Connect with us

Attualità

Confindustria e Ance: “No TAP… in Croazia!”

La preoccupazione di Confindustria ed Ance Lecce per l’ipotesi del trasferimento del gasdotto TAP dal Salento in Croazia.

Pubblicato

il

Confindustria ed Ance Lecce esprimono preoccupazione per quanto apparso sulla stampa in questi giorni in merito all’ipotesi del trasferimento del gasdotto TAP dal Salento in Croazia.

Piernicola Leone De Castris

Piernicola Leone De Castris

Purtroppo ancora una volta”, commenta il presidente di Confindustria Lecce Piernicola Leone de Castris, “il nostro Paese riesce  a ‘distinguersi’ per la celerità con cui prende le decisioni e per il sostegno alle imprese… La possibilità che la Croazia diventi l’approdo definitivo del progetto Tap, se non è una ipotesi di scuola, comporterebbe per l’Italia la perdita di una infrastruttura strategica per lo sviluppo”.

Nonostante le rassicurazioni del viceministro De Vincenti” – afferma il presidente di Ance Lecce Giampiero Rizzo, “l’idea che dopo tanto lavoro, incontri, analisi del progetto, il gasdotto venga realizzato altrove rappresenterebbe una grande sconfitta per il sistema economico e, soprattutto, chi è intenzionato ad investire nel nostro territorio potrebbe esserne scoraggiato”.

Giampiero Rizzo

Giampiero Rizzo

Secondo Confindustria ed Ance, “il gasdotto trans-adriatico TAP che dovrebbe portare in Europa, con approdo sulle spiagge di San Foca (Marina di Melendugno), il gas proveniente dalla Regione del Mar Caspio è un investimento fondamentale, che contribuirà a calmierare il costo dell’energia e a rendere più indipendente il nostro Paese dalle fonti energetiche provenienti dalla Russia”.

Confindustria Lecce e Ance Lecce ritengono “che il progetto debba essere realizzato nel massimo rispetto dell’ambiente e con la condivisione del territorio, senza che però vengano alzati steccati puramente ideologici o alimentati da preconcetti.

Su opere di tale portata”, continuano i vertici di Ance e Confindustria Lecce, “occorre ragionare con serenità, poiché si corre davvero il rischio di perdere occasioni di crescita che porterebbero lavoro e contribuirebbero ad allineare i costi energetici italiani (oggi +30%) a quelli europei, con evidenti vantaggi per la competitività delle imprese ma anche per cittadini ed istituzioni“.

Pertanto”, concludono, “è necessario che la politica ed i governi ad i vari livelli prendano le decisioni richieste, istituendo finalmente un tavolo nazionale che chiuda in tempi rapidi e certi la fase istruttoria e di ricognizione”.

 

Attualità

È ancora Briatore Vs Puglia

Da Instagram tuona contro il porto di Gallipoli che nega l’accesso al panfilo Tender

Pubblicato

il

Flavio Briatore ancora una volta insoddisfatto dalla Puglia.

Stavolta, tuona contro Gallipoli. Lo fa dal suo account Instagram dove racconta (taggando anche il profilo della Regione Puglia) di un accesso negato al panfilo di 60 metri denominato Tender. In tutto il suo disappunto, spiega come lo yacht con a bordo “importanti turisti”, come li definisce lui stesso, ha poi deciso di virare verso Otranto.

L’imprenditore ha quindi deciso di esternare il suo stupore sui social etichettando Gallipoli come esempio del “movimento del non fare”.

Già in passato Briatore aveva scatenato il dibattito sul turismo in Puglia e sulla sua gestione. Non sottraendosi a commenti sugli operatori turistici stessi, definiti impreparati e adatti al “deleterio turismo da ciabatte”.

A questo punto vien da chiedersi, se non è meta all’altezza o gradita, anziché elargire etichette del non fare, in Puglia o in Salento cosa ci viene a fare…?

Continua a Leggere

Attualità

Delfini nel mare di Leuca

La meraviglia al tramonto: il video che sta facendo il giro di chat e social

Pubblicato

il

La meraviglia nello spettacolo.

Nel mare di Leuca spuntano i delfini. Li ritrae un video amatoriale, sul già scenografico sfondo del tramonto. Mentre il sole scende verso il mare, loro spuntano sinuosi nelle acque blu a poche centinaia di metri dalla costa.

Ecco il video.

Continua a Leggere

Attualità

Addio al Guendalina: “Esperienza al capolinea”

Discoteca pronta a chiudere. Il direttore artistico: “Ci hanno lasciati soli, meglio Riccione o una capitale europea”

Pubblicato

il

guendalina

Dopo una estate travagliata, la dichiarazione che lascia di sasso tanti appassionati frequentatori: il Guendalina fa le valigie.

La discoteca di Santa Cesarea potrebbe chiudere definitivamente. Lo si apprende dalle dichiarazioni di Vincenzo De Robertis, riportare da Il Messaggero. De Robertis, direttore artistico del locale da 15 anni, avrebbe affermato: “Abbiamo sognato di trasformare il Salento in Ibiza o Mykonos ma il nostro sogno si è infranto: ci hanno lasciati soli. Meglio Riccione o una capitale europea. Abbiamo fatto il possibile per mantenere il Guendalina qui dove è nato ma penso che l’esperienza sia giunta al capolinea”.

Chiaro tra le righe il riferimento a quanto accaduto dopo le varie vicende di cronaca registrate nel locale negli ultimi anni. L’ultima, quella che avrebbe fatto traboccare il vaso, quella del 28 luglio scorso. Dopo una rissa all’interno della discoteca, il questore aveva deciso di imporne la chiusura per due settimane.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus