La bicipolitana delle Terre di Mezzo si tinge di giallo

L’evento si è tenuto a Bologna nella sala Cappella Farnese di Palazzo D’Accursio alla presenza del presidente di turno dell’Unione e sindaco di Nociglia Massimo Martella e i sindaci di tutte le municipalità coinvolte nel progetto. Presente anche il Mobility Manager Antonio Galati, nonché responsabile dell’ufficio tecnico del comune di Surano.

A partecipare attivamente al progetto tutte le amministrazioni facenti parte dell’Unione che sono: Surano, Nociglia, San Cassiano, Botrugno, SanaricaGiuggianello e Supersano. È’ uno dei riconoscimenti più importanti per i Comuni che puntano alla mobilità sostenibile, il tutto è arrivato dopo aver attestato il grado di ciclabilità dei comuni, ossia l’insieme di infrastrutture e azioni che li rendono adatti ad essere vissuti e visitati in bicicletta, sia dai cittadini che dai turisti.

La ciclovia ha lunghezza complessiva di oltre  20 Km che attraversando tutti i centri abitato dell’intero territorio dell’Unione dei Comuni Terre di Mezzo. È stata creata una sorta di bicipolitana, integrata con la rete delle infrastrutture esistenti con l’intento di collegare tutti i centri storici oggetto di recente recupero e riqualificazione che caratterizzano l’intero area dell’unione. In particolare la ciclovia ha il suo caposaldo all’ingresso del Parco dei Paduli, in corrispondenza della SS 275 Km 11+700 (Km zero).

Abbandonando la SS 275 si percorre nel tempo di 10/15 minuti  alla velocità di 05/10 km/orari, il centro abitato Surano, ad analoga velocità in 10 minuti si arriva nel centro abitato di Nociglia, in ulteriore 20 minuti si giunge nel centro abitato di San Cassiano e dopo 5 minuti si arriva nel centro abitato di Botrugno. A seguire in 15 minuti si arriva nel centro abitato di Sanarica ed in ulteriore 20 minuti di percorrenza di giunge a Giuggianello, caposaldo nord/est della ciclovia dopo aver percorso oltre 20 km, in assoluta sicurezza e tranquillità, gustando i tipici paesaggi salentini caratterizzati da susseguirsi di ulivi millenari, interminabili muretti a secco, caratteristici centri storici con presenza di chiese matrici e/o rupestri.

Un ringraziamento speciale”, commenta il sindaco di Nociglia Massimo Martella, “a chi ha sempre creduto in noi, perché solo grazie alla vostra fiducia siamo riusciti ad ottenere questo importante traguardo. Ci siamo imbarcati in questo nuovo viaggio armati dalla sola certezza di metterci al servizio della nostra comunità. Non avevamo progetti o ambizioni particolari, sapevamo solo che bisognava partire e questo è bastato per non fermarci davanti ai tanti problemi e impedimenti che si sono presentati sul nostro cammino. Seppur stanchi e provati”, conclude Martella, “siamo felici di essere arrivati fino a qui”.

Da qualche giorno il nuovo percorso compare nella guida Comuni Ciclabili  FIAB 2018.

Tags:


Commenti

commenti