Elezioni, il futuro di Tricase/1: Carlo Chiuri

CARLO CHIURI, AVVOCATO, 50 ANNI

(CAMBIAMENTI – TRICASE PUNTO E A CAPO – DIREZIONE TRICASE – NOI PER TRICASE – UDC)

Cosa farà nei primi 100 giorni?

TRICASE e i TRICASINI, prima di tutto, hanno bisogno di una buona amministrazione, di un’amministrazione di “salute pubblica”, di un governo cittadino che dia serenità, normalità e tranquillità. Garantire la “normalità”: questo sarebbe davvero “straordinario” nei primi cento giorni!

Un provvedimento della vecchia amministrazione che non le è piaciuto?

Più che i provvedimenti non mi sono piaciuti i “comportamenti”. La politica, purtroppo, si è allontanata dai cittadini ovvero dalla sua ragion d’essere. Il divario che si è creato ha generato un vuoto di valori e di iniziative con conseguenze evidenti a tutti. Bisognerà rimboccarsi le maniche e lavorare con impegno.

LAVORO: quali le priorità?

É necessario proporre progetti di sviluppo di concerto con soggetti istituzionali pubblici e privati, favorendo la crescita dei diversi settori dell’economia locale: agricoltura, piccola e media impresa, artigianato, turismo, agriturismo, commercio, ambiente, cultura, ecc.

Commercio: sempre meno aziende. E l’Associazione  Commercianti lamenta poca collaborazione…

Il commercio rappresenta una delle risorse fondamentali per l’economia cittadina, pertanto l’intento è quello di potenziare tale settore attraverso specifiche misure incentivanti. La vera svolta potremmo averla proprio agendo in collaborazione con i commercianti.

ACAIT: dopo tanto tempo perso, quale sarà il primo provvedimento che adotterà?

L’ACAIT merita un discorso specifico, perché parte integrante della storia recente della nostra comunità. É necessaria una riqualificazione e riutilizzazione di tutti gli immobili.

Valorizzare il patrimonio ACAIT come nuovo punto nevralgico della città che potrebbe porsi come potenziale contenitore degli uffici amministrativi. Alcuni locali, quelli retrostanti, inoltre, potranno essere destinati a museo dell’attività tabacchina in memoria di chi ha contribuito a sostenere un’attività che ha rappresentato per l’intero Capo di Leuca la maggiore fonte di ricchezza. Il circostante terreno potrò essere adibito a parcheggi risolvendo favorevolmente uno dei principali problemi di cui soffre Tricase.

TURISMO: dovrà cambiare Tricase per attrarre più turisti?

L’Amministrazione Comunale dovrà supportare i soggetti pubblici e privati nel definire in modo condiviso i propri obiettivi concreti, nel costruire reti, partenariati e collaborazioni e partecipare ai bandi. È dunque intenzione accompagnare i percorsi progettuali partecipativi “dal basso” in cui integrare obiettivi di sviluppo sostenibile, inclusione sociale, tutela e valorizzazione delle risorse agricole e paesaggistiche, rigenerazione urbana, riconversione ecologica e finalità delle azioni riguardanti la promozione del turismo.

MARINE: cosa cambierebbe?

Nel quadro di una sistematica valorizzazione delle nostre risorse attrattive, una grande attenzione intendiamo rivolgerla alle nostre Marine. Alla bellezza del paesaggio bisogna unire una buona organizzazione degli interventi e delle attività per rendere le nostre coste più fruibili e, nello stesso tempo, favorire l’investimento dei privati.

DECORO DELLA CITTA’: nonostante il rifacimento di alcune strade, Tricase versa in uno stato indecoroso…

Tricase deve diventare il paese del bel stare e benestare, perché la dimensione turistico-culturale di Tricase, dei Rioni, delle Frazioni e delle marine, rappresentano la piattaforma ideale per misurare e promuovere i tanti talenti della nostra comunità.

Perché l’intera comunità di Tricase sia realmente competitiva sul mercato turistico, è indispensabile programmare una serie di interventi di recupero di quella parte di patrimonio storico-artistico che, a dispetto del suo pregio, versa in stato di trascuratezza.

BAMBINI, DISABILI ED ANZIANI: secondo lei Tricase è a loro misura? 

L’invecchiamento della popolazione ha una forte ricaduta sulla strutturazione dei servizi sociali: risulta necessario rivolgere una grande attenzione alle esigenze della cittadinanza anziana in termini di assistenza e di supporto specifico, ma anche in relazione ad attività ricreative e ad iniziative specifiche di tipo culturale e sociale.

In questo settore ritengo indispensabile il contributo delle libere associazioni e del volontariato perché  rappresentano una ricchezza culturale, sociale ed economica per Tricase; per cui sarà consolidata ed estesa la loro collaborazione e sarà dato ampio spazio alle loro iniziative per venire incontro alle fasce più deboli e più fragili.

CITTADINA DELLA SALUTE/OSPEDALE: volano unico per Tricase o idea superata?

L’Ospedale Generale Provinciale “Card. Giovanni Panico” merita una particolare attenzione per una molteplicità di motivi. Nel nostro programma amministrativo abbiamo parlato di Servizi sanitari, all’interno dei quali un posto importante occupa sicuramente l’Azienda ospedaliera “Card. G. Panico”.

SEMPRE PIU’ POVERI: quale strategia adottare?

Partendo da un dato di fatto, cioè che Tricase non è più una società agricola, ma non è nemmeno una società operaia e tenendo conto che, negli ultimi 30 anni, ha avuto un sensibile sviluppo solo nei servizi, è necessario lavorare per il miglioramento dei servizi sul piano quantitativo e qualitativo, partendo, nel nostro operare politico quotidiano, dai bisogni reali e concreti della popolazione per fare e realizzare programmi e progetti credibili per le persone meno abbienti.

Ad un eventuale BALLOTTAGGIO  possibili alleanze?

Siamo agli ultimi giorni della prima fase della campagna elettorale, poi vedremo.

Tags:


Commenti

commenti