Connect with us

Corsano

Corsano: i candidati saranno almeno tre

Gli schieramenti. Il centrodestra deve sciogliere il nodo Biagio Cazzato; “in alto mare” Il centrosinistra; la novità è “Corsano in movimento”, composto per lo più da attiviti 5 Stelle

Pubblicato

il

A Corsano la tornata elettorale promette grandi sorprese e la solita sentitissima battaglia all’ultimo voto. L’amministrazione uscente potrebbe anche ripresentare Biagio Cazzato che ha occupato la poltrona più importante del paese negli ultimi cinque anni. Il candidato della Lista Civica “Impegno e Libertà”, facilmente inquadrabile nell’area di centrodestra, nel giugno 2009 si aggiudicò le elezioni con 1.867 voti (47,7% delle preferenze). Il suo rivale più immediato, Biagio Raona, candidato sindaco della Lista Civica Raona Unione Democratica, raccolse 1.478 voti (37,7%). Più staccati gli altri due candidati: Fabrizio Licchetta (La Svolta Democratica) e Luigi Russo (Alternativa Proletaria). Alcuni dei protagonisti del 2009 potrebbero esserlo anche nella prossima primavera. Perché c’è la probabilità (remota) che non solo l’Amministrazione uscente riproponga Cazzato (quasi certo) ma anche che il centrosinistra candidi Biagio Raona o, a sorpresa, addirittura Fabrizio Licchetta. Opzioni comunque entrambe di difficile realizzazione.

Biagio Ciardo: “Centrodestra pronto per le elezioni”

Biagio CiardoProcediamo con ordine, partendo da chi ha governato negli ultimi cinque anni. Viste le perplessità di Biagio Cazzato ad affrontare un nuovo mandato, negli ultimi giorni è diventata assordante la voce che vorrebbe addirittura l’attuale Consigliere provinciale, Biagio Ciardo, candidato Sindaco. Abbiamo chiesto conferma proprio al diretto interessato: “Mi è stato rivolto quest’invito e ringrazio tutti per la stima nei miei confronti. Ma ritengo opportuno dare continuità all’esperienza amministrativa in corso e che Biagio Cazzato prosegua il buon lavoro iniziato. Credo che alla fine accetterà. Nel caso contrario, comunque, abbiamo già una valida alternativa: un professionista finora estraneo a campagne elettorali e ruoli politici. In un modo o nell’altro saremo pronti per la sfida di maggio”. Ciardo non si sbottona sul nome ma i tam tam di paese indicano come possibile “Mister X”, Gianfranco Riso,  ex Presidente della Pro Loco, tra l’altro, curiosità, nipote (acquisito) del sindaco uscente. La sensazione, però, è che, alla fine, il candidato sarà proprio Biagio Cazzato.

Biagio Raona: “I big del Pd facciano passo indietro”

Biagio RaonaNel centrosinistra è sempre forte il nome dell’ex sindaco Biagio Raona. Ma il problema più impellente, oggi, è quello di superare i contrasti interni ed evitare pericolose fratture. Ed è proprio Raona a rivelare che “al momento la mia candidatura è fuori questione, non ho alcuna intenzione di essere il candidato Sindaco. Oggi è necessario fare tutti un passo indietro e mi riferisco soprattutto ai cosiddetti “big” della politica locale. Ma il Pd sembra un partito… nato sordo e bisogna fare una fatica enorme per farsi capire! Ad oggi”, ammette Raona, “siamo in alto mare. Resto comunque fiducioso e penso che alla fine ci presenteremo alle elezioni uniti, ma stiamo comuqnue già perdendo tempo presioso”.

Corrado Russo: “Via chi ha generato il caos!”

Corrado RussoSi guarda con attenzione anche a cosa fanno i pentastellati, che hanno composto il gruppo “Corsano in Movimento” ed hanno appena inaugurato la nuova sede in via Principe di Piemonte (Piazza San Giuseppe). Il candidato sindaco dovrebbe essere Corrado Russo. Anche se lui stesso si trincera dietro il più classico “il gruppo deciderà insieme e lo comunicherà a tempo debito”. Riguardo a Corsano in Movimento, invece, Russo spiega che trattasi di un gruppo “composto in buona parte da attivisti del Movimento 5 Stelle, tutti provenienti dal mondo del volontariato. Non abbiamo alcuna militanza in partiti classici anche se abbiamo sempre pensato che il volontariato, quindi agire per il prossimo, sia già di per sé fare buona politica. Quello che, invece, non pensavamo, era di dover essere chiamati a rappresentare gran parte della cittadinanza, stufa di come sono andate le cose fino ad oggi. Chi abbiamo delegato fino ad oggi ci ha sempre deluso, così abbiamo deciso di impegnarci in prima persona. Partendo dalle idee e dalla voglia di fare: rifiuti zero, energia pulita, turismo di qualità, ecc.: tutti sforzi indirizzati alla creazione di potenziali opportunità di lavoro per i nostri giovani”. Accetterete eventuali proposte di alleanza? “Abbiamo avuto degli scambi di opinioni ma niente di più. Ribadisco e sottolineo: non faremo alcuna alleanza! Anche perché tra le regole che ci siamo date, c’è quella di escludere chiunque abbia già avuto un ruolo politico amministrativo nella gestione del paese. Riteniamo che chi ha generato l’attuale caos non possa esserne il vaccino o l’antidoto. Infine“, anticipa Russo, “abbiamo inviato tutto il necessario a Milano per poter utilizzare anche il simbolo del MoVimento 5 Stelle”.
Giuseppe Cerfeda

Attualità

Corsano: «Salvata la stagione balneare»

Il sindaco Raona: “Interrotto lo sversamento in mare e avviato il riuso in campo agricolo delle acque del depuratore consortile”

Pubblicato

il

La tutela delle marine e lo sviluppo del settore turistico è «uno degli obiettivi qualificanti che l’amministrazione comunale di Corsano si è prefissata di raggiungere».

Per questo motivo, nonostante la fisiologica stasi amministrativa dovuta al periodo elettorale ed al rinnovamento degli organi istituzionali, l’amministrazione Raona ha, sin da subito, «esaminato il dossier riguardante il riuso in agricoltura delle acque provenienti dal depuratore consortile e posto in essere ogni azione di propria competenza fino a giungere alla attivazione del processo di utilizzo a fini agricoli delle acque depurate».

«Dopo le ultime analisi positive, il cui esito attendevamo da giorni», ha dichiarato il sindaco Biagio Raona, «abbiamo potuto avviare il riuso in campo agricolo delle acque del depuratore consortile. All’indomani dell’insediamento, unitamente al consigliere delegato all’ambiente, Luigi Chiarello, abbiamo provveduto a raccordarci con l’ufficio tecnico comunale e con gli organi provinciali e regionali competenti, affinché si potesse dar luogo a tutte le azioni di verifica, controllo, analisi dei liquidi, collaudo degli impianti e disamina della struttura, necessari ad interrompere lo sversamento in mare ed utili alla canalizzazione delle acque depurate verso l’irrigazione delle campagne. L’iter procedimentale», aggiunge Raona, «è stato completato celermente ed oggi, al termine dei necessari controlli sulle acque, abbiamo potuto dare il via ufficialmente all’impianto di riuso».

Questo è un «primo segnale di efficienza ed efficacia dell’azione amministrativa che la neonata amministrazione ha rivolto verso la tutela dell’ambiente, la salvaguardia della stagione balneare e la valorizzazione turistica, affinchè i turisti e i residenti possano godere appieno della bellezza delle coste e della salubrità delle acque corsanesi».

A tale azione «se ne aggiungerà un’altra più incisiva. Il riuso in agricoltura delle acque provenienti da depuratore consortile è una opzione che venne attivata per la prima volta, circa 10 anni fa, proprio dall’allora amministrazione Raona e confermata poi nel corso del tempo. Con il nuovo corso amministrativo, il Comune di Corsano si impegna a creare le condizioni per poter far divenire tale obiettivo non una finestra-tampone per il solo periodo estivo, ma una scelta definitiva, per tutto l’anno, attraverso una interlocuzione fattiva con le autorità sovra comunali competenti  per porre in essere gli accorgimenti tecnici e reperire le risorse economiche necessari a centrare questo imprescindibile scopo».

 

Continua a Leggere

Corsano

Grave incidente a Tricase: conducente Fiesta torna libero

Non vi sono gravi indizi di colpevolezza ed a Biagio Casciaro, il 27enne di Corsano che era alla guida dell’auto, vengono revocati i domiciliari

Pubblicato

il

Il giudice ha ritenuto che non vi siano gravi indizi di colpevolezza e Biagio Casciaro, il 27enne di Corsano che era alla guida della Ford Fiesta, protagonista del grave incidente nella notte tra il 27 ed il 28 giugno a Tricase (CLICCA QUI), torna in libertà.

Casciaro era stato arrestato perché risultato positivo positivo ad alcol e droga, dopo il grave incidente stradale che poteva costare la vita a due persone.

L’interrogatorio di garanzia si è tenuto nell’Ospedale di Scorrano, dove Casciaro è ricoverato dopo l’incidente, a causa delle ferite riportate nell’ìmpatto contro il muretto all’incrocio tra via Nardofaso e via Marina Porto.

Casciaro ha risposto a tutte le domande del G.I.P., e chiarito la dinamica dell’incidente, negando di essersi posto alla guida del mezzo sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

Per quanto riguarda il tasso alcoolemico (0,9), il 27enne ha precisato di aver bevuto “solo” due birre durante la cena, ma che al momento dei fatti era assolutamente lucido.

Le accuse a cui Casciaro dovrà rispondere sono lesioni stradali gravissime pluriaggravate. Dalla notte dell’incidente  , vale la pena ricordarlo, A.S., 27 anni di Corsano e la 17enne figlia della sua compagna, sono ricoverati in prognosi riservata all’ospedale “Panico” di Tricase.

Continua a Leggere

Corsano

Chiusa centrale dello spaccio a Corsano

Eroina, cocaina, marijuana, armi improprie e persino furto di energia elettrica: tre arresti

Pubblicato

il

A Corsano i militari del N.O.R.M.- Aliquota Operativa della Compagnia Carabinieri di Tricase, supportati da militari del Nucleo Cinofili di Modugno e militari locale Stazione Carabinieri, nell’ambito servizio preordinato d’iniziativa finalizzato alla repressione dei reati in materia stupefacenti, hanno proceduto all’arresto in flagranza per detenzione in concorso ai fini di spaccio di sostanza stupefacente:  Leonardo Bortune, 52 anni; Michele Ferraro, 39 anni; Antonio Orlando, 28 anni.

I carabinieri hanno cinturato la zona e, prima di fare irruzione, hanno fermato nel cortile di pertinenza Orlando mentre tentava di darsi alla fuga dal retro dell’abitazione con indosso uno zainetto contenente droga e contanti.

A seguito della perquisizione personale e domiciliare sono stati rinvenuti complessivamente, anche grazie all’intervento del pastore tedesco antidroga Fighter: gr. 24,1 di cocaina in un sacchetto cellophane trasparente; gr. 67 di eroina in due sassi; gr. 19,4di marijuana in busta trasparente; gr. 8,1di sostanza da taglio del tipo mannite; 13 piante di 50 cm di altezza di marijuana di varie dimensioni; un bilancino di precisione; 1.158 euro in monete e banconote di piccolo e medio taglio, ritenuta provento dell’attività di spaccio; una balestra regolarmente funzionante, non denunciata; un machete  marca “Falci” di cm.50 con scritta a pennarello nero “acab” sulla lama; tre pugnali  di cm. 30, non denunciati; un pugnale ed una spada di cm. 56 non denunciati; una riproduzione scacciacani in plastica e metallo sprovvista di tappo rosso di arma automatica “Ingram M11” cal. 9; un caricatore vuoto per pistola scacciacani (non rinvenuta); vari appunti cartacei manoscritti contenenti informazioni di interesse investigativo relative all’attività di spaccio; cinque smartphone in uso agli arrestati, con relative sim; tutto quanto sottoposto a sequestro.

Bortune, è stato anche denunciato per detenzione abusiva di armi bianche e furto aggravato di energia elettrica: nel sopralluogo dei locali, i carabinieri hanno scoperto dei cablaggi allacciati abusivamente a terminale del distributore di energia elettrica.

La quantificazione del danno da furto di energia elettrica è in corso. Gli arrestati, al termine delle formalità di rito sono stati associati presso la Casa Circondariale di Borgo San Nicola a Lecce a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus