Connect with us

Nardò

Nardò: Festa dell’Emigrante

Pubblicato

il

Si tiene sabato 8 agosto, a partire dalle 18, la 3^ edizione della Festa dell’Emigrante nella ormai consueta location del chiostro dei Carmelitani e di piazza delle Erbe. “Si tratta di una importante manifestazione per tutti i neritini – ha dichiarato il sindaco Antonio Vaglio – dal momento che il fenomeno dell’emigrazione ha interessato quasi tutte le famiglie della nostra città. La manifestazione, fortemente voluta dall’amico Antonio Cavallo, deve rappresentare un momento di festa ma anche di riflessione soprattutto in un momento di crisi globale quale quello attuale”. A seguire, il programma:

ore 18.00 Esecuzione Inno della Città di Nardò
Concerto Bandistico Terra d’Arneo e Coro Associazione degli Emigranti

ore 18.30 Interventi Autorità Nazionali, Regionali e Provinciali
“Emigrazione: rapporti tra Cittadini ed Istituzioni”
Interverranno: Antonio VAGLIO
Sindaco
Gianni PITTELLA
Vice Presidente Parlamento Europeo
Loredana CAPONE
Vice Presidente Regione Puglia
Elena GENTILE
Assessore Regionale Flussi Migratori
Antonio PERAGINE
Presidente CRATE (Centro Regionale Assistenza Tutela Emigranti)
Giuseppe PERÒ
Presidente ACLI, Corrispondente Consolare della Svizzera
Antonio MARIANO
Presidente Associazione Emigranti – Nardò

Moderatore: Ignazio CACUDI Addetto stampa Comune di Nardò
ore 20.00 Mostra Fotografica Permanente presso i locali dell’Associazione

ore 20.30 Esibizione del Maestro Totò Manca con la sua “magica” fisarmonica
e del sig. Lelè Cristalli con la Canzone dell’Emigrante

ore 21.00 Spettacolo Teatrale “Lu Munaceddhru” a cura dell’Associazione Ardire

A seguire l’esibizione dell’Associazione Sportiva Break Dance e del Gruppo Folkloristico
gli “Scattacore di Nardò”, con la tradizionale danza popolare della Pizzica.

Degustazione di prodotti tipici locali (a cura dell’Associazione Emigranti – Nardò).

Alessano

Le scuole in…cantano i borghi

40 scuole del Salento animeranno i centri storici di Gallipoli, Specchia, Alessano, Carmiano, Lizzanello, Merine e Lecce durante le festività natalizie. I piccoli e giovani studenti saranno dei veri cantori e attori per rendere unico ed emozionante questo Natale 2019

Pubblicato

il

Saranno gli studenti di 40 scuole ad animare nel Salento le prossime festività natalizie. Canteranno, suoneranno, reciteranno e metteranno in bella mostra manufatti artigianali realizzati per raccontare la bellezza della nostra terra e dell’atmosfera che si vive nei giorni di festa. Un progetto unico nel suo genere, alla sua prima edizione, che rivela la grande voglia e la forte necessità di fare rete per diffondere cultura e rendere protagonisti i nostri bambini e i nostri ragazzi.

Si chiama “Le Scuole in…Cantano i Borghi” il progetto finanziato dalla Regione Puglia – Assessorato all’Istruzione e Lavoro e patrocinato dalla Provincia di Lecce e  che vede coinvolte  Gallipoli, Specchia, Alessano, Carmiano, Lizzanello, Merine e Lecce. È stato presentato presso l’Ufficio Scolastico Territoriale di Lecce alla presenza dei Dirigenti scolastici.

L’idea è nata nelle Scuole ad Indirizzo Musicale degli Istituti comprensivi di Alliste e Carmiano, ma ha trovato fin da subito la convinta adesione dell’Ufficio Territoriale Scolastico che, a sua volta, ha coinvolto tantissime altre scuole da nord a sud del Salento rendendo l’iniziativa un’occasione straordinaria.

I palazzi, le corti, le piazze, i frantoi ipogei incanteranno i visitatori non solo per la loro rinomata bellezza storico/artistica ma anche perché i bambini e i giovanissimi sapranno emozionare chi li ascolterà. Ogni città avrà un percorso tra i suoi monumenti più rappresentativi e ogni scuola coinvolta porterà un proprio repertorio. Solo l’inno iniziale sarà in comune ed è il brano natalizio che, nel corso del tempo, ha fatto il giro del mondo unendo Paesi e popoli lontani, Noel.

L’obiettivo d’altronde è quello di aprire la scuola al territorio, mostrare agli adulti quello che viene realizzato al suo interno e valorizzarlo unendo il patrimonio architettonico al talento dei bambini. Insomma un modo nuovo ed entusiasmante di raccontare una terra ricca di storia e di nuove energie. Cinque tappe per serate che resteranno nella storia perché metteranno in moto una vera mobilitazione, attorno le scuole, di associazioni (e tra queste i Gal Terra D’Arneo, Valle della Cupa e Capo di Leuca) e amministrazioni comunali.

Sono felice e soddisfatta perché c’è grande entusiasmo”, dichiara la Dirigente scolastica di Carmiano Paola Alemanno, “e anche un forte impegno nel mettere in piedi una macchina organizzativa  così complessa ma unica nel suo genere”.

Secondo Vincenzo Melilli, Dirigente U.S.T. di Lecce “lo spirito di condivisione tra i dirigenti scolastici è un’importante tappa di strategia del sistema scuola”.

“È stata un’intuizione meravigliosa quella di valorizzare tutta la fertilità creativa delle nostre scuole”, aggiunge Filomena Giannelli, dirigente scolastica di Alliste, “in scenari già belli ma che rinascono così a nuova vita”.

“Progetto nuovo ed emozionante che condividiamo ed elogiamo”, ha concluso Andrea Romano, Capo di Gabinetto della Provincia di Lecce.

IL PROGRAMMA

Giovedì 12 dicembre (17 – 19) Gallipoli, borgo antico, Biblioteca, Municipio, Duomo, Castello

Venerdì 13 dicembre (17 – 19) Specchia/Alessano, Piazza del Popolo, Palazzo Risolo, Convento dei Francescani Neri

Lunedì 16 dicembre (17 – 19) Carmiano, Piazza del Tempo

Martedì 17 dicembre (17 – 19) Lizzanello/Merine, Piazza San Lorenzo

Giovedì 19 dicembre (17 – 19) Lecce, Sant’Irene dei Teatini

LE SCUOLE COINVOLTE

Istituto comprensivo Alessano/Specchia,

Istituto comprensivo Lizzanello/Merine,

Liceo “Palmieri” Lecce,

IISS “Giannelli” Parabita.

Lecce: Istituto comprensivo “Ammirato-Falcone”, Scuola Sec. I° “Galateo”, Scuola Sec. I° “Ascanio Grandi”, IISS “Ciardo”, IISS “Columella”, IISS “De Pace”

Gallipoli: Istituto comprensivo Polo 2,  Istituto comprensivo Polo 3, Liceo “Quinto Ennio”, IISS “Vespucci”

Surbo: DD Ampolo, Istituto comprensivo “Elisa Springer”

Tricase: Istituto comprensivo “Via Apulia”, Istituto comprensivo “Pascoli”, IISS “Don Tonino Bello”

Istituto comprensivo Calimera

Istituto comprensivo Cavallino

Istituto comprensivo Copertino Polo1

Istituto comprensivo Corsano

Istituto comprensivo Galatina Polo 3

Istituto comprensivo Gagliano del Capo

Istituto comprensivo Matino

Istituto comprensivo Melissano

Istituto comprensivo Monteroni Polo 2

Istituto comprensivo Novoli

Istituto comprensivo Racale

Istituto comprensivo Parabita

Istituto comprensivo Salice Salentino

Istituto comprensivo Scuole Salve/Morciano/Patù

Istituto comprensivo San Cesario, IC Scorrano

Istituto comprensivo Trepuzzi Polo 2

Istituto comprensivo Veglie Polo 1

Istituto comprensivo Vernole

IISS Moccia di Nardò.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Corsetta per la solidarietà, Nardò risponde presente

Distinguiti Run: 5 km di corsetta molto lenta, aperta a tutti. Il ricavato dalla vendita delle magliette celebrative sarà interamente devoluto alla delegazione ANT “Don Tonino Bello” di Nardò, che da anni offre assistenza specialistica domiciliare ai malati di tumore e prevenzione oncologica gratuita

Pubblicato

il

Nardò è pronta a riversarsi per le strade per la corsa della solidarietà.

Domenica 15 dicembre torna la “Distinguiti Run“, 5 km di corsetta molto lenta, aperta a tutti, con ritrovo alle ore 8 in piazza Cesare Battisti e partenza alle 8,30.

Grazie alla sinergia tra il consigliere comunale delegato allo Sport, Antonio Tondo, e il presidente della consulta dello Sport, Tony De Paola, la terza edizione conta già oltre un centinaio di adesioni, un numero destinato a crescere ulteriormente.

In tanti, dunque, correranno sul percorso disegnato da Fernando Livieri, esplorando le vie del centro storico e oltre.

Il ricavato dalla vendita delle magliette celebrative (disponibili presso la farmacia Benegiamo-Pagliula) sarà interamente devoluto alla delegazione ANT “Don Tonino Bello” di Nardò della responsabile Luciana Fracella, che da anni offre assistenza specialistica domiciliare ai malati di tumore e prevenzione oncologica gratuita.
Tante le associazioni, le società, gli enti, le attività e i singoli liberi professionisti che hanno sposato l’iniziativa: Sport Running Porto Selvaggio, ASD Iron Bike, Skozzicakuezzi, Bollino Elettrodomestici, ASC (Attività Sportive Confederate), Avocad, Crossfit Nardò, Dream Volley, Pallavolo Esseti, Archeoclub Terra d’Arneo, In viaggio con Momì, l’Istituto Comprensivo Polo 3 della dirigente Tommasa Presta, Team Anastasia Dance, Infinity Dance, il Milan e l’Inter Club, Davide Paglialunga, don Riccardo Personè, Lorenzo Falangone e Starbenia Pharma di Massimiliano Starace, che offrirà a tutti un caffè. Un ringraziamento va rivolto anche al Comando di Polizia Municipale di Nardò per il servizio di ordine pubblico.
Appuntamento, dunque, per domenica 15 dicembre, alle ore 8, in piazza Cesare Battisti: Nardò ancora una volta risponde presente quando di mezzo c’è la solidarietà.
Continua a Leggere

Attualità

Maltempo: appena 900mila euro per i paesi salentini colpiti

Il Consiglio dei Ministri corregge al ribasso i 2 milioni previsti. Tra i beneficiari Gallipoli, Porto Cesareo, Taviano, Nardò, Calimera, Ruffano e Corigliano

Pubblicato

il

Il Ministro Boccia, nella sua visita in Salento, aveva parlato di due milioni, saranno invece appena 900mila gli euro destinati ai paesi salentini devastati dal ciclone mediterraneo di fine novembre

Previsto un primo stanziamento di 100 milioni di euro con i fondi divisi nel seguente modo: Abruzzo 1.685.410,82 euro; Basilicata 48.977,78 euro; Calabria 666.163,21 euro; Campania 2.357.094,62 euro; Emilia Romagna 24.438.027,72 euro; Friuli Venezia Giulia 932.628,50 euro; Liguria 39.950.673,95 euro; Marche 156.786,97 euro; Piemonte 19.634.880,93 euro; Puglia 897.848,95 euro; Toscana 5.294.037,86 euro; Veneto 3.937.468,69 euro.

Tra i 60 comuni pugliesi beneficiari delle risorse anche Gallipoli, Porto Cesareo, Taviano, Nardò, Calimera, Ruffano e Corigliano d’Otranto.

Successivamente saranno stanziate ulteriori risorse per l’attivazione di prime misure economiche di immediato sostegno al tessuto economico e sociale e alla ricognizione dei fabbisogni per il ripristino delle strutture e delle infrastrutture, pubbliche e private, danneggiate.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus