Connect with us

Novoli

A Novoli la “Fòcara” e tanto altro

Pubblicato

il

L’accensione “del più grande falò del Mediterraneo” sta per ripetersi a Novoli: appuntamento nella serata di sabato 16 gennaio. E sarà il fuoco di Betlemme ad accendere la “Fòcara” di Novoli, dedicata a Sant’Antonio Abate. L’edizione del 2010 sarà infatti dedicata alla Pace e al dialogo, con uno sguardo alla Terra Santa, che sarà il filo conduttore del ricco programma di eventi e di manifestazioni. Grazie alla collaborazione con l’Assessorato provinciale alle Politiche Giovanili ed all’Associazione Nazionale “Concerto per la Vita e per la Pace”, che da diversi anni hanno avviato un appuntamento annuale di scambi culturali e la costruzione di un insieme di città gemellate tra la Palestina e l’Italia, il “fuoco buono” della “Fòcara” è stato ambasciatore di pace in Terra Santa per il Natale appena trascorso. Nell’ambito del “Progetto Salento-Palestina”, una delegazione composta tra gli altri dal sindaco di Novoli, Oscar Marzo Vetrugno, dal parroco della Parrocchia Sant’Antonio Abate, don Giuseppe Spedicato, dal presidente del Comitato Festa, Tony Villani, e dal delegato della Pro Loco, Francesco Parlangeli, si è recata a Betlemme, per attingere alla lampada che arde nel luogo della nascita di Gesù. La fiammella, tramite la “Fòcara” di Novoli, verrà donata a tutto il Salento e alla Puglia come simbolo di Pace.

IL PROGRAMMA

Dopo le esibizioni, nelle ultime edizioni, di Giuliano Palma & The Bluebeaters, Roy Paci, Boban Markovic e Frank London, Caparezza, quest’anno il clou sarà con Vinicio Capossela, la sera di sabato 16, e con lo stornellatore e cantautore romano Alessandro Mannarino, domenica 17, in Piazza Tito Schipa, ai piedi della “Fòcara” ardente. L’inizio di entrambi i concerti è previsto alle 21,30. Ma il programma delle manifestazioni collaterali ha già preso il via, presso l’ex Mercato coperto, con la Rassegna d’Arte Contemporanea “Novoli Arte”; con la Mostra fotografica “Premio Focara 2009”; con la quinta edizione del “Salone dei Vini e delle Cantine del Parco del Negroamaro”, curata dalla Pro Loco nello Spaziotenda del Fuoco, in Piazza Tito Schipa, con incontri, proiezioni e premiazioni. Come detto, sabato 16 sarà tutto dedicato alla “Fòcara”: si comincerà in mattinata, quando i rappresentanti istituzionali, accompagnati dalle note della Fanfara, porteranno la “bandiera” di legno dal Municipio alla “Fòcara”, per piantarlo sul cocuzzolo. Nel pomeriggio, alle 15, sul sagrato della Chiesa di Sant’Antonio Abate, l’attesissimo rito della benedizione degli animali. Seguirà la solenne Processione con la statua del Santo portata in giro per le vie del paese. Alle 20 il top, con l’accensione della “Fòcara” e poi lo spettacolo dei fuochi d’artificio. Domenica 17, giorno della ricorrenza del Santo, si terrà in mattinata, in Piazza Sant’Antonio, la Santa Messa celebrata dall’Arcivescovo di Lecce, mons. Domenico D’Ambrosio. A pomeriggio ben cinque ditte si sfideranno nell’imperdibile gara pirotecnica. Infine, lunedì 18, “la festa te li paesani”.

LE ORIGINI DEL CULTO

Ecco, in breve, le tappe sulla devozione antoniana. Nel 1640 si dà il via alla costruzione di una nuova Chiesa in onore di Sant’Antonio Abate, completamente a spese dei fedeli, che viene completata nel 1662. Il 20 gennaio di due anni dopo, Sant’Antonio Abate viene nominato Patrono di Novoli. Ma solo settant’anni dopo, il 23 agosto 1737, dopo insistenti pressioni della comunità, Sant’Antonio Abate, con parere favorevole della Sacra Congregazione dei riti di Roma, arriva la proclamazione ufficiale della Curia Vescovile di Lecce che accerta che Novoli non ha altri Protettori. Da allora, la data del 17 gennaio viene dichiarata giorno di festa in onore di Sant’Antonio Abate. Il 27 luglio 1924, da Tricarico (provincia di Matera) giunge a Novoli la reliquia del Santo.

Cronaca

Furti al centro commerciale, due arresti

Avevano rubato due paia di scarpe, due camicie, uno zainetto e due felpe per un  valore complessivo di circa 170  euro. Indagini in corso per identificare il terzo complice

Pubblicato

il

Avevano preso di mira alcuni negozi di abbigliamento del centro commerciale “Mongolfiera” di Surbo, alle porte di Lecce, e cercato di rubare vestiti e accessori.

La bravata però è costata cara a due di loro perché sono stati scoperti e arrestati.

Accertamenti in corso per identificare un terzo complice, datosi alla fuga poco prima del controllo.

La refurtiva è stata restituita ai proprietari, mentre Mbacke Samb Papa Cheik, 18 anni, e Mamadou Ndiaye, 21 anni, entrambi senegalesi ma residenti a Novoli, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari.

I due, identificati e perquisiti all’interno del centro commerciale. sono stati trovati in possesso di due paia di scarpe, due camicie, uno zainetto e due felpe per un valore complessivo di circa 170  euro.

Continua a Leggere

Carmiano

Incidente sul lavoro, muore operaio 30enne

Stava lavorando ad una blaconata in pietra leccese di una sala ricevimenti quando è precipitato dalla balaustra posizionata a cinque metri di altezza

Pubblicato

il

Stefano Vetrugno, 30 anni, di Carmiano, è precipitato da una balaustra all’altezza di cinque metri nella sala ricevimenti sulla provinciale Carmiano – Salice Salentino, in agro di Novoli, nella quale stava lavorando.

L’operaio era intento a sistemare una balconata in pietra leccese quando, secondo la ricostruzione dei carabinieri, la balaustra avrebbe ceduto.

La caduta repentina e violenta non ha lasciato scampo a Vetrugno che sarebbe morto sul colpo.

La segretaria generale della Cgil Lecce, Valentina Fragassi, e la segretaria generale della Fillea Cgil Lecce, Simona Cancelli intervengono con na nota congiunta su “l’ennesimo inaccettabile incidente mortale sul lavoro, avvenuto oggi a Novoli e che ha spento la giovane vita di Stefano Vetrugno, riaccende una questione non più rinviabile: quella della salute e della sicurezza sui posti di lavoro. Per contrastare questa piaga serve l’impegno di tutti – istituzioni, parti sociali e soprattutto parti datoriali – con l’obiettivo di tutelare la persona, prima ancora del margine di profitto. Nel giorno in cui la Cgil Lecce è impegnata a Melpignano nella formazione dei propri Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (Rls ed Rlst), il Salento è costretto a piangere l’ennesimo lavoratore, uscito la mattina per andare a lavorare e che non tornerà più a casa. Nel settore edile abbiamo già pianto troppe vite umane. E purtroppo il 2018 si sta confermando nefasto: dall’inizio dell’anno, a livello nazionale, nel primo trimestre sono 22 edili in più rispetto allo stesso periodo del 2017, con un incremento del 50%. Ed oggi purtroppo facciamo i conti con la prima morte, nel settore costruzioni, anche in provincia di Lecce. Per contrastare gli innumerevoli incidenti mortali che da sempre affliggono il Salento la Cgil e tutte le sue categorie si impegneranno affinché si verifichi un cambio culturale vero, insistendo sulla formazione dei propri delegati, degli Rls e degli Rlst sui quali troppo spesso si scaricano responsabilità eccessive“.

Verificheremo puntualmente, insieme con istituzioni, parti datoriali e organi di controllo“, concludono, “le condizioni a cui sono sottoposti i lavoratori nell’espletamento della loro attività“.

Così, invece, il segretario generale Uil Lecce, Salvatore Giannetto: “La Uil di Lecce esprime solidarietà e vicinanza ai familiari del giovane lavoratore Stefano Vetrugno, morto in seguito a un incidente sul lavoro accaduto questa mattina a Novoli. Purtroppo continua inesorabile l’escalation di infortuni mortali e questo deve far riflettere tutti. In attesa che le autorità competenti accertino la dinamica dell’incidente e perseguano le eventuali responsabilità sull’accaduto, rilanciamo la necessità di un’azione congiunta fra istituzioni, associazioni e parti datoriali, finalizzata ad intensificare sempre di più le azioni necessarie a garantire la sicurezza e contrastare il rischio di incidenti sui luoghi di lavoro. Come sindacato stiamo già facendo la nostra parte, anche grazie al progetto “Io diversamente rischio” e agli incontri formativi con le Rsu e i quadri sindacali, ma non basta. Serve di più. Serve l’aiuto di tutti, perché sicurezza e salute dei lavoratori devono rappresentare una priorità dentro le aziende e anche fuori”.

Continua a Leggere

Cronaca

Drammatico incidente: muore 34enne

Schianto nelle prime ore di questo pomeriggio

Pubblicato

il

Si è probabilmente trattato di un malore quello che ha stroncato la vita ad un giovane 34enne sulla strada provinciale che collega Veglie a Novoli. La Mercedes classe A, condotta dalla vittima Alberto De Lucia, alle prime ore di questo pomeriggio, si è schiantata frontalmente contro un furgone di una ditta di distribuzione di bibite di Poggiardo. L’auto del giovane è uscita fuori strada. L’impatto è stato fatale. A nulla è servito l’intervento dei medici del 118 che accorsi sul posto non hanno potuto far altro che constatarne il decesso. Accanto al 34enne c’era la moglie, attualmente ricoverata in stato di shock presso l’ospedale Vito Fazzi di Lecce, ma fortunatamente la donna è fuori pericolo. Sul luogo del sinistro sono prontamente giunti i carabinieri di Campi Salentina e di Novoli che in queste ore stanno ricostruendo la dinamica dell’incidente e vagliando eventuali responsabilità.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus