Connect with us

Maglie

Maglie: l’ora del “Mercatino del gusto”

Il “Mercatino del Gusto” compie dieci anni. Nato da un’idea di alcuni imprenditori salentini, ha visto da subito il coinvolgimento di Slow Food Puglia e del Comune di Maglie.

Pubblicato

il

Il “Mercatino del Gusto” compie dieci anni. Nato da un’idea di alcuni imprenditori salentini, ha visto da subito il coinvolgimento di Slow Food Puglia e del Comune di Maglie. La prima edizione, quella del 1999, si tenne a Lecce. L’anno dopo venne trasferita a Maglie, dove, per le sue dimensioni “contenute”, fu ospitata interamente nel Liceo “Capece”.

I venti espositori erano sistemati nell’atrio dello storico Liceo, mentre nella palestra si organizzarono i laboratori del gusto, fiore all’occhiello di Slow Food dell’infaticabile presidente Michele Bruno. Oggi la musica è cambiata, nel senso che il Mercatino vanta oltre 91 espositori, 15 location destinate agli eventi, 8 vie e una piazza riservate agli espositori. Le risorse umane impegnate nell’organizzazione della “quattro giorni” magliese, da sabato 1 a martedì 4 agosto, constano di 150 persone e circa 20 aziende, di Maglie e dintorni, che collaborano per la logistica e gli allestimenti. L’evento, organizzato da Slow Food Puglia e sostenuto da Regione Puglia, Provincia di Lecce, Città di Maglie, CCIAA di Lecce e da Coop Estense, si conferma un appuntamento di successo, sia per la proficua rete di partnership che riesce a creare con imprenditori e professionisti del territorio, sia per il numero di turisti che richiama ogni anno.

“La ragione dell’ottimo riscontro che ottiene ogni edizione del Mercatino del Gusto”, spiega Michele Bruno, “sta certamente nell’idea originaria, che lo rende un evento unico. Espositori selezionati, accuratezza nella programmazione, un gruppo di lavoro motivato e preparato sono alla base di una manifestazione che mira al raggiungimento di risultati  non solo quantitativi, ma soprattutto qualitativi. Questo significa che il pubblico che partecipa alle iniziative o che, semplicemente, passeggia per la città in festa, è sollecitato da messaggi ben precisi: la valorizzazione del territorio, il senso dell’accoglienza, l’importanza delle materie prime locali, il cibo come testimone dell’identità di un luogo e della sua cultura”.

La manifestazione magliese diventa perciò un’opportunità di riscoperta di sapori dimenticati, di antichi mestieri e di piccoli piaceri quotidiani, da vivere, recuperando una dimensione più autenticamente slow. Per la festa dei dieci anni, tante le novità: la “Via del pesce” voluta da Slow Food Puglia per far riscoprire il fascino e il folklore legati al mondo della pesca e dei suoi protagonisti; la “Via dell’artigianato” organizzata in collaborazione con l’Associazione Artigiani Confartigianato Maglie e con il Consorzio Artigiani della Provincia di Lecce; “Cinemercatino”, domenica 2, con “Terra Madre” di Ermanno Olmi, maestro del cinema mondiale che racconta dal suo punto di vista il grande tema del cibo; “Città Slow” ovvero le cittadine pugliesi che hanno aderito al movimento Città Slow come Orsara, Trani e Cisternino; “I laboratori monotematici” con approfondimenti su birra artigianale, dolci pugliesi e caffè. Ci saranno poi le “piazze” e “vie” tradizionali, quelle di ogni anno che hanno fatto il successo del Mercatino: “Piazza del vino” in Piazza Moro, con 24 espositori del settore vitivinicolo pugliese d’eccellenza; la “Via della gastronomia”, la “Via dell’olio extravergine d’oliva”, la “Via dell’ortofrutta”, la “Via dei Presidi e della Comunità del cibo di Slow Food”. Infine c’è il “salotto” per nottambuli, un good night show, dove, nelle vesti di padroni di casa, ci saranno l’attore Antonio Stornaiolo, il gustosofo e capo barman per eccellenza, Michele Di Carlo, lo spassoso capo comico Francesco Scimeni e la polistrumentista Maria Giovanna Argento. Insomma a Maglie, nei primi quattro giorni d’agosto, ci sarà di che abbuffarsi. Con gusto, però.

Cristina Pacella

Attualità

Nuovo Ospedale del Sud Salento: vince MC A

Il progetto, che lo scorso anno la direzione della Asl ha firmato e consegnato in Regione, sorgerà su un’area di 120mila mq, prevede 350 posti letto

Pubblicato

il

MC A, AICOM SpA, RINA Consulting S.p.A, GAe Engineering S.r.l. e Enzo Rizzato, si sono aggiudicati il bando di gara della Asl di Lecce per lo studio di fattibilità tecnico-economica relativo alla realizzazione del Nuovo Ospedale del “Sud Salento” che dovrebbe sorgere fra Maglie e Melpignano.

Il progetto, che lo scorso anno la direzione della Asl ha firmato e consegnato in Regione, sorgerà su un’area di 120mila mq, prevede 350 posti letto, 317 per malati acuti e i restanti 33 dedicati a Day Hospital/Day Surgery.

Saranno distribuiti su tre piani, oltre il seminterrato, per una superficie coperta di circa 44mila metri quadri, e prevede 201 stanze di degenza (con bagno interno), ed un’area a parcheggio da circa 1.200 posti auto.

Il nuovo ospedale sarà un nosocomio di primo livello: all’interno, sorgerà un gruppo operatorio dotato di 6 sale chirurgiche e 3 sale parto/travaglio, oltre ai servizi di Radiologia, Laboratorio, Servizio Immunotrasfusionale h24

Continua a Leggere

Cronaca

Fiamme in deposito: distrutte macchine agricole

Ingenti danni provocati nella notte da rogo divampato nelle campagne tra Cutrofiano e Maglie

Pubblicato

il

Quattro ore d’inferno per domare il fuoco: notte di lavoro per i vigili del fuoco di Gallipoli, all’opera tra la mezzanotte scorsa e le 4 di stamattina per spegnere un incendio divampato tra Cutrofiano e Maglie.
Le fiamme, divampate al buio, avevano avvolto un deposito di una masseria adibito, da una azienda agricola del posto, a deposito di mezzi agricoli.
Ingenti i danni: il rogo non ha risparmiato mezzi di consistente valore.
Tuttora incerte le cause dell’accaduto: non è ancora certo se sia trattato di un incidente, magari di natura elettrica, o se la colpa sia da ricondurre all’azione umana.
Nessun testimone stanotte sul posto, in una zona peraltro abbastanza isolata: i locali colpiti dall’incendio infatti insistono in un’area interna della cosiddetta località Petrone.

Continua a Leggere

Acquarica del Capo e Presicce

Controlli dell’Arma: un’evasione e 5 patenti ritirate

Tra Andrano, Castro e Montesano fermati automobilisti alla guida in stato di ebbrezza. Ad Acquarica soggetto ai domiciliari lascia l’abitazione senza autorizzazione

Pubblicato

il

Sfilza di deferimenti ad opera dei Carabinieri della Compagnia di Tricase a seguito di controlli nelle scorse ore.

Un uomo di 62 anni, di Acquarica del Capo, sottoposto al regime di arresti domiciliari, non è stato trovato dai militari presso la propria abitazione. Avendo violato l’art.385 del codice penale, si è configurato per lui il reato di evasione.

Un uomo di Spongano di 56 anni, invece, si è reso protagonista di un tamponamento con un’altra auto mentre era alla guida del suo mezzo sotto l’effetto di tasso alcolemico sopra il limite previsto dalla legge.

Non unico a mettersi alla guida dopo aver bevuto. Tra Montesano, Andrano e Castro, infatti, i carabinieri hanno sorpreso altri 5 automobilisti “alticci”. Per loro, un 24enne di Maglie; un 32enne ed un 37enne di Diso; un 30enne di Ugento ed un 29enne di Cutrofiano, è scattato l’immediato ritiro della patente di guida.

I controlli, proseguiti a macchia d’olio sul territorio con 22 militari ed 11 automezzi impiegati, hanno portato anche a 31 contravvenzioni al codice della strada.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus