Cancro al fegato? A Casarano mancano gli aghi!

I malati di cancro al fegato che si curavano con la termoablazione non potranno più farlo presso l’Ospedale “Francesco Ferrari” di Casarano.

termoablazioneIl motivo? Sono terminati gli aghi indispensabili ad effettuare tale trattamento e ben 8 pazienti, per non interrompere la cura, hanno già iniziato i viaggi della speranza in altri ospedali italiani malgrado nel nostro Salento ci siano medici capaci e preparati ad intervenire”. La denuncia è del consigliere regionale di Forza Italia, Luigi Mazzei, che attacca: “Non avessimo testimonianze dirette di questi scempi che calpestano il diritto alla salute dei malati gravi salentini, esiteremmo a dubitare di tanta inefficienza e di tanta insensibilità, ma purtroppo è tristemente tutto vero!”. Eppure nel reparto di chirurgia del “Ferrari” di Casarano fino a luglio scorso era possibile seguire tale terapia, quella appunto della termoablazione.  Il trattamento è, infatti, riconosciuto dalle linee guida sull’epatocarcinoma per noduli sino a due centimetri e si effettua attraverso l’uso di un ago che, collegato con un generatore esterno, trasmette onde elettromagnetiche che bruciano le cellule tumorali. “Ma gli aghi si sono finiti”, sorride amaro Mazzei, “con tutti gli sperperi che ci sono, stentiamo quasi a crederci, non ci sono i soldi per comprarli e quindi i malati di cancro possono aspettare; o meglio, se proprio non possono e non vogliono, possono andare in giro per l’Italia nei nosocomi più efficienti di quelli salentini”. E già perché Mazzei dice anche che “a quanto ci risulta, il direttore sanitario dell’Asl di Lecce, avrebbe posto come alternativa a Casarano il “Vito Fazzi”, ma ad ora, non si è ancora riusciti a dare informazioni ai pazienti sulle modalità di accesso a tale trattamento di cura”. Per questo il Cionsiglkiere Mazzei ha presentato un’interrogazione al Presidente della Regione Nichi Vendola e all’assessore alle politiche della salute, Donato Pentassuglia per sapere

perché al “Vito Fazzi” di Lecce ci siano gli aghi per il trattamento e a Casarano l’Asl non li compra da dicembre 2013, data di scadenza dell’ultima gara di acquisto?”. E ancora: “Come mai, in attesa dell’acquisto di nuovi aghi, i pazienti del nosocomio di Casarano non sono stati messi nelle condizioni, da subito, di continuare le cure presso il nosocomio di Lecce senza creare loro il disagio di affrontare lunghi ed estenuanti viaggi verso altri nosocomi d’Italia?”.

Se si pensa ciò che accade a Scorrano con la penuria di Primari che sta depotenziando la struttura”, conclude Mazzei, “si capisce bene il livello bassissimo della sanità salentina”. Fa riflettere il dato secondo il quale è di ben 49milioni di euro il costo della mobilità passiva dei malati per la Regione Puglia, regione in cui i cittadini non hanno i soldi per curarsi e secondo i dati dello Svimez sono penultimi soltanto davanti alla Campania.

Tags:


Commenti

commenti