Connect with us

Attualità

Università del Salento: studenti part-time anche se non matricole? Ora si può

Il Senato Accademico dell’Università del Salento estende la possibilità di iscriversi come studente part-time anche agli universitari di anni successivi al primo. Ancora negata però questa possibilità ai fuori corso

Pubblicato

il

Nello scorso mese di luglio, su spinta dell’Associazione Link Lecce, era stata istituita, dal Senato Accademico dell’Università del Salento, una commissione per discutere le proposte migliorative della figura dello studente part-time. A distanza di 9 mesi, il lavoro di tale commissione si è concluso con esito parzialmente positivo rispetto a quanto chiesto dall’associazione che si batte per la tutela dei diritti degli studenti universitari.

Il problema sollevato, a suo tempo, dalla Link Lecce riguardava il fatto che, fino ad oggi, la possibilità di iscriversi all’università in qualità di studente part-time era prevista solo per le cosiddette matricole, quindi non per gli studenti iscritti ad anni successivi al primo.

Per chiarire la questione, è il caso di ricordare cosa significhi essere studente part-time. Lo studente a tempo parziale è una figura legislativa per la quale è prevista una durata amministrativa del corso di studi doppia rispetto a quella di uno studente a tempo pieno (le triennali non in 3 ma in 6 anni, le magistrali non in 2 ma in 4 anni circa). La durata legale del corso di studi invece rimane invariata, ovvero lo studente anche se si laurea in 6 anni, non risulterà fuori corso, ma sempre in corso (ovviamente dopo il sesto anno anche lo studente part-time risulta fuori corso).

Ogni anno lo studente part-time può conseguire tra i 25 o i 36 crediti formativi, a seconda della facoltà, e se nel corso dell’anno supera il tetto di CFU concordati passerà automaticamente ad essere considerato uno studente full-time.

Tale figura è stata prevista nell’Università del Salento dal 2011 per permettere agli studenti che non possono dedicare tutto il tempo allo studio, perché ad esempio lavoratori, di non uscire fuori corso, evitando così di pagare i contributi aggiuntivi previsti dal sistema di tassazione.

Il problema sorgeva nel momento in cui uno studente decideva di avvalersi di questa possibilità in un anno accademico diverso dal primo. Questione risolta visto che il Senato Accademico, nella commissione suddetta, ha esteso questa possibilità agli studenti degli anni successivi. Ma un neo resta: questa scelta è ancora interdetta agli studenti fuori corso. Link Lecce, parzialmente soddisfatta per il risultato ottenuto, non si dichiara sorpresa del blocco posto agli studenti in ritardo “nei confronti dei quali”, sostiene l’associazione, “ormai da anni si sta consumando un vero e proprio accanimento, costringendoli a pagare tasse più salate, perché avvertiti come un peso per l’Università nella distribuzione del Fondo per il finanziamento ordinario”. “Non si tiene conto” continuano dall’Associazione Link, “di come spesso a portare fuori corso lo studente siano proprio problemi strutturali degli ordinamenti, come difetti organici della stessa didattica o particolari condizioni economiche che portano gli studenti a lavorare per pagarsi gli studi”.

Non avendo ottenuto pienamente il risultato sperato, l’associazione studentesca continuerà a lavorare per far sì che il Senato Accademico estenda a tutti la possibilità di diventare studente part time sin dal prossimo 12 maggio, data in cui si discuterà e approverà il nuovo regolamento.

Nel frattempo, coloro che sono ancora “in regola” col calendario accademico ma necessitano di tempi allargati perchè lavoratori o per altri motivi, possono accogliere di buon grado la notizia e proseguire gli studi con maggior tranquillità, sentendosi, almeno loro, tutelati.

 

Lorenzo Zito

Attualità

Tricase: “La maggioranza non esiste più”

“Se la minoranza si fosse allontanata il Consiglio sarebbe saltato ed addio a rotatoria…”

Pubblicato

il

“La maggioranza non ha i numeri per deliberare”, attacca Nunzio Dell’Abate, consigliere di minoranza al Comune di Tricase, “in pratica non esiste più. Nel lungo Consiglio di ieri sera ha dato prova concreta che non è più in grado di governare Tricase, pur con tutta la stampella pentastellata.

All’ordine del giorno c’erano delibere di vitale importanza per la comunità che andavano approvate entro il termine perentorio del 30 novembre: la variazione dell’elenco annuale dei lavori pubblici e di bilancio per consentire la realizzazione di opere come la rotatoria all’ingresso di Lucugnano o l’asfalto di diverse strade; il riconoscimento di debiti fuori bilancio la cui mancata approvazione avrebbe esposto le casse comunali ad ulteriori esborsi; la richiesta alla Regione dei contributi in materia di diritto allo studio.

Se la minoranza si fosse allontanata”, rincara la dose dell’Abate, “il Consiglio sarebbe saltato ed addio a rotatoria, asfalto, pagamento di debiti e contributi regionali. Eppure la contrapposizione dei ruoli (chi governa deve essere autosufficiente) avrebbe più che giustificato l’abbandono della seduta. Invece no, siamo tutti rimasti dentro.

Se tutto questo da una parte esalta il senso civico dei consiglieri di minoranza che vanno ringraziati uno ad uno” chiude il consigliere, “dall’altra certifica inesorabilmente il fallimento di questa amministrazione”.

Continua a Leggere

Attualità

Io sto bene… a Tricase

In corso le riprese del film di Donato Rotunno, con Renato Carpentieri e Sara Serraiocco

Pubblicato

il

In corso a Tricase le riprese del film“Io sto bene“ di Donato Rotunno, prodotto da Vivo Film e con il supporto di Apulia Film Commission.

La prima parte del film, con protagonisti Renato Carpentieri e Sara Serraiocco, è stata girata in Lussemburgo.

Il resto sarà interamente girato tra Santa Maria di Leuca e Tricase.

La trama: in lutto per sua moglie, Antonio è ossessionato dalle immagini della sua terra natale, l’Italia. Leo, in cerca di un futuro fuori dal suo paese, incrocia il suo cammino. Un gioco di specchi tra il vecchio e la giovane donna ci permette di viaggiare indietro nel tempo e immaginare un futuro più sereno per entrambi.

Le foto in alto e sotto sono state “rubate” sul set allestito all’interno del Bavaria Pub a Tricase.

Continua a Leggere

Attualità

L’Ospedale di Tricase in diretta mondiale

Tra le “dirette” al 30° Congresso di chirurgia dell’apparato dirigent,e anche gli interventi al colon retto e al pancreas del dottor Massimo Giuseppe Viola del “Card. Panico”.

Pubblicato

il

L’ospedale Card. Panico di Tricase protagonista al 30º congresso di Chirurgia dell’apparato digerente in corso oggi e domani a Roma.

La Chirurgia in diretta sarà, come di consuetudine, il fiore all’occhiello dell’evento: una vera e propria maratona di video chirurgia sviluppata in 2 giornate di dirette dalle sale operatorie dei 5 continenti.

Interventi di Chirurgia saranno trasmessi in diretta dalle Sale Operatorie d’Italia e del Mondo in contemporanea su multischermo.

Grazie alle più moderne ed efficienti tecnologie alcune trasmissioni video saranno effettuate con l’innovativa tecnica HD – High Definition.

Ci saranno collegamenti con le Sale Operatorie del mondo: Stati Uniti, Giappone, Francia, Inghilterra, Belgio, Olanda, Svezia, Spagna, Portogallo, Australia, Cina, Corea, Singapore, Sud Africa, Argentina, ecc. Previsti circa 100 collegamenti con i più affermati chirurghi.

Tra questi anche i collegamenti con la sala operatoria di Tricase da dove verranno trasmessi e saranno visibili in diretta sul web, quindi in tutto il mondo, gli interventi  al colon retto (oggi) e al pancreas (domani) dal dottor Massimo Viola dell’ospedale “Card. Panico” di Tricase con la sua équipe.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus