Connect with us

Tricase

L’ex Adelchi alla Olc di Specchia per 400mila euro

Base d’asta 11 milioni. Bramato dell’azienda di Costruzioni Metalmeccaniche e Carpenteria Metallica ha versato la cauzione e dovrà pagare il resto entro 90 giorni per concludere la transazione

Pubblicato

il

Il complesso che una volta ospitava la Nuova Adelchi Spa è stato acquistato all’asta, alla modica cifra di 400mila euro dalla O.L.C. srl, Costruzioni Metalmeccaniche e Carpenteria Metallica azienda di Specchia facente capo ad Oronzo Bramato.

L’immobile sin dal fallimento, dichiarato dal tribunale di Lecce nel 2014, è rimasto inutilizzato, una cattedrale nel (semi)deserto della zona industriale di Tricase. Sicuramente molto meno movimentata da quando, erano i tempi d’oro, circa duemila persone ogni giorno si recavano in fabbrica a lavorare per il noto calzaturificio.
Bramato ha sicuramente fatto un affare perché rispetto alla base d’asta di 11 milioni di euro ha acquistato con il 96% di sconto!

L’imprenditore di Specchia ha già versato la cauzione e dovrà versare la residua somma entro 90 giorni per definire l’acquisto.

La O.L.C., Costruzioni Metalmeccaniche e Carpenteria Metallica, nasce nel 1969 come impresa artigiana specializzata nella produzione di calibri fissi di controllo.

Successivamente, attraverso un accurato programma di investimenti, l’azienda abbandona la dimensione artigianale per darsi un assetto societario più consono alle sue caratteristiche ed a quelle della sua clientela.

Oggi, proprietaria di un insediamento industriale di 30.000 mq. dei quali 7.500 mq. coperti, dotata dei più moderni impianti di lavorazione e con oltre 102 collaboratori altamente specializzati alle sue dipendenze, la O.L.C. si pone di diritto fra le aziende leader del settore.

“O.L.C., una realtà calibrata sulle esigenze del mercato”, si legge sul sito internet dell’azienda e, se oggi ha deciso di fare questo investimento, sicuramente avrà i suoi buoi motivi. Nella speranza che le sue fortune possano anche essere quelle dell’intero territorio.

Giuseppe Cerfeda

Appuntamenti

Tricase, Sant’Andrea: festa a Caprarica

L’ultima di Don William Del Vecchio (sarà sostituito dal giovane Don Luigi Stendardo) prima del trasferimento a Corsano

Pubblicato

il

Appuntamento a Caprarica di Tricase per i festeggiamenti estivi in onore di Sant’Andrea apostolo, protettore del borgo tricasino.

Come da tradizione, oltre alla rituale festa invernale del 30 novembre, andrà di scena la versione estiva, nata con l’intenzione di creare un vero e proprio ritrovo a cielo aperto di comunità, con la partecipazione anche degli emigranti che proprio in estate fanno ritorno nella loro terra d’origine per trascorrere le vacanze.

L’ultima di Don William

Quella di quest’anno, sarà un appuntamento particolare per Don William Del Vecchio (foto grande in alto) in quanto, dopo nove anni di attività, celebrerà per l’ultima volta nelle vesti di parroco, i riti religiosi in onore del santo, prima del trasferimento presso la parrocchia di Corsano, come già comunicato dalla Diocesi, per essere sostituito dal giovane Don Luigi Stendardo.

L’edizione 2019 della festa è prevista per venerdì 19 e sabato 20 luglio, anche se i riti religiosi attenderanno l’evento con diversi momenti di preghiera previsti nei giorni antecedenti a quelli dei festeggiamenti.

Si partirà martedì 16 con il Triduo in preparazione della Festa, che seguirà anche mercoledì 17 e giovedì 18 con la recita del Santo Rosario prevista per le ore 18,30 e a seguire la Santa Messa nella chiesa di Piazza Sant’Andrea.

Giovedì 18, l’Adorazione eucaristica a partire dalle ore 20, mentre venerdì 19 vi saranno due sante messe giornaliere, alle 9 e alle 19; al termine di quest’ultima è prevista la processione per le vie del paese, accompagnata dalla musica dello storico “Gran concerto Bandistico G. Piantoni” di Conversano. Le due sante messe saranno replicate, sempre negli stessi orari anche nella giornata di sabato 20.

La processione del venerdì, partirà da Piazza Sant’Andrea.

Come di consueto, ad accompagnare i momenti religiosi, vi sono i festeggiamenti civili, dove tradizione culinaria, cultura e revival musicale faranno da filo conduttore dei due giorni di festa. Sarà infatti presente, in entrambe le serate, il ricchissimo stand gastronomico curato dal Comitato festa “Sant’Andrea apostolo – Madonna di Fatima” organizzatore dell’evento.

Venerdì 19 dalle ore 22 il concerto dei Collage con il loro Inconfondibile Tour che riproporrà, in piazza Sant’Andrea, i grandi successi musicali italiani a cavallo tra gli anni ’70 e ’80.

I Collage, nel 1977 collezionarono una seconda posizione al Festival di Sanremo con il brano Tu mi rubi l’anima e tra le loro canzoni più conosciute vi sono: Un’altra estate, Tu dolcemente mia e Due ragazzi nel sole.

Sabato 20, per tutta la giornata, le strade del quartiere saranno allietate dalla musica del Gran concerto Bandistico Francesco D’Amato di Bracigliano (Salerno). Lo stesso gruppo bandistico allieterà la serata a partire dalle 21,30.

Oltre ai giorni “ufficiali” indicati dal Comitato festa, come da qualche anno a questa parte il weekend si concluderà con uno spettacolo teatrale in piazza, che si terrà sabato 21 luglio alle ore 20,30, grazie alla fattiva collaborazione tra gli organizzatori e l’associazione culturale “Diversamente stabili” che daranno vita alla Commedia teatrale “La cena dei cretini” di F. Veber con la regia di Antonio D’Aprile.

Valerio Martella

Continua a Leggere

Appuntamenti

Turris Magna Città di Tricase: i premiati

Giovedì 25 luglio il riconoscimento sarà conferito a Marcello Piccinni, Massimo Viola, padre Gino Buccarello, Tonio Tondo, Giovanni Zappatore, Cosimo Turco e alle Cantine Cantele

Pubblicato

il

Una serata d’onore per le personalità che si sono particolarmente segnalate nel campo della cultura delle arti delle attività sociali.

Si terrà giovedì 25 luglio (Masseria Aia Nova, ore 21) il Premio Turris Magna Città di Tricase, indetto dall’Associazione Vito Raeli.

Padre Gino Buccarello con Papa Francesco

Come ha spiegato il presidente dell’Associazione, Giuseppe Colazzo: «Da oltre vent’anni, il Premio Turris Magna viene assegnato a personalità che si sono distinte nella loro storia professionale, artistica, culturale e sociale, per attaccamento alla terra e per la promozione del Salento».

Quest’anno la giuria, presieduta dal prof. Hervé Cavallera, ha deciso di conferire il premio alle seguenti personalità che si sono distinte.

Marcello Piccinni, di Tricase, fondatore e amministratore unico di Fiusis, l’innovativa azienda di Calimera, leader del riciclo in ambito nazionale, che produce energia elettrica grazie alla combustione di cippato di legno vergine, raccolto nelle campagne del Salento come scarto della potatura degli alberi di ulivo.

Massimo Giuseppe Viola, responsabile chirurgia generale all’Ospedale “Panico”.

Padre Gino Buccarello, di Gagliano del Capo, recentemente eletto ministro generale dal Capitolo generale dei Trinitari.

Tonio Tondo, giornalista del La Gazzetta del Mezzogiorno.

Giovanni Antonio Zappatore, ingegnere salentino che ha progettato ADAM’S Hand (acronimo di “A Dialogic, Adaptive, Modular, Sensitive Hand”: è una protesi di mano, adatta sia per chi nasce privo dell’arto, sia per chi lo ha perso a causa di un incidente).

Cosimo Turco, della Gre.Tu.ForMarmi S.n.c. di Tricase; l’azienda vinicola Cantele di Salice Salentino.

Come per gli anni precedenti, anche quest’anno, verrà assegnato un premio speciale per la Sezione Arte Contemporanea; presieduto e curato dal prof. Carlo Franza: il Premio Salento Arte”, richiama le opere monografiche di diversi artisti di levatura nazionale e internazionale, su un tema assegnato annualmente dalla giuria. Tema dell’edizione 2019 è:Don Tonino Bello”.

Dopo la premiazione del vincitore, le opere rimarranno esposte dal 27 luglio al 16 agosto, nella Chiesa di San Domenico in Tricase.

Continua a Leggere

Cronaca

Tricase, piazza don Tonino Bello: pompieri salvano gattino

Era rimasto incastrato tra i tubi di areazione degli antichi granai della piazza appena restaurata

Pubblicato

il

Erano almeno una decina di giorni che quel gattino era rimasto incastrato nei tubi dell’areazione sotto la appena restaurata piazza Don Tonino Bello.

I passanti sentivano l’eco del suo miagolio, una richiesta di soccorso che, finalmente, grazie alla certosina opera dei vigili del fuoco del distaccamento di Tricase, ha trovato risposta.

Questa mattina forniti di telecamere e termocamere sono riusciti ad estrarlo sano e salvo ed il gattino ora gode di ottima salute.

Era rimasto incastrato nei tubi di areazione disseminati intorno agli antichi granai ora ricoperti da lastre di vetro.

L’operazione è stata lunga e complicata ma alla fine i vigili del fuoco tricasini hanno potuto festeggiare per il successo della missione.

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus