è stata tamponata sin qui grazie al trasferimento dell’umido nel basso salento. Soluzione temporanea che avrebbe dovuto restare buona giusto il tempo di risolvere il problema e, comunque, non oltre lo scorso sabato.

In queste ore però un’ulteriore proroga ha permesso il prolungamento dell’utilizzo dell’impianto di biostabilizzazione di Ugento fino al 27 luglio prossimo. A questo punto però non è facile prevedere cosa accadrà da qui a breve e non è escluso che il sud Salento possa doversi accollare ancora l’umido di aree del nord in emergenza.

Come Ugento, infatti, anche Cavallino e Poggiardo, ripetutamente, si sono fatti carico di scarti di aree in difficoltà. Pur essendo previsto dalla legge che, anche in tali casi, gli impianti non debbano mai raggiungere un carico di lavoro superiore a disponibilità e autorizzazioni, l’essere destinatari di queste “spedizioni” non è mai un piacere. Le amministrazioni di questi comuni, infatti, lamentano “un sacrificio chiesto sempre agli stessi territori, senza equa ripartizione del problema”.

Continua a Leggere

Cronaca

Spaccio: fermo ad Otranto

Nei guai un venticinquenne di Giurdignano

Pubblicato

il

I carabinieri di Otranto, durante uno specifico servizio finalizzato al contrasto di reati in materia di stupefacenti, hanno tratto arresto in flagranza di reato per detnzione e spaccio Daniele Amerigo Barone, 25 anni, di Giurdignano.

L’uomo è stato trovato in possesso di: tre panetti per complessivi gr.206 di hashish; un involucro contenente gr. 1,1 di marijuana; un bilancino di precisione e materiale per confezionamento dosi.

Il giovane è ora agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus