Tricase: il Giubileo dell’Ospedale “Panico”

Com’è stato annunciato, durerà tutto l’anno il giubileo dell’ospedale tricasino ma gli eventi che abbiamo vissuto in questi giorni hanno avuto un’intensità in crescendo che non sarà facile uguagliare.

50 anni fa, il 4 dicembre del 1967, veniva ricoverato il primo paziente: una data memorabile che è stata ricordata con un programma straordinario. Tutti gli ambiti sono stati interessati da iniziative che hanno visto al centro il sogno del Cardinale Giovanni Panico divenuto realtà e cresciuto grazie all’amorevole, intelligente dedizione delle suore Marcelline.

L’ambito scientifico-tecnologico-organizzativo è stato il primo ad essere considerato; le tre tavole rotonde svoltesi nella gremita sala del trono a Palazzo Gallone, possiamo considerarle come originale contributo di riflessione sulle problematiche concrete che gravano oggi sulla sanità italiana e in particolare sugli ospedali cattolici “no profit classificati” come il “Panico” di Tricase. I lavori, aperti da sr. Filomena Pedone, superiora generale delle suore Marcelline, hanno visto gli interventi di relatori di prim’ordine nei campi della ricerca scientifica e dell’innovazione tecnologica in ambito sanitario. Le loro qualificate proposte potranno essere oggetto di pubblicazione e rendere ancor più meritevole la scelta del comitato organizzatore di andare oltre l’aspetto meramente celebrativo del giubileo per farlo diventare occasione di crescita e apertura di prospettive sempre più avanzate.

Nella giornata del 4 dicembre, il momento più importante è stato la presentazione del Bilancio di Mission da parte della tricasina direttrice generale dell’ospedale, dott.ssa sr. Margherita Bramato. Un ospedale dalla «crescita lenta ma costante» e aperto al futuro nonostante le difficoltà e fedele al principio, che è anche obiettivo per ogni sviluppo futuro: la solidarietà.

Il 7 dicembre, il prof. Hervé A. Cavallera ha magistralmente condotto, nella sala del trono, la mattinata dedicata al rapporto tra ospedale e territorio, chiusa con l’intervento del sindaco Carlo Chiuri. I giovani studenti, grazie alla collaborazione con gli insegnanti dei vari istituti di Tricase, sono stati protagonisti di questa iniziativa, anche con la produzione di filmati per la raccolta delle testimonianze di persone che sono state in contatto con l’ospedale.

La giornata più solenne è stata quella dell’8 dicembre con la partecipazione di S. Em. il Cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato di sua santità Papa Francesco. Il porporato, in mattinata, accompagnato dal vescovo di Ugento-S. Maria di Leuca, S.E.  Mons. Vito Angiuli, si era recato pellegrino a Leuca per venerare la Vergine de finibus terrae nella Basilica pontificia. L’altra tappa del programma lo ha visto in preghiera presso la tomba di don Tonino Bello ad Alessano: «Un vescovo  che è già santo nel sentimento del popolo…averlo conosciuto è un privilegio ma anche una grande responsabilità».

A pomeriggio è iniziata l’intensa giornata tricasina del Cardinale segretario di Stato vaticano. Alle 16 in punto, accompagnato da mons. Angiuli e da altri vescovi, è stato accolto all’ingresso dell’azienda ospedaliera “Card. Panico” da e sr. Margherita Bramato con le suore Marcelline, dalle autorità civili e militari. Dopo la preghiera nella cappella, sr. Margherita Bramato gli ha rivolto il saluto ufficiale presentando la congregazione e gli impegni nel campo della sanità e della formazione nei vari continenti dove le Marcelline operano. Da lei accompagnato, il Cardinale è giunto nel reparto di pediatria, dove si è soffermato a dialogare con i piccoli degenti e i genitori. Nel reparto di terapia intensiva neonatale ha visto come vengono curati i prematuri, complimentandosi col primario e col personale del reparto. Quindi è passato al blocco operatorio comprendente la sala ibrida per darle la benedizione augurale. Il direttore sanitario, dr. Pierangelo Errico, ha informato il cardinale sulle potenzialità del nuovo gioiello tecnologico di cui l’ospedale si è dotato per rispondere sempre meglio ai bisogni degli ammalati con interventi multipli endoscopici.

Dopo un caloroso discorso di ringraziamento per l’accoglienza e per tutto il bene che l’ospedale ha fatto e fa in virtù della sua connotazione di ospedale cattolico, il porporato, assistito dal cappellano, don Antonio Riva, ha benedetto la sala ibrida e il rito si è concluso con il lungo applauso di approvazione dei presenti.

Subito dopo il card. Parolin, accompagnato dal Vescovo Mons. Angiuli, è stato accolto a Palazzo Gallone dal sindaco di Tricase. Nella Sala del Trono gremita di autorità e di cittadini, Carlo Chiuri gli ha rivolto il saluto di ringraziamento della città « ricca di nobili tradizioni, di storia, patria di uomini illustri come il card. Panico e Giuseppe Pisanelli» ma afflitta dai problemi comuni a tutto il sud soprattutto riguardo al lavoro e ai giovani; infine ha chiesto al porporato di ricordarsi di Tricase nella preghiera.

Il Prefetto, Claudio Palomba, ha porto il saluto del Salento tutto, soffermandosi sulle difficoltà del nostro mondo giovanile; ha sottolineato l’azione positiva per il dialogo e la pace della “Carta di Leuca” voluta da mons. Angiuli, ed ha invitato a proseguire tutti sulle orme di don Tonino Bello «per passare dalla pace della coscienza alla coscienza della pace».

Il cardinale ha risposto ringraziando tutti per l’accoglienza avuta ed ha spronato con dolcezza ad assecondare i desideri di Papa Francesco: stare vicini con carità cristiana a coloroche  hanno bisogno per aiutarli concretamente.

La visita a Tricase del card. Parolin si è conclusa con la solenne celebrazione della Messa in chiesa madre. Con lui hanno concelebrato il nostro vescovo mons. Angiuli, il salentino Card. De Giorgi, Mons. Seccia, nuovo arcivescovo metropolita di Lecce, unitamente a sacerdoti e diaconi della nostra e di altre diocesi. Al saluto iniziale del vescovo diocesano, il cardinale nell’omelia, e dopo la solenne benedizione, ha confermato i sentimenti di gratitudine per questa bella esperienza che ha fatto in mezzo a noi e della quale parlerà a Papa Francesco per informarlo sui buoni sentimenti delle nostre popolazioni e sul bene che vogliono al successore di Pietro. Ha poi parlato della pietà mariana del Cardinale Panico ed ha, infine, declinato i tre valori ai quali si deve ispirare l’azione di un ospedale cattolico e dei cristiani che vi lavorano: «socialità, sussidiarietà e solidarietà» e ha concluso incoraggiando le suore Marcelline ad andare avanti nel cammino iniziato 50 anni fa a servizio degli ammalati e del territorio.

Ercole Morciano

Tags:


Commenti

commenti