Connect with us

Attualità

Mercatone Uno, la società proprietaria è fallita!

Per i 123 lavoratori dei punti vendita di Matino, Surano e San Cesario riparte il calvario

Pubblicato

il

La Sezione Fallimentare del Tribunale di Milano ha dichiarato il fallimento della Shernon Holding srl, la società proprietaria di Mercatone Uno. È l’epilogo di una speranza breve, durata appena 9 mesi: ora per migliaia di lavoratori a livello nazionale si riapre il dramma.

La dichiarazione di fallimento è stata depositata ieri: ora i creditori e chi vanti diritti reali e mobiliari su cose in possesso della Shernon avranno 30 giorni di tempo per iscriversi al passivo. Per i dipendenti si apre invece, ancora una volta, un periodo di profonda incertezza. Il marchio Mercatone Uno, con tutti i centri vendita ed il personale, era stato acquisito dalla holding solo lo scorso agosto. Era questa la migliore delle manifestazioni di interesse presentate agli amministratori ministeriali e da loro scelta? Era questa la società che aveva dato le migliori garanzie di risanamento e di mantenimento dei livelli occupazionali? Era questa la società che il prossimo 30 maggio avrebbe presentato il piano industriale ed il nuovo super investitore? L’unica certezza, oggi, è che nella sola provincia di Lecce relativamente ai punti vendita di Matino, Surano e San Cesario ben 123 famiglie sono piombate nella disperazione.

È durata davvero poco la speranza di rinascita. Filcams Cgil, Uiltucs Uil e Fisascat Cisl già in occasione dello sfratto esecutivo sul punto vendita di San Cesario dello scorso 17 aprile, avevano dichiarato le proprie perplessità su tutta la gestione della vertenza da parte ministeriale, denunciando anche l’assoluta assenza di volontà da parte di Shernon di intraprendere corrette relazioni sindacali. Era un evidente campanello di allarme, il fatto che dopo otto mesi dal passaggio la nuova azienda avesse presentato una richiesta di concordato preventivo. In pochissimi mesi era già oberata da debiti insanabili. Il concordato si è rivelato inaffidabile, vista la dichiarazione di fallimento.

Il sindacato confederale sin da subito metterà in atto ogni iniziativa finalizzata ad individuare strumenti legislativi di sostegno ai lavoratori coinvolti. Ancora una volta la nostra provincia subisce un’insostenibile emorragia di posti di lavoro: chiediamo alle forze politiche ed istituzionali di mettersi una mano sulla coscienza per arginare il pericolo di diventare una Repubblica fondata sulla cassa integrazione. Il sindacato confederale farà, come sempre, la sua parte. Noi abbiamo già scelto da che parte stare, quella giusta, quella che parla di lavoratori e di lavoro.

Attualità

“Visto lo schifo che causano” locale chiude bagno donne: è polemica

La foto di una cliente ritrae il messaggio sulla porta del wc di un locale: accuse di sessismo sui social

Pubblicato

il

Impazza su Facebook la polemica attorno al post di una studentessa che ha ritratto, in una foto, un cartello apposto sulla porta di un locale.

Sul biglietto si legge che “visto lo schifo che le donne causano tra assorbenti, tampax e salviettine che bloccano l’impianto fognario (…) il bagno delle donne resterà chiuso fino a data da destinarsi”.

Un messaggio inequivocabile che ha fatto esplodere la rabbia di molti, ad appena poche ore dall’ultima polemica, montata ieri attorno al costo di un pasto a base di frise in un lido nostrano. Il titolare del locale, accusato di offese sessiste, ha prontamente risposto sui social postando gli scatti del wc lasciato in pessime condizioni dai clienti.
A margine del messaggio apposto sulla porta del bagno, una battuta: “È ferragosto anche per il nostro idraulico”.

Continua a Leggere

Attualità

Soleto: piano traffico per la Notte della Taranta

Indicazioni e restrizioni della polizia locale per la serata di oggi

Pubblicato

il

La Notte della Taranta fa, oggi, tappa a Soleto.

Ecco il piano traffico della Polizia Locale riportato dalla pagina della locale Protezione Civile:

Dalle ore 14:00 di lunedi 19 c.m. alle ore 02:00 di martedi 20 c.m. è sospesa la circolazione ed è vietata la sosta di tutti i veicoli sulle strade indicate come da Ordinanza n. 72 del 15.08.2019.

Istituzione temporanea d’area di sosta riservata ai titolari di contrassegno per diversamente abili su Via Madonna del Carmine, lato destro , tratto compreso tra Via D’Andrea e Via G. Galilei;

In occasione della suddetta manifestazione sulla zona artigianale e precisamente Via Delle Tabacchine, Via delle Ricamatrici, Via dei Cavamonte, Via degli Stagnini e Via degli Artigiani sarà istituita l’area parcheggio;

Attivato C.O.C. Centro Operativo Comunale di Protezione Civile per la gestione dell’evento presso Unità di Comando Locale – Sala Operativa nei pressi dell’ex Scuola Elementare di Largo Osanna.
(Ordinanza n. 73 del 17.08.2019)

Sulle seguenti vie verranno istituiti sbarramenti con sistemi antisfondamento tipo New Jersey :
– Via R. Orsini/Largo Osanna da entrambi i lati;
– Via Madonna del Carmine/Via G.Galilei;
– Via Martano/Via Manzoni;

Numeri utili :
Polizia Locale Tel. 345 8033814
Protezione Civile Tel. 347 6496511 – 328 6964317

Continua a Leggere

Attualità

Mercato di Tricase, il sindaco diffida i commercianti

Chiuri scrive ai concessionari di stallo sollecitandoli a pulire gli spazi utilizzati

Pubblicato

il

Il sindaco di Tricase, Carlo Chiuri, scrive ai commercianti concessionari di stallo per il mercato settimanale.

Il motivo, l’irrisolto problema della spazzatura abbandonata ogni martedì alla fine delle vendite (già 4 anni fa ne parlavamo dando voce ad alcuni lettori).

Quella del sindaco, in realtà, non è una semplice lettera ma una vera e propria diffida che, come scrive, fa seguito a “vari e numerosi tentativi di persuasione morale che non hanno sortito alcun effetto”.

Vane infatti, negli anni, le lamentele dei residenti e gli accorati appelli.

Gli interessati sono pertanto, con effetto immediato, “diffidati ad ottemperare alla pulizia del proprio spazio vendita, alla raccolta differenziata dei rifiuti secondo le direttive impartite dai servizi comunali competenti ed a rimettere in pristino l’assetto dell’area ottenuta in concessione”, pena la possibilità di incappare nella revoca dello stallo stesso.

Il sindaco, in più, approfitta per ricordare l’orario di chiusura del mercato stesso. L’autorizzazione infatti ha validità fino alle ore 13e30, deadline non sempre rispettata.

Domani stesso, proprio in occasione del mercato settimanale, la polizia locale consegnerà brevi manu la lettera di diffida a tutti i “mercatari”.

Staremo a vedere se la decisione del primo cittadino di mettere per iscritto l’invito sortirà effetto o se i destinatari faranno ancora…”orecchio da mercante”.

Chiuri intanto non esclude ulteriori ripercussioni: “Non è più tempo di scherzare. Non escludo, qualora l’andazzo non dovesse cambiare, la chiusura temporanea del mercato settimanale“.

Di seguito la lettera completa.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus