Connect with us

Attualità

Vi prego, aiutatemi a ricordare quel pomeriggio da dimenticare

L’impatto tra due auto, nel primo pomeriggio di quel maledetto sabato 24 gennaio del 2015 sulla Tricase – Montesano Salentino, fu tremendo

Pubblicato

il

L’impatto tra due auto, nel primo pomeriggio di quel maledetto sabato 24 gennaio del 2015 sulla Tricase – Montesano Salentino, fu tremendo. Ad avere la peggio fu Antonio Pizzola, ufficiale di marina di Collepasso, allora 31 enne, che a sirene spiegate fu trasportato in codice rosso al Vito Fazzi di Lecce. Meno gravi le condizioni della passeggera che viaggiava accanto al militare, la sua ragazza, Federica, e del conducente dell’altra autovettura coinvolta nell’incidente.

Fortunatamente oggi tutti godono di buona salute ma il trauma per quel tremendo incidente è rimasto, anche perché ancora non è chiara la dinamica e, né Federica né Antonio, riescono a farsene una ragione. A distanza di quasi 5 anni, ci scrive Federica, la ragazza di Antonio Pizzola, che riportò lievi ferite nel fisico ma che, tuttora, porta ancora i segni a livello psicologico e non riesce a dimenticare. Lei ed Antonio non riescono a darsi pace.

C’era olio sulla strada?

Sono Federica, una ragazza di Collepasso, motivata a scrivere a voi de il Gallo dalla lettura di un inserzione postata su facebook da leccenews24, che riportava la richiesta d’aiuto da parte di una famiglia per rintracciare eventuali testimoni, (qualcuno che avesse visto) e che possa quindi descrivere un incidente automobilistico avvenuto tra Veglie – Porto Cesareo.

Desidero porre quindi all’attenzione della redazione il mio caso, sperando di avere un risvolto positivo, fiduciosa nella vostra fattiva collaborazione. Il 24 gennaio 2015, io ed il mio fidanzato, Antonio Pizzola, di ritorno da Tricase, percorrevamo la S. P. 178 Montesano Salentino- Tricase e fummo coinvolti in un incidente stradale. Antonio, alla guida della sua Opel Astra, ebbe le conseguenze peggiori.

Oltre le varie fratture, a causa di un gravissimo trauma cranico, trascorse i successivi 20 giorni in coma ed alcuni mesi ricoverato per la riabilitazione che poté poi continuare a domicilio ma che, dopo quasi cinque anni, è ancora costretto a continuare.

Lui purtroppo non ricorda  l’incidente, e per poter giustificare quell’evento così traumatico che gli ha sconvolto la vita, si deve attenere ai miei ricordi. Io ero a bordo dell’auto con lui al momento dell’impatto e, fortunatamente, ho riportato solo lievi ferite. Nonostante le ricerche ufficiali (verbale dei Carabinieri, dei Vigili del Fuoco, ecc…) non è stato possibile determinare con sicurezza la dinamica dell’incidente.

Molti dei testimoni dell’accaduto, o comunque coloro che prestarono il primo soccorso, parlarono di presenza di olio sulla carreggiata.

Purtroppo, vista la concitazione di quei momenti, e di quelli immediatamente successivi, non ci fu lo scambio di generalità e recapiti con i primi soccorritori. Non c’è nessuno quindi che possa raccontare a me e ad Antonio maggiori dettagli o confermare i miei riporti sull’incidente.

Per poter dare un senso logico a quella maledetta vicenda ed una pseudo-pacificazione al mio ragazzo, basterebbe solo trovare qualcuno, che abbia percorso poco prima la stessa strada e che possa confermare  la presenza di quel maledetto materiale viscoso sulla carreggiata.

La cronaca su www.ilgallo.it

Questa la cronaca riportata su www.ilgallo.it di quel 24 gennaio 2015: «Violento incidente sulla strada provinciale 178 che collega Tricase a Montesano Salentino. Coinvolte una Opel Astra ed una Bmw 118D, entrate in collisione frontalmente per cause da accertare. Ad avere la peggio il conducente della Opel, Antonio Pizzola, 31enne di Collepasso. L’uomo, ufficiale di Marina in servizio a Brindisi, è ora ricoverato al “Fazzi” di Lecce, dove è arrivato in codice rosso ed è sotto il controllo dei medici del reparto Rianimazione, in prognosi riservata. Meno gravi le condizioni di F.R., 48enne di Montesano Salentino, conducente della Bmw, trasportato all’ospedale di Tricase per accertamenti. Sul luogo dell’incidente si sono recati i carabinieri e gli agenti della polizia municipale di Tricase. Sono in corso le procedure di ricostruzione della dinamica del sinistro: da capire anche se la battente pioggia possa essere tra le cause dell’incidente. Il tratto di strada è stato rimesso in sicurezza dal personale Alba service, che ha provveduto a rimuovere olio e altri liquidi fuoriusciti dalle vetture incidentate».

Se avete visto ci contattateci

Nell’articolo non vengo citata, in quanto sono stata estratta dall’abitacolo ancor prima che arrivassero i soccorsi sanitari. Ad oggi, la dinamica del sinistro è vaga e basata su ipotesi. So che sono passati un bel po’ di anni, ma questa è l’unica ed ultima possibilità che mi rimane. Chiedo aiuto alla redazione e a tutti i lettori.

Cerco qualcuno che il 24 gennaio del 2015, in mattinata, o anche il giorno precedente, abbia percorso quella strada e abbia sbandato, senza riportare danni tali da dover chiamare i soccorsi, o abbia notato sull’asfalto la presenza di materiale viscido. Per noi è importante anche il minimo e più insignificante dettaglio! Vi ringrazio per l’attenzione che vorrete darmi.

Cordialmente, Federica

Chi è nelle possibilità di aiutare Federica a ricordare quanto avvenuto quel pomeriggio può contattarci ad info@ilgallo.it. Provvederemo a metterlo in contatto con la diretta interessata.

Continua a Leggere

Attualità

Io sto bene… a Tricase

In corso le riprese del film di Donato Rotunno, con Renato Carpentieri e Sara Serraiocco

Pubblicato

il

In corso a Tricase le riprese del film“Io sto bene“ di Donato Rotunno, prodotto da Vivo Film e con il supporto di Apulia Film Commission.

La prima parte del film, con protagonisti Renato Carpentieri e Sara Serraiocco, è stata girata in Lussemburgo.

Il resto sarà interamente girato tra Santa Maria di Leuca e Tricase.

La trama: in lutto per sua moglie, Antonio è ossessionato dalle immagini della sua terra natale, l’Italia. Leo, in cerca di un futuro fuori dal suo paese, incrocia il suo cammino. Un gioco di specchi tra il vecchio e la giovane donna ci permette di viaggiare indietro nel tempo e immaginare un futuro più sereno per entrambi.

Le foto in alto e sotto sono state “rubate” sul set allestito all’interno del Bavaria Pub a Tricase.

Continua a Leggere

Attualità

L’Ospedale di Tricase in diretta mondiale

Tra le “dirette” al 30° Congresso di chirurgia dell’apparato dirigent,e anche gli interventi al colon retto e al pancreas del dottor Massimo Giuseppe Viola del “Card. Panico”.

Pubblicato

il

L’ospedale Card. Panico di Tricase protagonista al 30º congresso di Chirurgia dell’apparato digerente in corso oggi e domani a Roma.

La Chirurgia in diretta sarà, come di consuetudine, il fiore all’occhiello dell’evento: una vera e propria maratona di video chirurgia sviluppata in 2 giornate di dirette dalle sale operatorie dei 5 continenti.

Interventi di Chirurgia saranno trasmessi in diretta dalle Sale Operatorie d’Italia e del Mondo in contemporanea su multischermo.

Grazie alle più moderne ed efficienti tecnologie alcune trasmissioni video saranno effettuate con l’innovativa tecnica HD – High Definition.

Ci saranno collegamenti con le Sale Operatorie del mondo: Stati Uniti, Giappone, Francia, Inghilterra, Belgio, Olanda, Svezia, Spagna, Portogallo, Australia, Cina, Corea, Singapore, Sud Africa, Argentina, ecc. Previsti circa 100 collegamenti con i più affermati chirurghi.

Tra questi anche i collegamenti con la sala operatoria di Tricase da dove verranno trasmessi e saranno visibili in diretta sul web, quindi in tutto il mondo, gli interventi  al colon retto (oggi) e al pancreas (domani) dal dottor Massimo Viola dell’ospedale “Card. Panico” di Tricase con la sua équipe.

Continua a Leggere

Attualità

I Mari della Luna di Roberto Esposito

Questa traccia farà parte di una serie di 10 brani «dedicati ai vari Mari Lunari presenti sulla superficie del satellite», raccolti in un concept Album

Pubblicato

il

Un nuovo lavoro per il talentuoso pianista e compositore tricasino Roberto Esposito.

È lui stesso ad annunciarlo sui suoi profili social: «A 50 anni dal mitico allunaggio di Neil Armstrong e Buzz Aldrin, sono felice di pubblicare un video dedicato al Mare della tranquillità, ovvero il luogo esatto in cui l’essere umano mosse il primo leggendario passo».

Questa traccia farà parte di una serie di 10 brani «dedicati ai vari Mari Lunari presenti sulla superficie del satellite», raccolti in un concept Album intitolato appunto “I Mari Della Luna“: «Ciascuno di essi è caratterizzato da un nome antico ed evocativo, oltre ad avere una particolare forma che disegna la parte visibile (un volto di donna?) del corpo celeste più vicino al nostro pianeta».

In questa traccia, per la prima volta in un suo brano edito, Esposito utilizza strumenti diversi dal Pianoforte: «Cosa meglio di un Moog gentilmente offerto da Andrea Rossetti a cui sono grato, per descrivere l’allunaggio?».

Il disco integrale sarà pubblicato lunedì 2 dicembre per Indipendemo Records, «giovane etichetta indipendente nata da un’ idea di mio fratello Mauro Esposito. Potrete ascoltare», anticipa Esposito, «le meraviglie di Dario Congedo alla batteria e di Federico Pecoraro al basso elettrico, oltre ad un breve featuring gentilmente concesso da una grande artista che tanto stimo: Carolina Bubbico».

Per l’occasione Roberto Esposito ha anche annunciato il «tour di date in Trio (batteria e basso) a mio nome e con le mie musiche appena pubblicate. Sono eccitato e concentrato», racconta, «consapevole di voler fare una cosa bella con degli amici speciali!».

Roberto presenterà live in anteprima il suo disco lunedì 2 dicembre presso il Cinema Teatro Paradiso di Tricase e poi si esibirà ad Andria (7 dicembre) e Martina Franca (14 dicembre).

«Non è mai facile per un artista mettersi a nudo», conclude il compositore e pianista tricasino, «ma sono convinto di aver unito tante preziose forze che, tutte insieme, hanno collaborato ad un gran bel lavoro!».

Giuseppe Cerfeda

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus