Connect with us

Attualità

Carabinieri: cambio della guardia

Il Colonnello Paolo Dembech al comando dei carabinieri leccesi. Hanno preso servizio nel Salento: il Magg. Francesco Mandia (Nucleo Investigativo); il Cap. Massimiliano Cosentini (Compagnia Casarano) e il Ten. Umberto Cerracchio (Norm Lecce)

Pubblicato

il

Trevigiano, 46enne,  trevigiano, Paolo Dembech è il nuovo Comandante provinciale dei Carabinieri.

Ha frequentato i corsi normali dell’Accademia Militare di Modena e, successivamente, presso la Scuola Ufficiali Carabinieri, dal 1993 al 1998, al termine dei quali è stato destinato alla Scuola Allievi Carabinieri di Campobasso quale Comandante di Plotone, dove è rimasto fino all’autunno del 2000.

Col. Paolo Dembech

Per circa 6 anni ha prestato servizio in Campania, dove ha ricoperto gli incarichi di Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Avellino, Comandante della Compagnia di Mirabella Eclano (AV) e infine è rientrato nel capoluogo irpino alla guida della locale Compagnia.

Gli anni dal 2005 al 2007, lo hanno impegnato in Sicilia, a Messina, presso il Comando Interregionale Carabinieri “Qualcualber”, con competenza sulla Calabria e sulla Sicilia, in seno al quale ha assolto il duplice incarico di Addetto all’Ufficio Ordinamento e Operazioni e Aiutante di Campo del Comandante Interregionale.

Trasferito, nell’ottobre 2007, all’Ufficio Addestramento e Regolamenti del Comando Generale, vi ha prestato servizio per tre anni, al termine dei quali, nel 2010, ha fatto ritorno alla linea territoriale dell’Arma per assumere il comando della Compagnia Carabinieri di Bracciano, incarico retto per un quadriennio. Successivamente, al termine del Corso Superiore di Stato Maggiore Interforze, frequentato nel 2015, è stato richiamato al Comando Generale dell’Arma, quale Capo Sezione dell’Ufficio Ordinamento. Infine dal 2016 al 2019 ha ricoperto l’incarico di Capo della Sezione “Impiego delle forze e legislazione penale” dell’Ufficio Legislativo del Ministro della Difesa.

Laureato in Giurisprudenza, Scienze della Sicurezza e Scienze Politiche, è abilitato all’esercizio della professione di avvocato e decorato di Medaglia d’Argento al Valor Civile.

Per lui quello a Lecce è un ritorno: vi ha svolto, nel 1996, con il grado di sottotenente, nel periodo in cui era ancora accademista, il mese di tirocinio operativo.

«Mi hanno chiesto di scegliere tra il Comando Provinciale di Lecce o quello di un’altra importantissima sede, di cui non farò mai il nome», ha dichiarato nel corso della conferenza stampa di stamani il Col. Dembech, «non ho avuto esitazioni , ricordando il bellissimo e breve periodo trascorso qui per svolgere il mese di tirocinio operativo nel 1996. Ho avuto modo di appurare che in questa città si percepisce la vicinanza della comunità all’Arma e questo ha condizionato positivamente la mia scelta».

Poi ha spiegato quelli che saranno i concetti che delineeranno il suo operato: “A mio avviso il concetto di prevenzione, rispetto a quello di repressione, deve essere incrementato mediante un aumento dei servizi sul territorio, unitamente a uno sviluppo dell’attività informativa, in modo che determinate attività criminose siano contenute e circoscritte ancor prima che evolvano in reato».

Per il Col. Dembech «il Salento è una terra che presenta bellezze indiscutibili, che devono rimanere tali. La criminalità si è evoluta ma anche il nostro Corpo ha subito un rinnovamento per quel che riguarda le tecnologie e le modalità di intervento su determinate forme di illegalità. Ci siano gli strumenti giusti per proseguire l’ottimo lavoro del mio predecessore”.

Per quel che riguarda un eventuale ampliamento dell’organico, «ancora non lo ho valutato, ma ritengo che il Comando abbia le potenzialità per poter contrastare, come ha fatto fino a ora, le varie esigenze».

Nel corso della conferenza stampa presentati anche i nuovi ufficiali che hanno preso servizio nel Salento: il Maggiore Francesco Mandia è il nuovo comandante del Nucleo Investigativo; il Capitano Massimiliano Cosentini è al Comando della Compagnia di Casarano e il Tenente Umberto Cerracchio a capo del Norm di Lecce.

Alessano

SS 275: la Regione approva il tracciato del secondo lotto

Definitivo: 2° lotto a due corsie che si potrà anche imboccare proseguendo dritti una volta arrivati a Surano (fino alla mega rotatoria tra Lucugnano, Miggiano e Specchia per poi reindirizzarsi verso Leuca

Pubblicato

il

La Giunta regionale ha condiviso, ai fini della localizzazione dell’opera, la soluzione “3”, ovvero l’adeguamento della sede attuale della S.S. 275 in variante alla frazione di Lucugnano, rappresentando  la posizione prevalentemente  espressa dalle amministrazioni territoriali interessate.

In pratica come già anticipato dalle nostre colonne già cinque mesi fa (clicca qui) il primo lotto resterà come prima e dalla zona compresa tra DFV e Mercatone Uno di Surano si arriverà fino alla prima rotatoria della tangenziale di Tricase provenendo da nord. Chi è diretto nel Capo di Leuca potrà procedere sulla “Cosimina” utilizzando la vecchia rete viaria oppure dalla Zona Industriale di Tricase potrà collegarsi alla strada del secondo lotto. Secondo lotto a due corsie che si potrà anche imboccare proseguendo dritti una volta arrivati a Surano (con ogni probabilità si studierà il modo per evitare di passare dall’abitato di Montesano) fino alla mega rotatoria tra Lucugnano, Miggiano e Specchia per poi reindirizzarsi verso de fininbus terrae seguendo quello che era il vecchio progetto dell’Anas. In questo modo l’arteria, disegnata tra Lucugnano e Specchia, come una sorta di tangenziale si lascerebbe a sinistra la frazione di Tricase per poi ricongiungersi a quello che era il percorso originario nei pressi di Alessano (nei pressi del Ristorante da Enzo).

Il territorio di Tricase, quindi, non sarà tagliato in due come prevedeva il primo progetto.

Progetto che aveva anche innescato l’ipotesi-provocazione lanciata dal sindaco di Tricase Carlo Chiuri di passare dalla Cosimina con un avveniristico (e costosissimo oltre che di enorme impatto ambientale) ponte alle porte di Tiggiano.

La Giunta ha inoltre dato  mandato al dirigente della Sezione Infrastrutture per la Mobilità perché avvii le necessarie interlocuzioni con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti perché tale infrastruttura venga inserita nel prossimo contratto di programma MIT-ANAS al fine dello stanziamento delle necessarie risorse finanziarie.

«La SS 275 Maglie-Leuca verrà completata», ha annunciato l’assessore regionale alle infrastrutture Giovanni Giannini, «la Giunta ha individuato la localizzazione del tratto relativo al secondo lotto (zona industriale Tricase-Montesano Salentino fino a Santa Maria di Leuca). La soluzione, su proposta di Anas, prevede l’adeguamento della sede attuale della SS 275 in variante alla frazione di Lucugnano».

La Regione è intervenuta a seguito della riunione tenutasi il giorno 30 luglio 2019 a Roma presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, tra i rappresentanti di Regione Puglia, Anas, MIT, MIBAC e MATTM. Nel corso dell’incontro, con riferimento al 2° lotto, era stato chiesto alla Regione di esprimersi, sulla localizzazione dell’opera, anche qualora non si fosse giunti ad una condivisione con tutti i Comuni nel cui territorio la stessa andrà realizzata. A seguito di un nuovo incontro tenutosi in Regione il 20 settembre scorso con le amministrazioni territoriali interessate, la posizione prevalente emersa ha individuato il suddetto tracciato proposto da Anas.

La pronuncia della Regione Puglia era condizione necessaria per potere avviare le interlocuzioni con il MIT, al fine dell’iscrizione dell’intervento nel prossimo atto programmatorio MIT-ANAS, con conseguente individuazione delle risorse finanziarie da destinare all’ulteriore sviluppo della progettazione e alla realizzazione dell’opera.
«Allo stato», ha concluso l’assessore Giannini, «Anas potrà intraprendere l’iter della progettazione, prestando particolare attenzione alla salvaguardia e alla tutela delle risorse naturali e ambientali, contenendo l’impatto dell’opera strategica da realizzare».

Continua a Leggere

Attualità

Tricase: lavori in strada

Cantiere aperto e lavori in corso questa volta in Via Duca D’Aosta ed in via San Leonardo a Tutino per il rifacimento del manto stradale

Pubblicato

il

Tratti di strada rimessi a nuovo, segnali di speranza, per un paese che a volte dà l’impressione di fare acqua da tutte le parte e non sono per le strade bucherellate.

Cantiere aperto e lavori in corso questa volta in Via Duca D’Aosta ed in via San Leonardo a Tutino per il rifacimento del manto stradale.

In attesa di sapere qualcosa in più sulla sorte dell’amministrazione a Tricase dove il sindaco, lo ricordiamo, è dimissionario (clicca qui), la città vede nuovi cantieri in strada.

Subito dopo toccherà alle vie San Gaetano e dei Fiori (ancora a Tutino) e Sant’Agostino (nel rione di Sant’Eufemia) e poi i pressi di piazza Santa Lucia sarà rifatto il manto stradale di via Bottazzi.

A seguire le altre, in una logica che segue il criterio dell’importanza delle strade in riferimento alla densità di traffico e dell’attraversamento obbligatorio soprattutto per i mezzi di soccorso.

Continua a Leggere

Attualità

Galatina: arriva lo Scuolabus targato RAI

Oggi la consegna del premio per la vittoria della trasmissione televisiva Mezzogiorno in Famiglia.

Pubblicato

il

Quest’oggi verrà consegnato all’amministrazione comunale e quindi alla Città di Galatina lo scuolabus, premio per la vittoria della trasmissione televisiva Mezzogiorno in Famiglia.

La consegna avverrà, per conto della RAI ufficio gestione e pianificazione operativa, dal concessionario GRN Auto S.p.a. di Pagani (SA) incaricato dell’allestimento.

L’automezzo dovrà essere quindi immatricolato e dotato, ovviamente, di polizza assicurativa.

«Successivamente», anticipa l’assessore Nico Mauro, «si avrà una manifestazione pubblica che vedrà protagonisti le ragazze ed i ragazzi artefici della vittoria. La nostra amministrazione», prosegue l’amministratore, «ci tiene molto alla presenza dei nostri campioni e sta valutando le singole disponibilità, essendo molti di loro impegnati con gli studi universitari e quindi non immediatamente disponibili. In ogni caso sarà data opportuna comunicazione affinché la cittadinanza possa essere parte attiva dell’evento».

Lo scuolabus è dotato di 25 posti a sedere, di cui due per accompagnatori ed un posto guida.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus