Connect with us

Attualità

Tricase: antichi granai e grossa cisterna sotto la piazza

La scoperta durante i lavori per il rifacimento del basolato. L’ing. Ferramosca sulla cisterna: “Profonda 8, lunga 5 e larga 2,5 mt. Interamente scavata a mano e rivestita in coccio pesto come si faceva all’epoca. Viste le dimensioni probabilmente veniva utilizzata per la raccolta d’acqua di una vasta zona del centro”

Pubblicato

il

Gli operai incaricati stavano effettuando i lavori per i rifacimento del basolato in piazza don Tonino Bello, proprio di fronte all’ingresso della Chiesa della Natività, quando si sono imbattuti in due antiche stanze, probabilmente  due granai di cui non si aveva memoria.

A pochi metri di distanza un’altra ampia stanza, con ogni probabilità una  cisterna, risalente ad almeno due, trecento anni fa, ispezionata dai tecnici con l’aiuto dei  vigili del fuoco del distaccamento di Tricase coordinati dal caposquadra esperto Cosimo Monsellato, che hanno provveduto alla sicurezza di coloro che sono scesi per il primo sopralluogo.

Ovviamente sono subito stati fermati i lavori e, sul posto, oltre ai vigili del fuoco, sono subito arrivati l’assessore Sonia Sabato, l’ingegnere capo del Comune Vito Ferramosca, il geometra comunale Francesco Cassiano, il parroco della Chiesa Madre, don Flavio Ferraro.

Abbiamo raggiunto l’ingegnere comunale Vito Ferramosca che ha spiegato: “Non è una situazione del tutto inattesa non è il primo ritrovamento del genere che avviene nel centro di Tricase. Dovrebbe trattarsi di due granai e di una cisterna. Quest’ultima profonda 8, lunga 5 e larga 2,5 metri. Interamente scavata a mano e rivestita in coccio pesto come si faceva all’epoca. Viste le dimensioni probabilmente veniva utilizzata per la raccolta d’acqua di una vasta zona del centro”.

Sulla data esatta in cui è stata realizzata l’ingegnere del Comune non si sbilancia: “Stiamo valutando, prima di sbilanciarci aspettiamo il sopralluogo della Soprintendenza”.

Lo stesso vale anche per i prossimi interventi: “L’idea è quella di mettere in coda alla pavimentazione gli elementi lapidei ritrovati e magari con una grata lasciare visibili cisterna e granai. Prima, però, è necessario il parere della soprintendenza”.

 

Attualità

Una scuola come nuova per Otranto

Per primaria e secondaria un edificio più sicuro, funzionale e bello

Pubblicato

il

Negli ultimi mesi, sono stati eseguiti interventi che hanno riconsegnato a ragazzi e docenti un edificio più sicuro, funzionale e bello.

La struttura è stata messa in sicurezza negli elementi strutturali e impiantistici, adeguata sismicamente e rinnovata funzionalmente nella palestra, negli spazi esterni e nei due ingressi (oggi un percorso coperto protegge i ragazzi fino ai cancelli).

L’inserimento di un ascensore ha reso fruibile il primo piano anche ai diversamente abili.

La scuola secondaria

La palestra

Continua a Leggere

Attualità

Taviano senz’acqua martedì 15 ottobre

Sospensione dell’erogazione idrica dalle 8 alle 16: Aqp raccomanda ai residenti della cittadina di razionalizzare i consumi, evitando gli usi non prioritari dell’acqua nelle ore interessate dall’interruzione idrica

Pubblicato

il

Giornata di possibili disagi quella del prossimo 15 ottobre (martedì) a Taviano.

L’acquedotto Pugliese ha infatti annunciato attraverso il proprio sito che sarà sospesa l’erogazione dell’acqua per otto ore dalle 8 del mattino alle 16.

L’interruzione sarà necessaria per permettere ad Acquedotto Pugliese di effettuare alcuni interventi per il miglioramento del servizio nell’abitato tavianese.

Per consentire l’esecuzione di tali opere, dunque, sarà sospesa temporaneamente la normale erogazione idrica.

I disagi, naturalmente, riguarderanno quegli stabili sprovvisti di autoclave e riserva idrica o con insufficiente capacità di accumulo.

Aqp raccomanda ai residenti della cittadina di razionalizzare i consumi, evitando gli usi non prioritari dell’acqua nelle ore interessate dall’interruzione idrica.

I consumi, infatti, costituiscono una variabile fondamentale per evitare eventuali disagi.

Per maggiori informazioni: numero verde 800.735.735; www.aqp.it (sezione “Che acqua fa?”).

Continua a Leggere

Attualità

Bellanova: “Consulta per crisi climatica e priorità agricole”

L’annuncio della ministra salentina: «Coinvolgeremo anche Enti, Università, imprenditori, organizzazioni agricole e industriali, sindacati, parlamento, regole, cittadini, in un processo partecipativo di scrittura del futuro agricolo, alimentare e ambientale del Paese»

Pubblicato

il

«È  mia intenzione dare vita al Ministero a una Consulta permanente per la crisi climatica e le priorità agricole per costruire insieme il piano strategico nazionale, coinvolgendo anche Enti, Università, imprenditori, organizzazioni agricole e industriali, sindacati, parlamento, regole, cittadini, in un processo partecipativo di scrittura del futuro agricolo, alimentare e ambientale del Paese».

Lo ha annunciato la ministra delle politiche agricole alimentari e forestali  tera Bellnova che ha aggiunto: «Il nostro faro sono gli Obiettivi sostenibili dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, all’interno dei quali l’Italia e la sua agricoltura devono ritrovare un ruolo guida».

«La nostra priorità assoluta è tutelare il reddito degli agricoltori», ha sottolineato l’ex sindacalista di Ceglie Messapica, «la via primaria è garantire competitività alle imprese, a partire dall’utilizzo della leva fiscale».

Presentando le linee programmatiche del dicastero in un’audizione alle commissioni dell’Agricoltura riunite di Camera e Senato la Bellanova ha concluso: «Anche in questa sede voglio ribadire che, come concordato con il ministro dell’Economia Gualtieri escludo un taglio delle agevolazioni per il gasolio agricolo. La missione complessiva del governo è quella di garantire una diminuzione della pressione fiscale e in questo contesto credo vada assicurata attenzione alle esigenze del comparto agricolo».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus