Franco Simone, Per fortuna

La bellezza di un giorno d’estate. Il sole, il mare, il vento. Il respiro del mondo, il respiro dell’anima. Un tramonto infuocato. I pensieri, i sentimenti, le emozioni. La musica, le canzoni. Una voce vibrante che nasce dal profondo.

Franco Simone, la sua passione, la sua sensibilità, il suo talento, il suo universo. La sua terra, le sue radici, Acquarica del Capo, il Salento. Dall’Italia al Sudamerica. La vita è l’arte dell’incontro. L’incontro è condivisione. La musica è vita, è incontro, è condivisione.

Questi e altri pensieri sgorgano spontaneamente ascoltando Per fortuna, nuovo album del poeta con la chitarra, volendo citare un suo disco del 1976 che si apriva con la meravigliosa Tu… e così sia, successo da Hit Parade, tra i 45 giri più venduti di quell’anno. Senza ombra di dubbio, Franco Simone è uno che quando scrive e canta le sue canzoni ci mette dentro Respiro, guarda caso titolo di un altro suo grande successo tratto dall’omonimo LP del 1977.

Oltre 45 anni di carriera impastati di rispetto, dignità e umiltà; una discografia notevole con alcuni lavori da brivido (da Paesaggio del 1978 a Voce piano – Dizionario dei sentimenti del 1990, da Eliopolis – La città del sole del 2001 con la Grande Orchestra Balcanica di Nikos Papakostas all’opera rock-sinfonica Stabat Mater del 2014, fino ad arrivare al suo personale omaggio a Tenco con Carissimo Luigi del 2016); un canzoniere di sostanza che altrove, nei paesi latinoamericani, è considerato patrimonio musicale nazionale (è il caso di Paisaje che conta decine e decine di versioni da parte di cantanti e gruppi).

Per fortuna” che tanto per cominciare è un progetto collettivo in cui confluiscono tanti giovani artisti con cui Franco Simone ha voluto condividere la sua musica.

Il cantautore ha così chiamato a raccolta artisti nazionali e internazionali con cui ha duettato: Astrid Veas in Vento d’amore, Alejandra Ramirez in Sole e uragano, Irene Fornaciari in Navigando, Carla Casarano in Meraviglia, Cinzia Marzo (voce degli Officina Zoè) in Fiu, Alex Zuccaro (arrangiatore dell’intero lavoro) in Racconto.

Una menzione a parte merita lo storico gruppo cileno degli Inti-Illimani insieme a cui Simone dà vita a un  momento di forte intensità rappresentato da Pane.

Il nostro passa con estrema disinvoltura dal salentino (Cittu e Te cercu con Eleonora Pascarelli) all’italiano (Riflesso, Figli della notte e Origini con Giada Indino) e allo spagnolo, ormai sua seconda lingua, cimentandosi con il classico Gracias a la vida di Violeta Parra insieme alle giovani ugole di The Voice Of Chile, di cui è stato coach, e riproponendo in versione “cumbia” la sua Paesaggio/Paesaje.

Inarrestabile Franco Simone”, scrive nella sue recensione online l’Isola della Musica Italiana (lisolachenoncera.it), “come i veri “grandi” conserva lo spirito e gli occhi dei “piccoli”, la meraviglia di stupirsi davanti ai tanti miracoli della vita, il coraggio e la tenacia di ricercare la bellezza ed esserne strumento. «In un mondo che prigioniero è», Franco Simone c’è e c’è con tutto se stesso. “Per fortuna”…

Tags:


Commenti

commenti