Prefettura: festa della Repubblica, festa dei cittadini

Il 2 giugno – 72° Anniversario della Festa della Repubblica, dopo la cerimonia solenne presso Piazza d’Italia con gli onori ai Caduti e la deposizione della corona, la celebrazione è proseguita nel Teatro Apollo alla presenza dei cittadini, dei rappresentanti delle Istituzioni e dei Comuni, di numerosi studenti che hanno contribuito attivamente all’intera programmazione.

Infatti, già durante la Cerimonia dell’Alzabandiera e della deposizione di Corona l’Orchestra di Fiati del Conservatorio musicale “Tito Schipa” di Lecce, diretta dal maestro Francesco Mùolo, ha eseguito l’Inno Nazionale, la Parata degli Eroi e la canzone del Piave. Al termine gli ospiti, le Autorità civili e militari presenti, i Sindaci con i Gonfaloni, hanno raggiunto il teatro Apollo accompagnando gli studenti e le Associazioni Combattentistiche e d’Arma nel “Corteo del Tricolore” che ha preso avvio dalla vicina Porta San Biagio. Il corteo aperto dai ragazzi dell’Istituto Coreutico musicale “Giannelli” di Parabita e seguiti dagli studenti dell’Istituto Galilei Costa ha attraversato il centro storico coinvolgendo nell’allegria dell’evento tutti i cittadini.

Dopo la lettura del messaggio del Presidente della Repubblica, il Prefetto ha ricordato il 70° della Costituzione con le parole di Calamandrei “dietro ogni articolo di questa Costituzione dovete vedere, giovani come voi, caduti combattendo oppure torturati nei campi di concentramento”. Ha poi aggiunto un altro elemento essenziale per l’accrescimento della fiducia, vale a dire la capacità di ascolto e di dialogo e l’impegno comune per la soluzione delle delicate questioni occupazionali, per la quale dobbiamo creare condizioni propizie attraverso la lotta alla criminalità e alle prassi illegali.

Ha poi ringraziato gli studenti che hanno partecipato alla manifestazione con il loro lavoro ed i percorsi di legalità promossi dai docenti e Dirigenti scolastici. “La scuola è un luogo privilegiato per l’acquisizione della conoscenza e soprattutto per la crescita sana dei giovani”, offrendo costanti stimoli per il rafforzamento dei valori fondanti la nostra democrazia e le libertà di ciascuno. Le alunne Aminata Bathily e Anna Giulia Parlangeli dell’Istituto Comprensivo “Alighieri – Diaz” di Lecce classe IID hanno presentato il video “La Costituzione in radio” che ha vinto il concorso Nazionale “Parlawiki – Costruisci il Vocabolario della Democrazia”, promosso dal MIUR in collaborazione con la Camera dei Deputati. La scelta di un continuo dialogo con le realtà scolastiche e, attraverso i docenti, la scelta di coinvolgere gli studenti sui temi della democrazia e del rispetto dei diritti fondamentali del vivere civile, non potevano che avvicinare la manifestazione anche al “tema forte” della tutela di chi è più vulnerabile e quindi delle – spesso invisibili – vittime del bullismo.

I giovani studenti Mirko Cazzato e Francesca Laudisa della classe 3ª A dell’Istituto Galilei Costa che ha avviato da qualche anno il movimento “MABASTA” contro il bullismo, hanno illustrato le strategie di lotta al bullismo e gli sviluppi del progetto, noto anche in ambito internazionale.

Sul tema della responsabilità della scelta democratica, è intervenuto lo studente Nicolò Pica del 5° anno sezione C del Liceo Scientifico “Banzi Bazòli” di Lecce, il quale si è chiesto con quale sentire i nostri predecessori hanno vissuto la scelta tra Monarchia e Repubblica e ha concluso rivolgendosi ai coetanei e all’intera platea, con parole che ricordando i padri costituenti ed i tanti grandi della Democrazia, hanno emozionato i presenti “…abbiamo il dovere etico di essere forti e degni di quegli ideali… non ci possiamo permettere di essere indifferenti perché gli occhi del passato, ma soprattutto del futuro, sono puntati su di noi”. Nel corso della celebrazione sono state consegnate le Onorificenze al Merito della Repubblica conferite a 20 cittadini salentini che con il loro operato hanno dato lustro al nostro Paese e le Medaglie d’onore conferite, quale segno di gratitudine, a 11 cittadini italiani, militari e civili, deportati ed internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra. Tra questi ultimi il signor Giovanni Gargiulo di 104 anni, prigioniero e internato, avendo scelto la prigionia anziché giurare per la Repubblica sociale, e il signor Rocco Surano di 95 anni, deportato in Germania da Fiume, costretto ai lavori forzati fino al maggio ’45.

Il manifesto della giornata è stato realizzato dal Liceo Artistico “Ciardo – Pellegrino” di Lecce.

Tags:


Commenti

commenti