Otranto-Leuca: nasce l’area marina protetta

L’aerea marina protetta costa Otranto-Leuca, dopo tanti anni di attesa, sarà finalmente una realtà. Lo specchio d’acqua prospicente la costa tra i due importanti centri salentini, è rientrato nella programmazione ministeriale per le nuove aree marine protette in via di istituzione. Nascerà quindi una sorta di riflesso in acqua del Parco Otranto-Santa Maria di Leuca.

Lo si apprende dal sindaco di Otranto Luciano Cariddi che, lusingato, afferma: “Abbiamo lavorato a lungo per vedere realizzato questo obiettivo. Diversi studi sono già stati realizzati nel tempo grazie soprattutto alla collaborazione con l’Università del Salento, che consideriamo partner in questa nostra iniziativa, e grazie ai quali è stata dimostrata la notevole valenza ambientale del nostro mare”.

Grande anche il lavoro necessario a livello istituzionale “per fare in modo che il Ministero dell’Ambiente ci inserisse nella nuova programmazione delle aree marine protette”.

In questo senso fondamentali sono stati “l’appoggio e la collaborazione sinergica ai diversi livelli con la Provincia di Lecce e la Regione Puglia, ma anche con i nostri parlamentari e in particolare grazie al Senatore Francesco Bruni che ha trasferito l’impegno in seno alla Commissione Ambiente del Senato, consentendo di definire finalmente l’iter istitutivo”.

Lo scorso 3 novembre, presso la Sala Consiliare del Comune di Otranto, si è tenuto un incontro operativo alla presenza dei sindaci dei Comuni costieri interessati, dei rappresentanti dell’Università del Salento e dei tecnici di Ispra, incaricati dal Ministero dell’ambiente per aprire le valutazioni circa la perimetrazioni e le previsioni regolamentari, successivamente alle quali verranno coinvolte le comunità e gli operatori in modo da poter valutare insieme il percorso da seguire.

Anche il Centro di Educazione Ambientale Terre di Enea e Legambiente si dicono soddisfatti e ringraziano “le Istituzioni che si sono impegnate in tale progetto promosso ufficialmente dal locale circolo Legambiente G. Morrieri dieci anni fa in occasione dell’edizione idruntina di Mediterre – Fiera dei Parchi del Mediterraneo”.

Tags:


Commenti

commenti