Connect with us

Cronaca

Mafia: sgominato network salentino, ecco gli arrestati

Associazione mafiosa, estorsioni, usura, rapine, droga, riciclaggio, truffe, prostituzione: manette e sequestri di beni per 10 milioni di euro

Pubblicato

il

Il Comando Provinciale di Lecce dei Carabinieri, impiegando oltre 100 uomini e 35 autovetture e con il, supportato di un velivolo del 6° Elinucleo Carabinieri di Bari e dal Nucleo Cinofili di Modugno (Ba) ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere e al contestuale sequestro preventivo di beni nei confronti di 23 indagati (22 in carcere e 1 agli arresti domiciliari), ritenuti responsabili, a vario titolo, di “associazione di tipo mafioso”, concorso esterno in associazione di tipo mafioso finalizzata all’usura, all’estorsione, alle rapine, all’esercizio abusivo di attività finanziaria, al riciclaggio, alle truffe, allo sfruttamento della prostituzione, allo spaccio di sostanze stupefacenti ed altro.

Gli arresti traggono origine da un’altra importante analoga attività d’indagine, denominata Shylock, che ha accertato l’esistenza di un’associazione di tipo mafioso, operante nella provincia di Lecce, dedita all’usura, alle estorsioni e al riciclaggio. È proprio dalle denunce presentate da un imprenditore vittima di usura, e dalle dichiarazioni rese da Alfredo Scardicchio, indagato che decise di collaborare dopo il suo arresto, che nel 2011 prende corpo un altro filone d’indagine. L’attività sviluppatasi  ha permesso l’individuazione di tre distinte associazioni (che convivono nello stesso territorio provinciale in virtù di una pax mafiosa), alle quali si affiancano altrettante associazioni con ambiti di operatività ben distinti, sia quanto ad oggetto sociale che quanto a bacino territoriale di utenza, che, tuttavia, registrano un certo grado di osmosi tra gli appartenenti ai diversi sodalizi.

In particolare, le dichiarazioni di Scardicchio hanno fatto emergere le prime prove dell’esistenza di un gruppo mafioso, ricollegabile ai fratelli Persano e al loro cugino Oronzo Persano (già condannato per 416 bis), attivo, tra l’altro, in materia di usura ed abusivo esercizio di attività finanziaria.

Con le prime dichiarazioni del pentito, sono state accertate le identità delle vittime dell’usura che, con le loro dichiarazioni (i 20 denuncianti hanno contribuito a fotografare il panorama criminoso e le connivenze anche di  6 direttori di banca compiacenti), hanno agevolato l’individuazione di un’analoga consorteria mafiosa facente capo alla famiglia Caroppo, nome storico legato alla Scu e al clan denominato “Nisi – Caroppo”.

Gli arrestati sono: Giuseppe Bolognese, 44enne di Lecce; Pasquale Briganti, detto Maurizio, 47 anni, leccese; Livio Biagio Carafa, 53 anni, di Nardò; Antonio Caroppo, 59 anni, di Castrì; Damiano Caroppo, 51 anni, di Lecce; Massimo Caroppo, 48 anni, di Lecce; Sergio Caroppo, 50 anni, di Lecce; Alessandro Fago, 45enne di San Pietro Vernotico; Remigio Garrafa, 44 anni; Mario Lonigro, 60 anni, di Lecce; Antonio Alvaro Montinari, 45 anni, di Lecce; Massimo Paladini, 54 anni, di Lecce; Gianfranco Pati, 56 anni, di Monteroni; i leccesi Fabio Persano (49 anni),Giuliano Persano (57 anni), Maurizio Persano (55 anni), Oronzo Persano, (58 anni) e Stefano Persano (43 anni); Giacomo Mario Profilo, 67 anni, di Campi Salentina; Lucio Riotti, 51enne di Carmiano; Luigi Sparapane, 58enne di Galatina; Ivo Venturi, 53enne leccese. Per Paolo Tamborino, 50 anni di Maglie è invece scattata la misura degli arresti domiciliari.

Le dichiarazioni degli imprenditori hanno trovato conferma dalle attività tecniche e accertamenti patrimoniali presso le banche dati e gli istituti di credito, nonché dagli innumerevoli servizi di osservazione e pedinamento messi in atto dai carabinieri. Nell’indagine è emersa, inoltre, una frangia di tutto rilievo nel panorama leccese della SCU, e cioè quella legata a Pasquale Briganti, detto Maurizio (già condannato per 416 bis), e Luigi Sparapane (operante su Galatina), entrambi storici esponenti della SCU. In questa strutturazione orizzontale, che consente di definire la mafia salentina come un network di gruppi mafiosi, sono inseriti organicamente soggetti che nel corso del tempo non hanno mai perso aderenza con la Scu. A satellite delle organizzazioni descritte vi sono altrettante associazioni per delinquere le quali hanno concorso o comunque favorito gli affari illeciti delle organizzazioni di tipo mafioso.

Le operazioni hanno luogo nelle province di Lecce, Roma, Brindisi, Foggia e  Pavia, prevedono l’esecuzione congiunta dei 23 provvedimenti restrittivi, di cui 20 per 416 bis; successivamente saranno notificati ulteriori 82 avvisi di conclusione indagini.

Il Nucleo investigativo inoltre procederà all’esecuzione del sequestro di 36 immobili (appartamenti, villette residenziali e terreni); 4 attività commerciali; un’autovettura; due SrL; due imprese individuali; circa 30 rapporti bancari che permetteranno di aggredire il patrimonio accumulato illecitamente dalle famiglie mafiose dei  Persano e Caroppo per un valore, approssimato per difetto, di circa 10 milioni di euro.

Cronaca

Autore di due furti a Ruffano: arrestato 25enne taurisanese

Il 19 gennaio ed il 23 marzo scorsi aveva rubato presso uno studio radiologico e diagnostico e presso un bar

Pubblicato

il

A Taurisano i carabinieri della Stazione Ruffano, coadiuvati da quelli della locale Stazione, hanno arrestato in esecuzione ad ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa da tribunale lecce – ufficio gip, Isacco Manco, 25 anni.

Le indagini dei carabinieri lo hanno inchiodato come responsabile di due furti avvenuti a Ruffano il 19 gennaio ed il 23 marzo scorsi, rispettivamente presso uno studio radiologico e diagnostico e presso un bar.

L’arrestato, espletate le formalità di rito è stato accompagnato presso la casa circondariale “Borgo San Nicola” di Lecce.

Continua a Leggere

Cronaca

Abusivismo edilizio: 5 denunciati a Montesano Salentino

Committente, direttore ed esecutore dei lavori di un muro di cinta e due comproprietari dell’immobile per la realizzazione opere edilizie abusive

Pubblicato

il

I carabinieri della Forestale di Tricase hanno denunciato a piede libero tre persone: rispettivamente il committente, il direttore e l’esecutore dei lavori, per aver realizzato un muro di recinzione in violazione al regolamento edilizio comunale.

Sempre a Montesano i carabinieri della Forestale hanno denunciato in stato di libertà altre 2 persone in qualità di comproprietari dell’immobile, per opere edilizie abusive consistenti nella realizzazione di due vani, un porticato e altre opere minori in assenza e difformità di permesso di costruire.

Continua a Leggere

Cronaca

Auto ribaltata, spavento per la conducente

Pubblicato

il

Grande spavento in città nel pomeriggio a causa di un incidente stradale.

Una donna si è ribaltata con la sua auto in via Gentile per cause da accertare.

L’incidente si è verificato poco dopo il tramonto, attorno alle 19. La conducente potrebbe aver accusato un malore ed esser finita con tutte e 4 le ruote della sua vettura per aria.

Sul luogo del sinistro sono accorsi il 118 assieme a polizia locale e vigili del fuoco.

Foto dalla pagina Facebook Salentolive24

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus