Parcheggi “Card. Panico”: opposizione al contrattacco

Powered by WP Bannerize

Continua a far discutere la vicenda dei sigilli apposti dalla Guardia di Finanza al nuovo parcheggio dell’Ospedale di Tricase. Mentre le indagini proseguono sul tavolo del pm è giunta un’informativa inviata dalla Guardia di Finanza nella quale compaiono i nomi di Antonio Coppola in qualità direttore dei lavori, responsabile della sicurezza e progettista per conto dell’ospedale di Tricase, della direttrice e rappresentante legale della Pia Fondazione di Culto e Religione “Card. Panico” Suor Margherita Bramato e quello del titolare dell’impresa Ideal Scavi, Francesco Saverio Cazzato. In mattinata Coppola aveva spiegato le sue ragioni accusando l’opposizione di aver messo su un polverone ad arte. Ora la controreplica dei consiglieri di opposizione che ieri avevano attaccato dal nostro sito il primo cittadino ritenendo “inammissibile il triplice ruolo di Coppola contemporaneamente sindaco, capo settore dell’ufficio tecnico in aspettativa e ingegnere che esercita la libera professione”.

CancelloI Consiglieri di minoranza Vito Zocco, Nunzio Dell’Abate, Gianluigi Forte, Pasquale Scarascia, Guerino Alfarano ora prendono “atto delle dichiarazioni del sindaco-ingegnere-dipendente comunale in merito al sequestro del parcheggio dell’Ospedale Panico e ci sentiamo offesi prima come cittadini e poi come consiglieri comunali. Non solo non abbiamo nulla contro questa opera”, dicono, “ma addirittura ricordiamo che la problematica delle aree a parcheggio intorno all’ospedale è stato uno degli argomenti più presenti nella nostra campagna elettorale del 2012. Ben venga , dunque, ogni forma di intervento che vada in quella direzione, considerato il grande ritorno che il polo ospedaliero d’eccellenza ha per Tricase. Per cui Coppola eviti di metterla sulla mischia. Non siamo stati certo noi a generare questa situazione. L’indice lo puntiamo, come sempre, sulla sua incompatibilità accompagnata da quella arroganza e dispregio nei confronti del prossimo considerato essere inferiore e patologico quando non si piega al volere della “trinità”. Il nostro auspicio”, concludono, “è che tutta la città si ribelli e urli per davvero: “Coppola dimettiti e libera il paese dalla tua sudditanza”.

Tags:

Powered by WP Bannerize


Commenti

commenti