Ricettazione, furti e droga: fioccano le denunce

In questi giorni i carabinieri della Compagnia di Casarano in tutti i Comuni di competenza delle stazioni Carabinieri hanno effettuato una serie di controlli mirati alla prevenzione dei reati contro il patrimonio, al consumo di sostanze stupefacenti, al controllo delle persone sottoposte a misure alternative alla detenzione in carcere, alla circolazione stradale ottenendo i seguenti risultati.

Per ricettazione è stato denunciato in stato di libertà dai militari della Stazione di Matino,  R.R., classe 56 anni, del posto, il quale aveva consegnato, ai fini della vendita, un computer portatile presso un negozio di vendita di usato sito nella zona industriale. L’oggetto, provento di furto, all’insaputa del titolare dell’esercizio, era stato messo in vendita ma, casualmente è stato riconosciuto dal legittimo proprietario al quale, successivamente agli accertamenti dei carabinieri, è stato riconsegnato.

Ad Denunciati per ricettazione P.A.D.  di 18 anni e un minorenne, entrambi di Ugento, in quanto a seguito di perquisizione domiciliare trovati in possesso di cinque computer portatili, tutti risultati provento di un furto, avvenuto pochi giorni prima presso l’Istituto Scolastico Statale ugentino.

Sempre per ricettazione, i carabinieri di Racale, hanno deferito in stato di libertà E.F., 53 anni, fermato ad un posto di controllo mentre era alla guida di una Fiat Uno risultata provento di un furto  perpetrato alcuni giorni prima ad Alessano. Al termine degli accertamenti l’autovettura è stata restituita al legittimo proprietario.

A Taviano i militari dell’Arma hanno deferito in stato di libertà con l’accusa di danneggiamento A.M., 28 anni, ripreso da alcune telecamere di un circuito di videosorveglianza mentre rigava, utilizzando un temperino, la carrozzeria di un’autovettura in sosta provocando un danno di circa 2mila euro.

Ancora a Taviano, i carabinieri della locale Stazione hanno deferito in stato di libertà per truffa in concorso e sostituzione di persona T.S., 36 anni, e A.G.D.,20 anni, entrambi rappresentanti di una società di piccoli elettrodomestici: hanno utilizzato un contratto di vendita di una scopa elettrica falso per ottenere un finanziamento a nome di una ignara cliente, una casalinga 46enne.

A Melissano denunciate due persone: A.L. di 44 anni (si è presentato in Caserma per ottemperare all’obbligo di firma in orari diversi da quelli prefissati) e F.L., 51 anni, (scovato all’interno di un esercizio pubblico benché fosse vietato dalle  ìprescrizioni imposte dalla misura di sicurezza a cui è sottoposto).

I carabinieri di Casarano hanno denunciato M.S., 27 anni, per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti: è stato sorpreso, a seguito di controllo, mentre stava cedendo una dose di hashish ad un giovane assuntore; successivamente presso l’abitazione è stato trovato in possesso di gr 1,5 della stessa sostanza e materiale per il confezionamento delle dosi.

Sempre a Casarano l’Arma denunciato L.P., 28 anni, del posto, aveva occultato nella propria abitazione quattro involucri contenenti gr. 1,8 di eroina.

Infine a Racale deferito in stato di libertà  I.C., 18 anni, trovato  in possesso di cinquanta grammi di marijuana.

Durante il fine settimana la Compagnia Carabinieri di Casarano hanno controllato  377 autovetture e 440 utenti della strada, segnalato alla Prefettura di Lecce per uso non terapeutico di sostanze stupefacenti  18 persone trovate in possesso di modiche quantità di sostanza stupefacente per complessivi 140 grammi di hashish e 130 di marijuana. Inoltre sono state eseguite 5 proposte di rimpatrio con foglio di via obbligatorio.

Tags:


Commenti

commenti