Connect with us

Cronaca

Tricase, tamponamento in navetta

Mentre monta il malumore per le fermate e per l’assenza del servizio gratuito ed in tutto il paese (come era stato promesso), il pullman incappa in un piccolo incidente a Tricase Porto

Pubblicato

il

Non naviga in buone acque la navetta di Tricase.

Sul servizio che avrebbe dovuto da mesi attivarsi in paese per trasportare i cittadini (gratuitamente) tra le numerose fermate che il sindaco aveva annunciato, si è dibattuto a lungo e si dibatte ancora.

E nel frattempo, mentre è stato dato il là al trasporto solo per il periodo estivo, con una sola settimana di fruibilità gratuita e con due fermate già controverse (numerose le lamentele pervenute alla Redazione per lo stop di Marina Serra al Santuario, che costringe ad una poco agevole “passeggiata” in discesa prima ed in salita poi per arrivare al mare), due sere fa il pullman navetta è incappato in un’altra grana: un leggero tamponamento ad uno dei tornanti sulla litoranea per Tricase Porto.

navettainc

Per carità, nulla di grave e soprattutto di imputabile tanto a chi ha messo in piedi il servizio, quanto a chi lo garantisce ogni sera, a partire dagli autisti. Singolare però il fatto di cronaca che rappresenta l’ennesima seccatura a coronamento di qualcosa di per sè mal partita.

“Uno scandalo sociale”

Al coro degli insoddisfatti si aggiunge Nunzio Dell’Abate: “È uno scandalo sociale, oltreché un irresponsabile danno erariale“, tuona il capogruppo d’opposizione.Il contratto di appalto dei parcheggi pubblici a pagamento prevede, a carico del gestore, il servizio gratuito di navetta diffuso per tutto il territorio, frazioni e marine comprese, estate ed inverno. 

Nunzio Dell'Abate

Nunzio Dell’Abate

Il contratto è stato stipulato a luglio dello scorso anno, il parcheggio nelle aree pubbliche si è pagato da subito, con l’abnorme aumento del 60% delle tariffe e del 150% degli abbonamenti, ma delle navette manco l’ombra!

La responsabilità però pare ricadere sull’amministrazione e non sulla ditta appaltatrice: “L’azienda aggiudicataria ha da tempo acquistato le navette, ma l’amministrazione non dia il nullaosta all’avvio del servizio ma va ad inventarsi un servizio con ticket a carico dell’utente e 10mila euro al mese a carico del Comune, oltre ai costi di segnaletica e manifesti. In pratica il cittadino paga due volte, con il biglietto e con le casse comunali, un servizio che dovrebbe essere gratuito.”

È la stessa musica del bike sharing“, il servizio di biciclette pubbliche che avrebbe dovuto esser avviato con l’arrivo dell’estate ma che il sindaco ha affermato di non poter far partire se anche il Comune di Castrignano (con cui è stato ottenuto il finanziamento) non è pronto. “Manco il pedale si intravede“, commenta Dell’abate: “Solo le rastrelliere arrugginite che ingombrano le piazzette con un “gusto” architettonico da far invidia…”

Cronaca

Positivo ad alcol: arrestato 44enne che ha travolto e ucciso infermiera

Ai domiciliari con accusa di omicidio stradale l’uomo che ha investito Tatiana, la giovane infermiera di Poggiardo

Pubblicato

il

È ai domiciliari l’uomo che nella serata di oggi, venerdì 29 novembre, ha travolto ed ucciso la 32enne infermiera di Poggiardo con la sua auto.

Fabian Palma, 44enne del posto, è risultato positivo al test alcolemico cui è stato sottoposto subito dopo la tragedia. Il tasso di alcol rilevato nel sangue era di 3.1, ben oltre lo 0,5 massimo previsto dalla legge per mettersi alla guida.

L’uomo, rimasto illeso nell’impatto, al momento è in arresto per omicidio stradale, come detto, ai domiciliari.

L’incidente

Il fatale incidente è avvenuto a Poggiardo, sulla via per Maglie, attorno alle 19.

La vittima, Tatiana Renna (nelle foto), era in sella alla sua bicicletta quando l’Opel Corsa condotta da Fabian Palma, 44enne del posto, l’ha travolta inesorabilmente.

Vani i soccorsi: la 32enne, sbalzata dalla sella della sua bicicletta 10 metri più in là sull’asfalto, non è sopravvissuta all’impatto.

Il dolore

Immediati i messaggi di cordoglio e dolore di chi conosceva la ragazza si sono susseguiti sui social.

La notizia, arrivata come un fulmine a ciel sereno, ha sconvolto anche chi non aveva mai incontrato Tatiana, infermiera del 118 per il locale presidio ASL, originaria di Cellino San Marco ma da qualche tempo a Poggiardo, dopo aver vinto un concorso.

Continua a Leggere

Cronaca

Tricase, casa distrutta dalle fiamme

Incendio in abitazione privata nel rione Tutino a causa dello scoppio di una canna fumaria

Pubblicato

il

Sirene spiegate a Tricase poco dopo mezzogiorno per un incendio in una abitazione privata.

I vigili del fuoco si sono precipitati nel rione Tutino dove in una casa di via dei Fiori, a qualche decina di metri dalla piazza principale, si è levata una colonna di fumo nero.

L’incendio è partito dalla canna fumaria del camino, nel quale i proprietari di casa avevano lasciato qualche pezzo di legno ardente prossimo a spegnersi.

Al momento dell’incidente in casa non vi era nessuno, se non lo sfortunato cane degli inquilini, deceduto a causa dei fumi inalati.

L’abitazione, come si evince anche dalle fotografie, è stata gravemente danneggiata. E dal controllo susseguente è anche emerso come parte di essa fosse inagibile.

Le conseguenze avrebbero potuto essere peggiori non solo se vi fosse stato qualcuno in casa ma anche se, come temuto in un primo momento, le fiamme avessero raggiunto una zona del cortile dove erano custodite alcune bombole di gas. Fortunatamente il pronto intervento del 115 ha scongiurato il peggio.

Continua a Leggere

Cronaca

(Tragico) Diario da Durazzo

I nostri vigili del fuoco impegnati nel recupero dei corpi di una intera famiglia, la cui storia ha commosso l’Albania e l’Europa. Intanto la terra trema ancora

Pubblicato

il

La fierezza per l’opera prestata dai vigili del fuoco salentini (sono partiti dei distaccamenti di Tricase, Maglie e Lecce) insieme ai loro colleghi di altre località italiane a Durazzo lenisce appena la tristezza per ciò che sta passando un popolo a noi vicino non solo geograficamente come quello albanese.

Una famiglia distrutta

Ieri i nostri vigili sono stati impegnati per tutta la giornata e fino a notte fonda a Durazzo nei pressi di una palazzina di tre piani che è collassata su se stessa ed ha inghiottito un’intera famiglia.

Il tetto dell’abitazione crollata

La mamma, la moglie del quarantenne Berti Lala, i figli, erano due gemellini di un anno e mezzo e un altra bambina di 7 anni: loro corpi sono stati ritrovati abbracciati alla madre, nella notte tra giovedì e venerdì dai nostri Vigili del Fuoco.

Anche gli altri familiari non ce l’hanno fatta: una delle sorelle di Berti Lala, la loro madre di 79 anni e un nipote sono tutti tra le vittime accertate del disastro. Nella notte trovato anche il corpo del nonno, un anziano disabile.
La palazzina dove viveva la famiglia è completamente collassata, con i solai uno sopra all’altro, una situazione in cui è stato molto difficile per i soccorritori intervenire.

Nelle operazioni che vedono coinvolti i nostri vigili del fuoco sono impegnati 175 uomini delle squadre Usar (Urban Search And Rescue), specializzate nella ricerca sotto le macerie.
I Vigili del Fuoco italiani hanno lavorato ininterrottamente sul sito da martedì sera fino alle 2 di questa notte, quando le operazioni di ricerca si sono concluse, finché tutti i dispersi erano stati recuperati.
La terra intanto continua a tremare: una nuova scossa di magnitudo 4.8 è stata registrata tra giovedì e venerdì poco prima di mezzanotte. L’epicentro è stato a 29 chilometri a ovest di Tirana, dove è stata avvertita distintamente. Mentre oltre 2mila persone sono ricoverate nelle quattro tendopoli a Durazzo, Sukth, Thumane e Bubq, si continua a scavare per cercare altri dispersi sotto le macerie.  Anche i vigili del fuoco della sezione operativa salentina si sono spostati su un un’altro ”cratere” di ricerca.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus