Acquarica, Presicce e Salve: perché quell’odore?

Occorre fare chiarezza sulle cause e sugli effetti delle fastidiose emissioni odorigene rilevate da tempo a Presicce, Salve e Acquarica del Capo e che stanno creando seri problemi alle comunità del sud Salento”.

Ernesto Abaterusso

È questo il senso dell’interrogazione presentata dal presidente del Gruppo consiliare LeU/I Progressisti, Ernesto Abaterusso, con la quale si chiede di sapere “se siano stati avviati, da parte degli enti competenti, monitoraggi e verifiche negli abitati interessati dal fenomeno, al fine di individuare la fonte delle emissioni e fornire informazioni circa l’eventuale tossicità delle stesse; se non si ritiene necessario che gli enti competenti (Arpa e Dipartimento di prevenzione della Asl), d’intesa con i Comuni, provvedano ad attivare i dovuti controlli, visto il potenziale rischio sanitario cui la popolazione potrebbe essere esposta; se non si ritenga giusto, qualora siano state avviate le verifiche, rendere pubblici i risultati, al fine di informare opportunamente la cittadinanza e adottare, se necessario, eventuali strategie per ridurre il carico ambientale nella zona interessata e la pericolosità delle emissioni stesse”.

Credo sia giunto il momento”, spiega il consigliere regionale, “che la Regione metta un punto fermo su questo fenomeno del quale restano ancora sconosciute le origini e la mia interrogazione procede proprio in questo senso perché è innegabile che l’area del sud Salento e chi vi abita hanno già dovuto sopportare troppe criticità ambientali (discarica Burgesi, fumi derivanti dai grandi stabilimenti industriali pugliesi, discariche abusive)”.

“Auspico”, conclude Abaterusso, “che la Regione contribuisca a fare chiarezza non solo sulla presenza delle esalazioni da tempo denunciate dai cittadini, ma anche sulla qualità dell’aria e sulle eventuali ricadute ambientali e sanitarie delle emissioni odorigene”.

Tags:


Commenti

commenti