Connect with us

Acquarica del Capo e Presicce

Acquarica, Presicce e Salve: perché quell’odore?

Interrogazione del consigliere regionale Ernesto Abaterusso: “Occorre fare chiarezza sulle cause e sugli effetti delle fastidiose emissioni odorigene che stanno creando seri problemi alle comunità del sud Salento”.

Pubblicato

il

Occorre fare chiarezza sulle cause e sugli effetti delle fastidiose emissioni odorigene rilevate da tempo a Presicce, Salve e Acquarica del Capo e che stanno creando seri problemi alle comunità del sud Salento”.

Ernesto Abaterusso

È questo il senso dell’interrogazione presentata dal presidente del Gruppo consiliare LeU/I Progressisti, Ernesto Abaterusso, con la quale si chiede di sapere “se siano stati avviati, da parte degli enti competenti, monitoraggi e verifiche negli abitati interessati dal fenomeno, al fine di individuare la fonte delle emissioni e fornire informazioni circa l’eventuale tossicità delle stesse; se non si ritiene necessario che gli enti competenti (Arpa e Dipartimento di prevenzione della Asl), d’intesa con i Comuni, provvedano ad attivare i dovuti controlli, visto il potenziale rischio sanitario cui la popolazione potrebbe essere esposta; se non si ritenga giusto, qualora siano state avviate le verifiche, rendere pubblici i risultati, al fine di informare opportunamente la cittadinanza e adottare, se necessario, eventuali strategie per ridurre il carico ambientale nella zona interessata e la pericolosità delle emissioni stesse”.

Credo sia giunto il momento”, spiega il consigliere regionale, “che la Regione metta un punto fermo su questo fenomeno del quale restano ancora sconosciute le origini e la mia interrogazione procede proprio in questo senso perché è innegabile che l’area del sud Salento e chi vi abita hanno già dovuto sopportare troppe criticità ambientali (discarica Burgesi, fumi derivanti dai grandi stabilimenti industriali pugliesi, discariche abusive)”.

“Auspico”, conclude Abaterusso, “che la Regione contribuisca a fare chiarezza non solo sulla presenza delle esalazioni da tempo denunciate dai cittadini, ma anche sulla qualità dell’aria e sulle eventuali ricadute ambientali e sanitarie delle emissioni odorigene”.

Acquarica del Capo e Presicce

Cucina in fiamme: paura ad Acquarica

Incendio in abitazione, vigili del fuoco scongiurano il peggio

Pubblicato

il

Una fitta nube di fumo nero ha improvvisamente avvolto la cucina di una abitazione del centro di Acquarica del Capo.

Attimi di paura nella tarda mattinata di oggi senza, per fortuna, gravi conseguenze.

L’incendio propagatosi nel comune di Acquarica-Presicce non ha causato danni a persone. Il pronto intervento dei vigili del fuoco del Distaccamento di Tricase ha scongiurato che le fiamme intaccassero il resto della abitazione.

L’incidente potrebbe esser stato provocato da un corto circuito. Forse in delle prese nei presi del piano cottura, punto da cui sono divampate le fiamme.

Continua a Leggere

Acquarica del Capo e Presicce

DonnaTerra, Festival del femminile

Prima edizione con Laura Coccia, Antonella Bevilacqua, Maria Luisa Iavarone, Paola Saluzzi: tre serate tra Presicce-Acquarica, Torre Vado, Tricase. Mostra anche a Leuca

Pubblicato

il

Pensare l’estate come momento di riposo ma anche come occasione di incontri, capaci di alimentare mente e cuore. Nasce da qui l’idea di ritagliare un tempo di arte e di riflessione sul tema della donna: ecco la prima edizione di DonnaTerra, il Festival del femminile, manifestazione itinerante che si sviluppa in tre serate, tra Presicce-Acquarica (ieri), Torre Vado (Morciano di Leuca) il 29 luglio, e Tricase il 5 agosto, volute per celebrare lo spirito femminile e l’impegno delle donne.

Il Festival nasce in sinergia tra l’associazione AccadeMe, l’ufficio diocesano per la pastorale del tempo libero, turismo e sport della diocesi di Ugento Santa Maria di Leuca, De Finibus Terrae parco culturale ecclesiale, e il Centro artistico internazionale del Mediterraneo, insieme si è da subito pensato ad una manifestazione itinerante, per dare la possibilità a tutti di essere raggiunto da un messaggio capace di suscitare stupore e gratitudine verso tutto ciò che nella vita si veste di femminile.

Sono due i momenti che rientrano all’interno di DonnaTerra.

Paola Saluzzi

La prima è “CortiliRosa”, ovvero gli incontri con le ospiti, donne impegnate nel mondo del sociale, dello sport e dello spettacolo che per questa prima edizione sono: Laura Coccia, Antonella Bevilacqua, Maria Luisa Iavarone, Paola Saluzzi.

In contemporanea si avrà la seconda iniziativa nell’ambito della manifestazione, la mostra dal tema Energia che genera alla quale esporranno artiste nazionali e internazionali quali: Reema Al Mozayyen (Palestina), Manuela Alessio (Tiggiano), Serena Battisti (Trento), Maria Bonaduce (Terlizzi, Ba), Maria Flora Clementelli (Roma), Ilaria De Marco (Tricase), Sandra Liaci (Lecce), Emanuela Mastria (Roma), Elisa Nicolardi (Alessano), Mariapia Pintarelli (Trento), Mariagrazia Pizzini (Trento), Rita Protopapa (Taranto), Myriam Risola (Bari), Gaia Pagani (Formello, Roma), Luisa Raggi (Roma), Paola Vettorazzi (Trento).

Il primo paese coinvolto nella manifestazione è stato Presicce-Acquarica, ieri, presso la Casa Turrita con l’incontro con due sportive, campionesse nazionali Laura Coccia, giovane campionessa paralimpica e deputata parlamentare e Antonella Bevilacqua ex altista italiana, vincitrice di numerose gare e per tredici volte campionessa nazionale.

DonnaTerra proseguirà lunedì 29 luglio a Torre Vado, marina di Morciano di Leuca, presso la Sala Polivalente: alle ore 21,30 ci sarà l’incontro con Maria Luisa Iavarone, la professoressa napoletana, impegnata in prima linea con i ragazzi dei quartieri più difficili della città. La mostra sarà aperta dal 24 al 31 luglio, dalle 19 alle 22.

La manifestazione si chiuderà con l’incontro lunedì 5 agosto a Tricase (Palazzo Gallone, 21,30) che vedrà ospite d’onore la giornalista Paola Saluzzi. La mostra sarà esposta nelle sale di Palazzo Gallone, dal 3 all’11 agosto, dalle 19 alle 22.

Le opere rimarranno inoltre fruibili dal 15 al 31 agosto presso Villa Meridiana a Santa Maria di Leuca, sempre dalle 19 alle 22.

Antonella Bevilacqua

«DonnaTerra nasce dall’idea del viaggio, inteso dal punto di vista femminile, fatto con occhi e con passi di donna che sanno attraversare l’animo e seminare tenerezza», afferma Alessandra Valente, presidente dell’associazione AccadeMe di Miggiano, «da qui la scelta di accostare l’elemento femminile all’elemento terra, terra che genera, terra che produce, proprio come fa la donna, con il suo essere genitrice di emozioni, di percezioni profonde, di sensazioni, di vita. DonnaMadre, DonnaSorella, DonnaAmica, DonnaForza, pura forza della natura, degna di luce e di attenzioni per il suo ruolo in famiglia e in società».

«D’estate la nostra Chiesa propone ai turisti e alla nostra gente luoghi di riflessione e di animazione culturale. Il festival del femminile vuole accendere una luce sulla donna, sulla sua capacità di accogliere e custodire il mistero della Vita», ha sottolineato Monsignor Vito Angiuli, vescovo della diocesi Ugento-Santa Maria di Leuca, «vogliamo con questa iniziativa dire la nostra attenzione e il nostro impegno a promuovere una cultura in cui la donna è custodita e valorizzata per il suo grande compito di mettere in vita e mettere in luce».

Le ospiti

Laura Coccia, campionessa paralimpica e deputata parlamentare. Nel giugno 2003 ha partecipato ai Campionati Italiani Assoluti della FISD nei 100 metri, vincendo il suo primo titolo italiano. Dall’anno successivo ha partecipato nelle gare dei 100, 200 e 400 metri.

Antonella Bevilacqua è un’ex altista italiana, medaglia d’oro ai Giochi del Mediterraneo di Bari 1997. Ha detenuto per 13 anni il primato italiano indoor con la misura di 1,98 m ed è stata per tredici volte campionessa nazionale.

Maria Luisa Iavarone, professoressa napoletana che da tantissimi anni si impegna ad insegnare a ragazzi che vivono nelle zone più difficili di Napoli. Quegli stessi ragazzi che nel 2017 hanno ferito con un coltello il figlio Arturo lasciandolo agonizzante sull’asfalto. Il ragazzo è riuscito a salvarsi e la madre ha deciso di trasformare questo fatto doloroso in forza diventando testimone di legalità nelle scuole di Napoli.

Paola Saluzzi è una conduttrice televisiva italiana. La sua carriera è inizialmente legata al mondo dello sport. Dal 2017 lavora nell’emittente cattolica TV2000, della Cei.

Continua a Leggere

Acquarica del Capo e Presicce

Un futuro per l’agricoltura salentina per il dopo-xylella

Giovedì alle 18 in programma un incontro a Presicce organizzato da Cgil e Flai Cgil. Nel Salento anche il Segretario generale della Flai Cgil nazionale, Giovanni Mininni

Pubblicato

il

Pensare ad un futuro per l’agricoltura ed i lavoratori del settore per il dopo-xylella.

È con questo obiettivo che Cgil Lecce e Flai Cgil Lecce (la categoria che tutela i lavoratori salentini dell’agricoltura, della pesca e dell’agroindustria) hanno organizzato un incontro sul tema. All’iniziativa, intitolata “Scatta l’ora Xylella. Nuova olivicoltura, riconversione dei terreni, riutilizzo del legname”, parteciperà il Segretario generale della Flai Cgil nazionale, Giovanni Mininni.

L’appuntamento è in programma giovedì 18 luglio alle ore 18 a Presicce, nel frantoio “Agricole Negro Valiani” (viale della Stazione, 35).

Dopo i saluti degli ex sindaci di Acquarica del Capo (Francesco Ferraro) e Presicce (Riccardo Monsellato) e del Segretario generale della Cgil Lecce, Valentina Fragassi, il Segretario generale della Flai Cgil Lecce, Monica Accogli, terrà una relazione introduttiva, per poi lasciare spazio alla tavola rotonda alla quale parteciperanno: Gianvito Negro Valiani, frantoiano; Semmy Marziliano, Legno di Puglia; Carmelo Rollo, presidente Lega Coop Puglia; Giovanni Mininni, segretario generale della Flai-Cgil Nazionale. Modera il dibattito il segretario provinciale della Flai Lecce, Alessandro Fersini.

Le priorità dell’azione della Cgil e della Flai sono chiare: sviluppo sostenibile, sostegno alle vocazioni territoriali e tutela dell’ambiente.

«Xylella mette in ginocchio un settore trainante e fortemente identitario, ossia quello dell’olio», dicono Valentina Fragassi e Monica Accogli.

«La soluzione scientifica sembra ancora lontana, mentre assistiamo all’agonia dell’olivicoltura. Xylella e il disseccamento rapido dell’olivo sono una tragedia per il territorio, un disastro paesaggistico, economico ed occupazionale. È l’ora di agire: ridefinendo l’olivicoltura locale a partire da cultivar resistenti; arricchendo e differenziando l’agricoltura salentina con specie immuni; riutilizzando il legno degli ulivi. Di sicuro vigileremo affinché la riconversione dei terreni non contempli cambi di destinazione d’uso scollegati con l’agricoltura: sarebbero inaccettabili speculazioni edilizie o nuovi impianti di energia rinnovabile. Di certo non si può restare inerti di fronte ai roghi delle carcasse di olivo».

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus