Connect with us

Attualità

Unisalento: Sociologia cambia volto

Corsi di laurea in Sociologia: nuovo ordinamento didattico per un più semplice accesso ai concorsi per l’insegnamento e maggiori opportunità di inserimento nel mondo del lavoro

Pubblicato

il

Offerta didattica rinnovata per i corsi di laurea di area sociologica dell’Università del Salento: dall’anno accademico 2019/2020 più semplice l’accesso ai concorsi per l’insegnamento grazie al nuovo curriculum “Didattica delle Scienze Umane”, più semplice inserimento nel mondo del lavoro con i migliorati curriculum  “Sviluppo territoriale” e “Crimine e devianza”.

«Una vera e propria riforma dell’ordinamento didattico, approvata dal Consiglio Universitario Nazionale», spiega il professor Fabio de Nardis, presidente dei corsi di laurea di area sociologica, «che deve moltissimo al contributo degli studenti e dei loro rappresentanti: sono loro che negli anni ci hanno affiancato con critiche costruttive e consigli. Una dinamica virtuosa che conferma l’attitudine democratica dei nostri corsi di laurea in cui docenti, studenti e amministrativi lavorano insieme per migliorare e migliorarsi giorno dopo giorno».

 “Didattica delle Scienze Umane”

«I corsi di laurea in Sociologia erogati dall’Università del Salento sono i primi e gli unici in Italia a garantire la possibilità di accedere alle classi di concorso per l’insegnamento nelle scuole superiori con la semplice laurea magistrale, senza dunque dover recuperare “a pagamento” decine di crediti mancanti», spiega de Nardis, «con il nuovo profilo magistrale “Didattica delle Scienze Umane” abbiamo voluto rispondere alle esigenze di decine di studentesse e studenti che fino a oggi si sono visti negare la possibilità di ambire all’insegnamento scolastico con una laurea in Sociologia. A Lecce, e solo a Lecce, da oggi sarà possibile».

Il corso di laurea triennale – profilo “didattico”, integrato con quello in “Didattica delle scienze umane” della laurea magistrale, ottempera alle prescrizioni del DM 616 del 10 agosto 2017, garantendo l’acquisizione dei 24 CFU nei quattro ambiti (pedagogico, psicologico, antropologico e didattico) previsti dal percorso PF24 richiesti per la partecipazione al “Concorso Nazionale FIT”, percorso triennale di Formazione Ingresso Tirocinio (previsto dalla Legge 107/2015, c. 181, lett. b e dal D.L. 59/2017, art. 5, c.1, lettere a e b), che consente l’accesso ai ruoli di docente nella scuola secondaria di primo e secondo grado. Inoltre, in connessione con la laurea magistrale in “Sociologia e Ricerca Sociale”, lo stesso profilo è pensato per garantire agli studenti gli almeno 96 crediti nei settori disciplinari di area filosofica, storica, pedagogica e sociologica, necessari all’accesso a due classi di concorso per l’insegnamento nelle scuole superiori: la classe A-18 (Filosofia e scienze umane) e la classe A-65 (Teoria e tecnica della comunicazione).

“Sviluppo territoriale” e “Crimine e devianza”

Modificati in modo radicale anche i curriculum affini “Professionale” (corso triennale) e “Sviluppo territoriale” (corso magistrale), e quelli in “Crimine e devianza” (triennale e magistrale): i due percorsi saranno dal prossimo anno accademico nettamente caratterizzati e vedranno l’introduzione di laboratori obbligatori per l’integrazione di teoria e pratica della ricerca sociale.

Il curriculum “Professionale” (triennale) e poi quello in “Sviluppo territoriale” (magistrale) offrono un profilo formativo sulla metodologia della ricerca, sull’analisi delle organizzazioni complesse, ma anche sulla progettazione, promozione e marketing del territorio. Il profilo “Crimine e devianza” punta invece a offrire competenze specifiche sull’analisi dei fenomeni di devianza e criminalità in prospettiva sociologica, ma anche psicologica, giuridica, medica – con l’introduzione nel corso magistrale degli insegnamenti di Medicina legale e Criminologia clinica e di insegnamenti sulle tecniche investigative e il contrasto al crimine organizzato. Insegnamenti di storia sociale del crimine e storia ed economia del crimine organizzato offriranno inoltre conoscenze e competenze per lavorare come esperti e consulenti nelle aree di disagio sociale e marginalità, ma anche come esperti dei fenomeni devianti con un focus specifico sulla comprensione e il contrasto dei fenomeni mafiosi.

Attualità

Addio al Guendalina: “Esperienza al capolinea”

Discoteca pronta a chiudere. Il direttore artistico: “Ci hanno lasciati soli, meglio Riccione o una capitale europea”

Pubblicato

il

guendalina

Dopo una estate travagliata, la dichiarazione che lascia di sasso tanti appassionati frequentatori: il Guendalina fa le valigie.

La discoteca di Santa Cesarea potrebbe chiudere definitivamente. Lo si apprende dalle dichiarazioni di Vincenzo De Robertis, riportare da Il Messaggero. De Robertis, direttore artistico del locale da 15 anni, avrebbe affermato: “Abbiamo sognato di trasformare il Salento in Ibiza o Mykonos ma il nostro sogno si è infranto: ci hanno lasciati soli. Meglio Riccione o una capitale europea. Abbiamo fatto il possibile per mantenere il Guendalina qui dove è nato ma penso che l’esperienza sia giunta al capolinea”.

Chiaro tra le righe il riferimento a quanto accaduto dopo le varie vicende di cronaca registrate nel locale negli ultimi anni. L’ultima, quella che avrebbe fatto traboccare il vaso, quella del 28 luglio scorso. Dopo una rissa all’interno della discoteca, il questore aveva deciso di imporne la chiusura per due settimane.

Continua a Leggere

Attualità

“Visto lo schifo che causano” locale chiude bagno donne: è polemica

La foto di una cliente ritrae il messaggio sulla porta del wc di un locale: accuse di sessismo sui social

Pubblicato

il

Impazza su Facebook la polemica attorno al post di una studentessa che ha ritratto, in una foto, un cartello apposto sulla porta di un locale.

Sul biglietto si legge che “visto lo schifo che le donne causano tra assorbenti, tampax e salviettine che bloccano l’impianto fognario (…) il bagno delle donne resterà chiuso fino a data da destinarsi”.

Un messaggio inequivocabile che ha fatto esplodere la rabbia di molti, ad appena poche ore dall’ultima polemica, montata ieri attorno al costo di un pasto a base di frise in un lido nostrano. Il titolare del locale, accusato di offese sessiste, ha prontamente risposto sui social postando gli scatti del wc lasciato in pessime condizioni dai clienti.
A margine del messaggio apposto sulla porta del bagno, una battuta: “È ferragosto anche per il nostro idraulico”.

Continua a Leggere

Attualità

Soleto: piano traffico per la Notte della Taranta

Indicazioni e restrizioni della polizia locale per la serata di oggi

Pubblicato

il

La Notte della Taranta fa, oggi, tappa a Soleto.

Ecco il piano traffico della Polizia Locale riportato dalla pagina della locale Protezione Civile:

Dalle ore 14:00 di lunedi 19 c.m. alle ore 02:00 di martedi 20 c.m. è sospesa la circolazione ed è vietata la sosta di tutti i veicoli sulle strade indicate come da Ordinanza n. 72 del 15.08.2019.

Istituzione temporanea d’area di sosta riservata ai titolari di contrassegno per diversamente abili su Via Madonna del Carmine, lato destro , tratto compreso tra Via D’Andrea e Via G. Galilei;

In occasione della suddetta manifestazione sulla zona artigianale e precisamente Via Delle Tabacchine, Via delle Ricamatrici, Via dei Cavamonte, Via degli Stagnini e Via degli Artigiani sarà istituita l’area parcheggio;

Attivato C.O.C. Centro Operativo Comunale di Protezione Civile per la gestione dell’evento presso Unità di Comando Locale – Sala Operativa nei pressi dell’ex Scuola Elementare di Largo Osanna.
(Ordinanza n. 73 del 17.08.2019)

Sulle seguenti vie verranno istituiti sbarramenti con sistemi antisfondamento tipo New Jersey :
– Via R. Orsini/Largo Osanna da entrambi i lati;
– Via Madonna del Carmine/Via G.Galilei;
– Via Martano/Via Manzoni;

Numeri utili :
Polizia Locale Tel. 345 8033814
Protezione Civile Tel. 347 6496511 – 328 6964317

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus