Un’aula 2.0 per la maestra Stefania

Ammonta esattamente a 11.876,96 euro il fondo della raccolta lanciata dal IV Istituto Comprensivo di Udine a memoria di Stefania Fanciullo, la docente di Depressa (frazione di Tricase) scomparsa a 43 anni a causa di un incidente stradale verificatosi il 30 agosto 2016 a pochi km da Udine, lungo l’autostrada A23.

Dopo la tragedia”, racconta il fratello Ivano, “ci siamo attivati sia noi che la scuola di provenienza, la Zardini di Udine per una raccolta fondi in suo nome. Successivamente si è avvicinata l’azienda Solari, sempre di Udine, che dato un grosso contributo all’iniziativa ed ha sponsorizzato la raccolta fondi”.

Stefania per lavorare come tanti salentini era stata costretta ad abbandonare la sua amata terra.

Dopo anni di sacrifici e precariato, da un anno era di ruolo e qualche ora dopo (il primo settembre), avrebbe firmato la presa in carico dell’agognata cattedra che avrebbe svolto in una scuola di Cervignano del Friuli.

La notizia della sua tragedia sconvolse immediatamente il suo borgo natale, Depressa, e ovviamente anche Udine, città nella quale svolse gli ultimi due anni di insegnamento. Proprio in sua memoria, gli amici e i colleghi della scuola primaria Zardini di Cussignacco, nella quale aveva insegnato e svolto l’anno di prova, aveva lanciato una raccolta fondi da destinare alla realizzazione di laboratori scolastici per i paesi colpiti dal terremoto del Centro Italia fra l’estate e l’autunno del 2016: un’aula 2.0.

Due anni dopo sua scomparsa, la raccolta fondi è giunta definitivamente al termine.

Il IV Istituto Comprensivo di Udine, in accordo con l’Istituto Comprensivo “G. Leopardi” di Sarnano, ha stabilito che i soldi (raccolti in particolar modo in Friuli e in Puglia) saranno utilizzati per l’allestimento di un’aula multimediale presso la nuova scuola primaria di Gualdo (paese vicino a Sarnano colpito dal terremoto del 2016) che sarà inaugurata tra il 14 e il 15 settembre.

L’aula 2.0 sarà intitolata alla “Maestra Stefania”, disporrà di 16 postazioni, e sarà dotata di strumentazioni tecnologiche, arredo appropriato e software finalizzati alla facilitazione degli apprendimenti per gli alunni diversamente abili e con bisogni educativi speciali.

Tags:


Commenti

commenti