Retata in città

Sin dall’alba di questa mattina gli elicotteri hanno sorvolato Lecce per dar manforte alle forze di polizia a terra impegnate ad eseguire una serie di arresti.

La Squadra Mobile della Questura di Lecce ha dato vita ad una operazione antidroga che ha messo con le spalle al muro un’organizzazione criminale dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Gli indagati, una dozzina, sono anche accusati di associazione a delinquere di stampo mafioso.

Le indagini della polizia leccese (in collaborazione con la Squadra Mobile di Ravenna, dei reparti prevenzione crimine di Lecce, Potenza e Pescara, del reparto cinofili di Brindisi e del reparto volo di Bari), protrattesi per oltre un anno, hanno consentito di  ricostruire centinaia episodi di spaccio di cocaina, eroina, hashish e marijuana e verificato come le persone fermate facessero parte di un’organizzazione  controllava il traffico e spaccio di sostanze stupefacenti in città.

Le indagini hanno preso il via da una serie di atti intimidatori perpetrati nei confronti di parenti del collaboratore di giustizia Salvatore Corrado e sono state corroborate proprio dalle dichiarazioni dello stesso collaboratore di giustizia.

Il sodalizio criminale spadroneggiava in città ed aveva in pratica occupato il posto lasciato vacante dagli esponenti di maggior spicco della Sacra Corona Unita, tutti dietro le sbarre. Gli arrestati erano riusciti a ritagliarsi una certa autonomia pur mantenendo una sorta di collaborazione con esponenti di spessore della malavita locale.

Tra gli arrestati  i leccesi: Cristian Cito, 29 anni, Massimiliano Elia, 42anni, Gianfranco Elia, 46 anni; Giampiero Alula, 40 anni; Antonio Balloi, 71anni; Cesario Filippo, 40 anni; Luca Pacentrilli, 29 anni; Antonio Restia, 53 anni; Oronzo Russo, 31 anni; Andrea Bisconti, 37 anni;  Danilo De Tommasi, 29 anni; Andrea Podo, 23 anni; Diego Podo, 33 anni. In  manette anche: Rodolfo Franco, 61 anni, di San Cesario di Lecce;  e Saulle Politi, 45 anni, di Monteroni; Gabriele Tarantino, 39 anni di Campi Salentina.

 

Tags:


Commenti

commenti