Calcio in lutto: è morto Dino Della Torre

Un ottimo portiere, un bravo ragazzo prima, una persona per bene ora, un amico che se ne va.

Alle prime luci dell’alba è morto, ad appena  48 anni, Dino Della Torre, storico portiere della promozione in serie C del Tricase.

Proprio come quando scendeva in campo, ha lottato come un guerriero contro il “maledetto male”. Alla fine, stremato, si è arreso.

Con una nota sulla propria pagina facebook l’ASD Atletico Tricase ha espresso il proprio cordoglio: “Il grande portiere del Tricase della C2 ha lasciato il nostro tempo e il nostro spazio! I suoi valori, la sua amicizia, il suo sorriso continueranno ad accompagnare la nostra vita e la nostra memoria di comunità calcistica”.

Anche il Manfredonia, altra società molto legata a Della Torre, lo ha ricordato come “un Uomo dai valori inestimabili, amico di tutti, sempre sorridente, anche negli ultimi tempi quando quel male stava prendendo il sopravvento. Il Presidente, la Società, lo Staff Tecnico e Medico e la Squadra tutta si uniscono all’immenso dolore che ha colpito la famiglia”.

Quando la notizia è deflagrata a Tricase e nel Salento, in tanti sono rimasti in silenzio, mentre una lacrima rigava il viso.

Tra questi, ne siamo certi, tutti i suoi ex compagni di squadra a partire da Orazio Mitri, Giuseppe Contaldo e Massimo Carnevale; il preparatore dei portieri Vito De Francesco suo grande amico; tutti coloro che, come chi scrive, hanno avuto la fortuna e l’onore di conoscerlo e tutti gli appassionati di calcio che lo hanno potuto ammirare dagli spalti del via Olimpica negli anni d’oro del Tricase.

Domani, a Manfredonia si svolgeranno i funerali e, per l’ultimo saluto, da Tricase partirà una delegazione di amici, di cui faranno sicuramente parte Orazio Mitri, l’assessore allo sport Lino Peluso e il presidente di Tricaseèmia Gianluca Errico.

Ciao Dino, siamo sicuri che quando stamani San Pietro ha annunciato il tuo arrivo al microfono del paradiso, sia partito un applauso convinto, proprio come quando entravi in campo e lo speaker urlava il tuo nome.

Giuseppe Cerfeda

Tags:


Commenti

commenti