Connect with us

Tiggiano

A Tiggiano la Festa e la Fiera di Sant’Ippazio

Tra le ricorrenze in onore di Sant’Ippazio, il 19 gennaio, una fra quelle certamente più note ha luogo a Tiggiano, piccolo centro dove

Pubblicato

il

Tra le ricorrenze in onore di Sant’Ippazio, il 19 gennaio, una fra quelle certamente più note ha luogo a Tiggiano, piccolo centro dove da sempre la festa per il protettore degli organi genitali maschili è abbinata alla tradizionale Fiera, e per questo diventa meta di numerosissimi fedeli e curiosi provenienti da tutta la provincia. La “Fera de Santu Pati”, infatti, viene risaltata dal fatto di essere definita il “Capodanno contadino”, ossia il periodo che si caratterizza per l’inizio delle colture agricole più importanti. Anche quest’anno, nel corso della Fiera del bestiame e dei prodotti agricoli che si terrà sin dalle prime luci dell’alba di mercoledì 19, non mancheranno fra le bancarelle le tipicità assolute quali le “scìscele” (giuggiole) e le “pestanache”, carote dolci di dimensioni considerevoli, adatte al consumo fresco, a cui la sera prima, martedì 18, sarà dedicata la Sagra, in Piazza Aldo Moro, a partire dalle 19, a cura del Comitato Festa e della Pro Loco. L’intrattenimento prevede l’esibizione del gruppo teatrale “I MalfAttori”. Tornando a mercoledì 19, la Processione si snoderà dalle 16, accompagnata dalle note del Concerto Bandistico Città di Racale, dopo che un’asta tra squadre avrà assegnato l’onore di portare in spalla la statua del Santo ed un rappresentante del gruppo avrà eseguito il rito dell’innalzamento dello “starnaddhu”, asta lunga sette metri, avvolta da un pesante panneggio e sormontata da una pigna di cinque chili.

Continua a Leggere

Alessano

SS275: “Km di parole diventino km di strada”

Atto d’intenti tra Regione Puglia e Associazioni del territorio: “Basta tergiversare, in assenza di un progetto esecutivo  c’è il rischio di perdere il finanziamento di  288 milioni”.

Pubblicato

il

Tra Regione Puglia, rappresentata dall’assessore Infrastrutture e Mobilità, Lavori Pubblici, Difesa del Suolo, Risorse Idriche e Tutela delle acque, Giovanni Giannini  e le associazioni che operano sul territorio:Ance Lecce (rappresentata dal presidente Giampiero Rizzo); Confindustria Lecce (presidente Giancarlo Negro); CLAAI Puglia (presidente Luigi Quaranta); CNA Costruzioni Lecce (presidente Fernando De Carlo); Confapi Lecce (presidente Anna Maria Altomare); Confartigianato Lecce (presidente Luigi Derniolo); Confcommercio Lecce (presidente Maurizio Maglio); Confesercenti Lecce (presidente Luigi Muci); FAI (presidente Carlo Taurino); Ordine dei Geologi di Puglia (presidente Salvatore Valletta); Ordine degli Architetti di Lecce (presidente Rocco De Matteis); Collegio dei Geometri di Lecce (presidente Luigi Ratano); Ordine degli Ingegneri di Lecce (presidente Raffaele Dell’Anna); Ordine dei Periti Industriali di Lecce (presidente Daniele Monteduro); CGIL Lecce (segretario Valentina Fragassi); FILLEA-CGIL (segretario Simona Cancelli); CISL Lecce (segretario provinciale Antonio Nicolì); FILCA-CISL (segretario Donato Congedo); UIL Lecce (segretario Salvatore Giannetto); FENEAL-UIL (segretario Paola Esposito).

Alla presenza degli assessori regionali Giovanni Giannini e  Loredana Capone, del presidente della Provincia di Lecce Stefano Minerva, del Sen. Dario Stefàno, dell’On. Veronica Giannone, degli Eurodeputati Raffaele Fitto e Andrea Caroppo, dei consiglieri regionali Ernesto Abaterusso, Cristian Casili e Saverio Congedo, del sindaco di Gagliano del Capo Carlo Nesca e del sindaco di Maglie Ernesto Toma, le parti rappresentate hanno convenuto di siglare un documento indirizzato al Governo contenente la richiesta unanime d’intervento per la realizzazione della SS 275 Maglie-Leuca.

I firmatari hanno “richiamato l’attenzione di tutte le istituzioni interessate per attivarsi affinché l’ammodernamento della SS 275 possa diventare in brevissimo tempo opera cantierabile”.

Hanno inoltre, evidenziato come, ai sensi e per gli effetti dell’art. 44 del Decreto Crescita, ci sia “in assenza di un progetto esecutivo (“ipotesi oggi reale”), il rischio di perdere, il finanziamento di  288 milioni di euro per la realizzazione della SS 275”.

Per questo motivo hanno sottoscritto un documento con tre richieste chiare e concrete.

Al Governo è stato chiesto l’impegno “a sottoporre, nel minor tempo possibile, al CIPE la documentazione necessaria per la conseguente approvazione del progetto esecutivo del primo lotto”.

Agli Enti interessati alla realizzazione del secondo lotto della SS 275, è stato invece richiesto l’impegno “entro due mesi, a decorrere dal 17 giugno 2019, a raggiungere una decisione definitiva, da non porre più in discussione, al fine di consentire al soggetto attuatore, ANAS, di avviare la procedura di progettazione”;

E, qualora gli Enti interessati non dovessero rispettare i termini indicati, i soggetti sottoscriventi il documento hanno chiesto “alla deputazione salentina di attivarsi per un immediato avvio delle procedure per il commissariamento dell’opera”.

Concludendo,  “è emersa la necessità di dialogare con le istituzioni competenti circa la realizzazione dell’opera”, e per questo le parti coinvolte hanno chiesto “un incontro urgente con i rappresentanti del Governo competenti in materia” ed auspicano che detto incontro possa avvenire “nel minor tempo possibile”.

Continua a Leggere

Attualità

Tiggiano, il nuovo sindaco si confessa

Dal mio gruppo lealtà, impegno e abnegazione nell’interesse supremo dei cittadini di Tiggiano

Pubblicato

il

INTERVISTA ESCLUSIVA AL NUOVO SINDACO DI TIGGIANO, GIACOMO CAZZATO, 30 ANNI

Il suo paese ha scelto da dare una svolta alla vita amministrativa scegliendo un sindaco giovane. Quali saranno i segnali di rottura con il passato? Dobbiamo aspettarci grossi cambiamenti?
«Io ho 30 anni e il mio nuovo gruppo politico un’età media di 37 anni, tuttavia ci siamo riproposti rinnovati ma in continuità con il passato. Passato di cui siamo orgogliosi seppur coscienti che tanto è ancora da fare sul piano politico, sociale e culturale nella nostra piccola e operosa comunità. Concentreremo tutte le nostre forze sul piano sociale, urbanistico e ambientale . Essere giovani e amministratori è la normalità nel resto d’Europa mentre per noi italiani rimane ancora una novità e molto spesso una prova doppia per chi vive funzioni istituzionali trovandosi ogni giorno ad operare in un territorio carico di contraddizioni».

Il gruppo che ha vinto le elezioni è frutto di un esperimento politico interessante. Parte dell’opposizione e la maggioranza hanno fatto un passo indietro, per farne insieme due in avanti (“un nuovo simbolo, inserimento di giovani, un programma concreto”. Le due diverse “provenienze” hanno espresso sindaco e vice sindaco). Il risultato elettorale è anche il frutto di un desiderio diffuso di serenità e unità?
«Esattamente, un momento di maturità e soprattutto di chiarezza in una fase di turbolenza e confusione per entrambi gli schieramenti politici, che hanno vicendevolmente visto rimischiarsi le carte. I cittadini, a cui è data autonomia e libertà di giudizio, si sono espressi in modo chiaro e inequivocabile».

Secondo taluni l’esperimento a cui avete dato vita è anche rischioso: quali sarebbero a suo avviso questi rischi? Come scongiurarli?
«Nessun rischio perché la serietà e la qualità umana e professionale del mio gruppo politico sono assolutamente indiscutibili. Lealtà, impegno e abnegazione nell’interesse supremo dei cittadini di Tiggiano».

I protagonisti di questa coraggiosa svolta sono tanti, anche se ovviamente, in questa fase, il rischio che qualcuno tenti di prendere i meriti in modo esclusivo ci può stare. «Il merito e il fiuto del meglio che abbiamo messo in campo, con uno schieramento moderato e molto progressista, è senza dubbio del gruppo consiliare uscente, dell’ex Sindaco Ippazio Morciano e della sua giunta in primis che hanno saputo cogliere la disponibilità per un nuovo progetto da parte di un pezzo dell’opposizione scommettendo sul mio nome dopo 10 anni di servizio da consigliere comunale, chi mi conosce potrà fornire poi di me referenza in autonomia; ciò ha sprigionato energie nuove a coronamento di un capitale umano che posso serenamente definire ottimo. La vittoria del nostro gruppo è senza dubbio una disponibilità ad abbracciarsi e a costruire comunità che pochi territori simili al nostro hanno sperimentato».

Si è già posto degli obiettivi da raggiungere nei canonici primi 100 giorni?
«Stiamo provvedendo a mettere in piedi un team che si occupi di progettazione per l’innovazione sociale. Ma è solo una delle prime cose che ci accingiamo a fare. Non credo molto agli obiettivi prefissati nei 100 giorni ma meglio a quelli che si raggiungono nel lungo periodo, sono convinto che da qui a 5 anni avremo molte cose da rendicontare».

Continua a Leggere

Appuntamenti

Olimpiadi senza barriere a Tiggiano e Cerfignano

Al Villaggio Olimpico di Cerfignano – Santa Cesarea Termee all’Oratorio di Tiggiano la  Festa della Primavera: iniziativa del progetto “Ci mettiamo in gioco” dove lo sport è uno strumento di inclusione

Pubblicato

il

Il Partenariato del Progetto “Ci mettiamo in gioco”, composto dall’ASD “Oratorio S. Ippazio” di Tiggiano (capofila), l’Oratorio “Karol Wojtyla” di Cerfignano, la Pallavolo Azzurra di Alessano e l’Azzurra Donne di Alessano, comunica che nei giorni: 7, 8 e 9 giugno presso il Villaggio Olimpico di Cerfignano – Santa Cesarea Terme, si svolgeranno le “Olimpiadi senza barriere – Festa della primavera” e all’Oratorio  S. Ippazio “Luci Perti” a Tiggiano (Via Chiuse I).

Il programma di Cerfignano prevede per venerdì 7, alle 9, la cerimonia d’apertura con i saluti e gli interventi di: Pasquale Bleve, sindaco di Santa Cesarea Terme; Ettore Caroppo, sindaco di Minervino di Lecce; Alessandro Stefanelli, dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo di Minervino; Paolo Aprile, d.s. dell’Istituto Alberghiero di Santa Cesarea Terme e Liceo Artistico Poggiardo; Rossano Corvaglia, direttore dell’Ambito di Zona di Poggiardo e del Luogotenente Nicola Perrone, comandante dei Carabinieri di Poggiardo. Si proseguirà con l’accensione della Torcia delle “Olimpiadi senza Barriere” alla presenza di Marco Buscicchio, atleta paralimpico di handbike.

Dalle 10 alle 13, il workshop sul tema dell’inclusione (guidati da tutor specializzati e dall’equipe degli animatori e degli insegnanti).

Dalle 15 alle 19, “Festa della Primavera 2019 Together – Per dare il meglio di sé”, con le fasi preliminari per bambini e ragazzi per Calcio a 5, Volley in acqua, Pallamano in acqua, triathon (vortex, velocità 60 metri, gimkana campestre), laboratori creativi e giochi da cortile.

Dalle 18 alle 19,30 si svolgeranno le fasi preliminari per adolescenti delle attività di volley in acqua e pallamano in acqua.

Dalle 21 alle 24 “Wojtyla Cup 2019”, Torneo di Calcio a 5 per adolescenti.

Sabato 8 giugno, dalle 9 alle 13, presso l’Istituto Comprensivo di Minervino, la Festa della Creatività e della Diversità (tutor dell’Istituto Artistico Poggiardo ed Equipe degli animatori).

Dalle 15 alle 19 si svolgerà la “Festa della Primavera 2019 Together – Per dare il meglio di sé” con le fasi finali per Bambini e Ragazzi delle attività di Calcio a 5, Volley in acqua, Pallamano in acqua, Volley, Triathon (vortex, velocità 60 metri, gimkana campestre), e i laboratori creativi e giochi da cortile.

Alle ore 19,30 sarà celebrata la “Santa Messa dello sportivo”, animata dall’Oratorio Parrocchiale.

Dalle 20,30 sarà attivo uno stand gastronomico.

Alle ore 21,30 Caccia al tesoro in notturna per ragazzi e adolescenti.

Domenica 9, dalle 9 alle 17, si svolgerà il torneo a 18 squadre di basket e sarà aperto il Parco divertimenti per bambini e, inoltre, piscine, giochi da cortile, giochi intergenerazionali, giochi interculturali e laboratori creativi.

Attività per Adolescenti: Volley in acqua e Pallamano in acqua. Esibizioni del “Quiddich” (a cura dell’ASD Lunatica Quiddich Team Brindisi), uno sport magico che si pratica a cavallo di manici di scopa volanti con quattro palle e presenta elementi in comune con sport del mondo reale come calcio, pallacanestro, polo, canoa e polo.

Dalle 12 alle 13 partita dimostrativa di Baskin (basket in carrozzina cura dell’ASO Lupiae – Lecce).

Dalle 13 alle 14 pranzo time organizzato daIl’Oratorio parrocchiale.

Dalle 16 alle 190 presso il Salone Oratorio Parrocchiale “ConViviamo Insieme – Piatti e ricette per includere!”, laboratorio interculturale di cucina con famiglie italiane e straniere, presenti sul territorio e provenienti da Marocco, Sri Lanka, Romania, Moldova, Albania, Senegal, Polonia.

Alle ore 18, in Piazza Umberto I “Radici & Ali”, Concerto musicale – Cultura, Sport, Accoglienza, Musica, Cucina, Inclusione, Diversità. Testimonianze, esibizioni e premiazioni, con le partecipazioni di: Marco Buscicchio, atleta paraolimpico; Roberto Sodero della Nazionale Italiana Amputati; Antonio Benarrivo, vicecampione del mondo di calcio Usa 94; Pippi Leo, allenatore professionista; Associazione Io Posso… di Calimera; Coro “Note di Luce” dell’Oratorio Parrocchiale Cerfignano; “Coro IIVOX Maris” di Santa Cesarea Terme; Miracle Gospel Choir, Scuola Danza e Spettacolo di Spongano; il gruppo musicale “Le Lion d’Afrique Trio“; i Tamburellisti di Torrepaduli, special guest Antonio Castrignanò.

Sabato 8 a Tiggiano

Per quanto riguarda l’appuntamento di Tiggiano, il programma prevede sabato 8, alle ore 15.30 l’accensione della Torcia  proveniente dall’Oratorio “Karol Wojtyla” di Cerfignano – Santa
Cesarea Terme.

A seguire si svolgeranno: i Giochi di Cortile (Tiro alla fune, Palla avvelenata, Gioco del fazzoletto, corsa con i sacchi,  ecc.) a cura delle catechiste CSI – Centro Sportivo Italiano
parrocchiale , successivamente a cura del CSI – Centro Sportivo Italiano parrocchiale,si svolgeranno i tornei di: Beach volley, di  Bocce, di tennis tavolo e di calciobalilla e la corsa campestre e la
Biciclettata a cura di tutte le Associazioni di Tiggiano.

Alle ore 17, ci sarà l’inaugurazione del campo di calcetto rinnovato e intitolato a “Gianni Rizzini, Alberto Marzo e Simone Magno”, alla presenza di Mons. Vito Angiuli, Vescovo di Ugento – Santa Maria di Leuca, di Giacomo Cazzato, sindaco di Tiggiano e di Marco Buscicchio, atleta paralimpico di handbike .

Al termine della cerimonia si svolgerà un torneo di calcetto.

Alle ore 20 nella Sala dell’Oratorio si svolgerà l’incontro:  “Voglio un Campione! Lo sport come luogo di formazione o di illusione?” moderato dal gornalista Maurizio Antonazzo.
Interverranno: Giacomo Cazzato, neoeletto sindaco di Tiggiano; Don Gionatan De Marco, direttore Ufficio Nazionale Turismo, Tempo Libero e Sport della
CEI Conferenza Episcopale Italiana; Francesca Lanciano, campionessa italiana salto triplo 2019 indoor; Marco Buscicchio, atleta paraolimpico; Mirko Corsano, direttore sportivo Pallavolo Azzurra Alessano; e Don Biagio Errico, responsabile degli oratori di Ugento.

A conclusione dell’incontro, si svolgerà la premiazione dei ragazzi partecipanti ai giochi.

Alle ore 21,  concerto musicale proposto da alcuni componenti dei  Tamburellisti di Torrepaduli e della Compagnia della Notte della  
Taranta con i ragazzi del corso di tamburello e di pizzica, con ospiti speciali: Donato Nuzzo, Laura Boccadamo e Romolo Crudo.

L’iniziativa gode del Patrocinio della Diocesi di Ugento – Santa Maria di Leuca, dell’Ufficio nazionale per la pastorale del tempo libero, turismo e sport della CEI – Conferenza Episcopale Italiana, del CSI Centro Sportivo Italiano e della Cooperativa “L’Adelfia” di Alessano.

Il progetto “Ci mettiamo in gioco”, realizzato con il contributo dell’Ufficio per lo Sport, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, intende allargare le opportunità di accesso allo sport per bambini, ragazzi e adulti che si trovano alla periferia del sistema sociale per difficoltà economiche, fisiche , psichiche, culturali. Offre occasioni di incontro e interazione tra diverse culture, età, abilità e capability.

Si svolge nel Sud Salento: terra estrema riconosciuta come area interna depressa, da sempre terra di sbarchi e di accoglienza.

Il partenariato ha scelto un percorso di aggregazione inclusiva attraverso attività sportive e ludico-ricreative rivolte a famiglie a basso reddito con problemi di abbandono scolastico e immigrate, spesso in presenza di minori non accompagnati, andando a operare nell’ambito dell’educazione extra-scolastica dei minori e dell’inclusione dei giovani, migranti e portatori di diverse abilità che versano in situazioni di disagio sociale.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus