Connect with us

Alessano

Rifiuti interrati: si allargano le ricerche tra terreni pubblici e privati

Riprendono gli scavi alla ricerca di scarti industriali e pericolosi interrati nel sottosuolo del capo di Leuca. Oltre alla zona tra Alessano e Tricase, già oggetto d’indagine, si scava anche in ville private tra Patù e San Gregorio

Pubblicato

il

Sono ripresi, in mattinata, gli accertamenti e le ricerche per l’eventuale presenza di rifiuti pericolosi nel sottosuolo del Capo di Leuca. Le ruspe, guidate dai finanzieri e dai militari del nucleo operativo ecologico di Lecce, stanno scavando alla ricerca di scarti industriali come quelli rinvenuti qualche settimana ad Alessano.

Al momento i siti sotto indagine sono due e sono oggetto di inchieste distinte, accomunate dalla tipologia di scarti cercati. Il primo riguarda la zona tra Patù e San Gregorio, dove l’indagine è coordinata dal sostituto procuratore Valeria Elsa Mignone. Sulla strada che conduce dal paese alla località marittima, gli escavatori, sotto la guida dei carabinieri diretti dal maggiore Nicola Candido, stanno allargando la ricerca tra terreni pubblici e non. Rientrano, infatti, nell’area “a rischio” anche alcune ville private in località “Pozzo Volito”.

La seconda zona soggetta agli scavi è invece la vecchia discarica, chiusa dal 1995, in contrada Matine, tra le campagne di Alessano e Tricase, già oggetto di discussione nei giorni scorsi. In questo caso è il procuratore aggiunto Ennio Cillo a guidare l’indagine nel punto dove è prevista la creazione di un tratto della nuova statale 275. La discarica dismessa aveva già destato forti preoccupazioni in seguito agli scavi di qualche giorno fa che avevano fatto scattare l’allarme diossina tra i sindaci di Alessano, Tiggiano e Tricase. Il timore di un possibile inquinamento della falda acquifera non è ancora scongiurato; continuano pertanto le ricerche condotte dal colonnello Vincenzo Di Rella, in attesa dei risultati delle analisi dei campioni d’acqua prelevati dal sottosuolo in questione.

I sondaggi in quest’area potrebbero portare a conseguenze delicate, con ricadute possibili anche sul progetto della 275. Al momento sono in via d’acquisizione documenti e planimetrie riguardanti i depositi di rifiuti presenti nei vari Comuni. Intanto la delicatezza della questione e il timore per l’inquinamento delle falde acquifere tengono la cittadinanza col fiato sospeso.

Ulteriori aggiornamenti sono attesi nelle prossime ore.

Alessano

Furto a scuola: ripuliti distributori

Furto ad Alessano nella notte. Ignoti fuggono da istituto superiore con magro bottino

Pubblicato

il

A pochi minuti (e non troppi chilometri) di distanza dal furto fallito stanotte a Castro, un altro colpo è andato invece a segno ad Alessano. Seppur, in fin dei conti, per pochi spicci.

Una scuola superiore è stata presa di mira da ladri che, nel buio ed entrando da una finestra, hanno puntato e manomesso i distributori automatici di snack e bevande per sottrarvi l’incasso.

Il bottino non supera qualche manciata di euro e i responsabili sono tutt’ora ignoti: messi in fuga dall’allarme, sono riusciti a scappare prima dell’arrivo dei carabinieri. I quali, ora, cercano di individuarli mediante le immagini riprese dalle videocamere di sorveglianza della zona.

Continua a Leggere

Alessano

Bibliopoint: il primato di Corsano

Comune Capofila primo in Italia, taglia il nastro del Progetto Mibact della “Grande fabbrica delle parole”. Coinvolte anche Presicce e Alessano

Pubblicato

il

Ci siamo: domani, 26 novembre, nella sede del CSV Salento, si inaugurerà la Bibliopoint, luogo di lettura, cultura e non solo.

24 Bibliopoint per consultare e prendere in prestito i libri della biblioteca comunale anche in luoghi inconsueti come studi medici e pediatrici, bar e pub, esercizi commerciali; questo è il progetto la “Grande fabbrica delle parole” di cui Corsano è Capofila in un progetto del MIBACT, che coinvolge anche Presicce e Alessano.

Il taglio del nastro alle 17,30 presso la sede del Centro Servizi Volontariato Salento, in via Campania.

La bibliotechina, ospiterà volumi da consultare o prendere in prestito: lo spazio messo a disposizione nel centro polivalente punta ad essere centro d’aggregazione attorno alla lettura.

«Credo», ha dichiarato Antonella Nicolì, assessore alla cultura di Corsano, «nella magia dei piccoli passi quotidiani, nel far entrare l’oggetto libro tra gli oggetti familiari. Chi ama scambiarsi opinioni ed esperienze di lettura in questo luogo d’elezione rafforzerà quel senso comunitario che man mano sta sparendo anche nei piccoli centri».

Per il Centro Servizi, ospitare la Bibliopoint , sarà un punto d’onore», ha spiegato Luigi Conte, Presidente CSVS, «sia perché la cultura è il miglior veicolo per trasferire valori di cui anche noi siamo vettori, sia perché con l’installazione si riconosce il nostro spazio come punto di riferimento sul territorio»

La Bibliopoint fa parte di un puzzle iniziato 6 anni fa con la promozione della lettura nelle scuole e nelle piazze, luoghi diversi dalla consueta biblioteca comunale che daranno vita ad una biblioteca diffusa epicentro di iniziative connesse.

Il progetto vinto da questi 3 comuni nell’ambito dell’Avviso Pubblico Città che Legge 2018, si è classificato primo in Italia nella categoria dei Comuni con popolazione compresa fra 5.001 e 15.000 abitanti.

La biblioteca “diffusa” permetterà di installare strategicamente scaffali tematici sul territorio dei tre comuni coinvolti, “in spazi di scambio e relazioni  negli ambienti della vita quotidiana”.

Grazie alla grande fabbrica delle parole saranno organizzati incontri di lettura ad alta voce e presentazioni di libri, incontri/laboratori, coinvolgendo gli Istituti comprensivi dei paesi aderenti.

I partecipanti saranno guidati in una riflessione sui libri e sulla narrazione, per lo sviluppo del pensiero critico alla base della crescita di lettori forti e autonomi.

M.Maddalena Bitonti

Continua a Leggere

Alessano

Spunta “auto fantasma” in incidente mortale di Siria

Avrebbe tagliato la strada alla Clio finita contro il muro: si indaga per omicidio stradale, lesioni personali gravissime e omissione di soccorso

Pubblicato

il

C’è un nuovo indagato per la morte della 17enne Siria, la ragazza di Presicce deceduta in un terribile incidente stradale sulla SS275 lo scorso 1 novembre.

Si tratta di un uomo di Alessano, di 47 anni, che con la sua vettura avrebbe tagliato la strada alla Clio a bordo della quale viaggiava la vittima assieme alle sue sorelle ed al cognato, sopravvissuti con gravissime ferite all’impatto.

Il guidatore della “auto fantasma” è stato ascoltato dai carabinieri ed ora è indagato per omicidio stradale, lesioni personali gravissime e omissione di soccorso.

Il meticoloso lavoro dell’Arma volto ad individuare il 47enne ha portato così a confermare la tesi di una seconda vettura coinvolta nell’accaduto. Tesi da subito sostenuta dagli amici dei ragazzi a bordo della Clio che, con un’altra automobile, seguivano proprio la Clio stessa ed hanno assistito inermi all’accaduto.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus