Vigile del fuoco per protesta da solo in mezzo al mare

Con una nota Alessandro De Giorgi, segretario territoriale della UILPA VVF Lecce, denuncia: “Quello dei Vigili del Fuoco è, tra i Corpi dello Stato, il meno retribuito. Nonostante il lavoro estremamente rischioso, i Vigili del Fuoco non beneficiano di alcuna forma di assicurazione per gli infortuni sul lavoro e per le malattie professionali come accade, invece, per qualsiasi altro lavoratore sia pubblico che privato.

I Vigili del Fuoco rappresentano, inoltre, i poveri di domani perché, a differenza di altre categorie lavorative, percepiranno pensioni da fame per la totale assenza di forme di tutela previdenziale. Ai problemi nazionali si aggiungono le non meno gravi problematiche locali.

I vigili del Lecce vivono in una sede ai limiti della sicurezza e fatiscente, con gravi problemi di carattere strutturale che ci hanno indotto come O.S. a dichiarare lo stato di agitazione di categoria, richiedendo l’intervento di sua Eccellenza il Prefetto.

Siamo in attesa delle verifiche statiche sull’edificio che forniranno dati certi sulla sicurezza e sullo stato di salute dello stabile. Di sicuro per restare nell’attuale sede, si avrà bisogno oltre che di una sostanziale ristrutturazione, anche di un ampliamento perché dagli esami effettuati, l’attuale stabile, risulta gravemente sottodimensionato rispetto agli stessi standard ministeriali. Altrimenti non resta che sperare in un nuovo progetto, ovvero nella costruzione di una nuova sede, sempre che in questo caso i soldi ci siano e su questo, ho qualche dubbio visti i continui tagli, concedetecelo!

Possiamo vantare, inoltre, su un parco mezzi obsoleto e talmente scarno, da non riuscire a garantire a volte, un APS (auto pompa serbatoio) a tutte le squadre di tutte le sedi della provincia. Mezzi talmente datati che oramai non garantiscono nemmeno gli standard minimi di sicurezza.

E’ giusto che i cittadini sappiamo che trattamento riserva lo stato ai suoi ‘ angeli’ in divisa”.  

Per questi motivi e in segno di forte protesta, il Capo Squadra Esperto A. Di Malta, dirigente sindacale della UIL PA Vigili del Fuoco, ha deciso di scioperare su un’isola deserta sino a quando non verrà ascoltata la voce dei Vigili del Fuoco,penalizzati”, a detta di De Giorgi, “anche dal recente riordino delle carriere, figlio di una Amministrazione arrogante che ha pensato ad un ristretto numero di privilegiati ignorando le necessità di tutti quei colleghi che ogni giorno rischiano la vita sul campo”. Intanto lo scioperante Di Malta dichiara di“aver scelto Lampione, un isolotto lungo 200 metri e largo 180, proprio a voler simboleggiare l’isolamento dei Vigili del Fuoco nonostante le belle parole per loro riservate dopo ogni tragedia, salvo dimenticarsene subito dopo e fino alla nuova emergenza. Non è morale abusare dei Vigili del Fuoco in questo modo”,  rincara la dose il sindacalista che lancia un ulteriore monito, “hanno cercato in tutti i modi di delegittimare il sindacato, cercando di allontanare i lavoratori dall’unico vero strumento di tutela che hanno. Io sono qui a dimostrare che la UIL PA Vigili del Fuoco c’è ed è più risoluta che mai nella tutela dei diritti dei Vigili del Fuoco”.

Tags:


Commenti

commenti